Domenica , 23 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Abolizione Comunità montane. Lettera di Enrico Iemboli a Sergio D'Elia
Pedesina. Il comune, in provincia di Sondrio, conta una trentina di abitanti (34 al censimento 2001)
Pedesina. Il comune, in provincia di Sondrio, conta una trentina di abitanti (34 al censimento 2001) 
22 Maggio 2007
 

Lettera del prof. Enrico Iemboli (già sindaco e amministratore di Comunità montana) a Sergio D’Elia primo firmatario delle proposte di legge “Soppressione delle comunità montane” (a.c. 2249) e “Norme per il contenimento dei costi della politica, delle istituzioni e delle pubbliche amministrazioni” (a.c. 2250).

 

 

Esimio On. D’Elia,

Sono stato amministratore comunale (Sindaco per 15 anni, ininterrottamente), amministratore di una comunità montana (Assessore e Vice Presidente), ho maturato nell’amministrazione degli Enti Locali un’esperienza che mi permette di esprimere un giudizio e delle considerazioni che sottopongo alla Sua riflessione e alla Sua sensibilità istituzionale per eventuali azioni o iniziative parlamentari che vanno nella direzione del risparmio della spesa pubblica.

Da quando è cambiato lo status dei segretari comunali (quando venivano nominati dal Ministero dell’Interno per il tramite delle Prefetture, la loro indipendenza giuridica si traduceva in maggiore legittimità degli atti adottati da parte dell’organo politico, che, invece, oggi, con la possibilità di scegliersi tale professionista, viene asseverato e condizionato dalla volontà politica dell’amministratore di turno) e da quando sono stati eliminati i controlli terzi ed esterni sugli atti adottati, è aumentata la produzione di atti illegittimi e conseguentemente la spesa pubblica è aumentata e aumenta in modo spropositato rispetto agli obiettivi concreti. Qualsiasi decisione politica venga presa, viene attuata con atti (delibere o determine) formali, tanto, nessun controllo ne andrà a verificare la legittima della spesa, nemmeno la Corte dei Conti (specie nei Comuni piccoli).

Ma non è solo di questo che desidero parlare, quanto della inutilità di alcuni enti, come ad esempio la Comunità Montana.

Esimio on. D’Elia, cito un esempio che deriva dall’esperienza personale vissuta, la Comunità Montana di cui sono stato amministratore spendeva e spende circa 130-140 mila euro all’anno solo per indennità di carica agli amministratori (per n. 9 assessori, il massimo che consente la legge in proporzione alla popolazione amministrata; con una Assemblea composta da 39 consiglieri la cui convocazione costa anche un occhio della testa) a cui c’era e c’è da aggiungere spese per missioni e trasferte, rimborso spese per raggiungimento sede, spese telefoniche e postali degli assessorati.

Considerato che le Comunità Montane vivono solo di finanza derivata, se alle spese di cui sopra si aggiungono le spese di funzionamento dell’Ente, strutturali e inderogabili (consumo energia elettrica, riscaldamento, telefoni uffici, cancelleria, ecc.), alla fine non resta nulla o pochissimo per “investimenti”.

Di fronte a tale realtà, mi sono chiesto: “se non posso realizzare nessun progetto, cosa debbo rimanere a fare in questo Ente?” Ho così deciso di andare via e sono andato via.

Ho letto delle sue iniziative circa il taglio dei “costi della politica” (L’Espresso del 19 aprile); considerato che esistono Comunità Montane formate da Comuni che sono sul livello del mare e non conoscono la “Montagna”, a parte le considerazioni fatte prima, la prego, non desista dalla sua idea di “eliminare” i carrozzoni politici, forse all’inizio avrà una reazione fisiologica di gente interessata che non vuole che questi Enti chiudano, ma alla distanza, nel tempo, avrà reso un servizio importante alla “società”, quella che non condivide lo “spreco” e i “costi elevati” della politica; ne sarà ricompensato in termini di condivisione, di consensi e di sostegno spirituale.

Visto che sono state rinforzate le Province, che interloquiscono direttamente con i Comuni e con la Regione, non ha senso mantenere in vita le Comunità Montane, che, se proprio si vuole lasciarle in vita, possono essere amministrate da un Comitato di Gestione di max 3-4 persone o tramite una eventuale “Unione delle C.M.” o “Unione delle Valli”.

Da cittadino, grato per ciò che vorrà decidere e fare.

Enrico Iemboli

Rossano, lì 15 maggio 2007

(da Notizie radicali, 21 maggio 2007)

 

Se anche tu vuoi esprimere
la tua opinione sull'argomento

utilizza il nostro sondaggio

e/o inviaci un contributo


Articoli correlati

  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Sondrio Liberale: «Buona la proposta di soppressione dei BIM»
  CCCVa. La montagna italiana manifesta a Roma il 24 ottobre
  Paolo Grifagni. Abolire le Comunità montane?
  Politica, quanto ci costi
  Gino Songini. E non mi si venga a dire che non ci sono soldi
  Abolire le Comunità montane, aggregare e fondere i Comuni. Nuovo sondaggio di Tellusfolio
  Comunità montane: ecco i costi della "politica". Diminuire le spese, come dice Draghi
  Costi della politica. Fassino si dimetta da deputato
  Finanziaria. Passa ordine del giorno D'Elia e Pettinari sui costi della politica
  Pier Paolo Segneri. Combattiamo gli sprechi e aboliamo le Comunità montane
  Consulenze. Non è questo il problema, ma la lottizzazione partitocratica
  Costi della politica. I conti non tornano
  Abolire le Comunità montane? Sì, ma figurarsi se Lorsignori ce lo lasceranno fare!
  Costi della politica. Quando si vede il fuscello e non la trave
  Enti locali. Alla giusta denuncia di Pietro Ichino va aggiunto il malcostume degli straordinari
  Filippo Mancanelli. Perché abolire i BIM?
  'L GAZETIN con TELLUSfolio lancia la proposta di aggregazione dei Comuni sotto i 5.000 abitanti
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Un roveto burocratico inutile e deleterio
  Marco Cappato. Governo: proposte Dini-D’Amico buona base
  Abolire gli enti inutili; il loro emblema sono le Province!
  Comunità montane e nuove province
  Giovanni Bettini. Apriamo una discussione su tutta la marmellata istituzionale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy