Domenica , 20 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Manicomi civili chiusi, quelli criminali ancora aperti 
Lo scandalo degli OPG dimenticati dalla politica
04 Marzo 2007
 

Grazie a Sanremo e alla bella canzone di Simone Cristicchi (foto) si parla dei malati di mente. È l'occasione per ricordare come una lungimirante battaglia per la chiusura degli istituti manicomiali deve ancora essere applicata nella sua interezza. In particolare è mancato fin dall'inizio il lavoro che la sanità a livello locale avrebbe dovuto fare per aiutare le famiglie con un malato di mente. Bene ha fatto Marco Pannella a ricordare come l'astensione allora dei soli radicali all'approvazione in fretta della legge Basaglia nel 1978 -perché senza copertura finanziaria per l'assistenza- fu fatta per evitare il referendum chiesto dagli stessi radicali per la chiusura dei manicomi.

Ma oggi l'Italia è l’unico Paese occidentale ad avere strutture mostruose come quelle dei manicomi criminali. Un'anomalia sfuggita al sistema?

In tutta Italia, per circa mille internati sono sei gli OPG (Ospedali psichiatrici giudiziari)(1) che, nonostante il nome rassicurante di “ospedale”, fanno parte e dipendono dall’Amministrazione Penitenziaria e dal Ministero della Giustizia. L’ordinamento è quello carcerario, con le sue limitazioni di orari delle visite, permessi, polizia penitenziaria, ora d’aria, celle chiuse con le sbarre, ecc.

Finire in questi luoghi abbandonati da tutti è molto facile, basta una perizia psichiatrica prima o durante ma anche dopo il processo o una volta in carcere (i rei folli). Se l’imputato viene ritenuto incapace di intendere o di volere e socialmente pericoloso, esce dal circuito giudiziario. Viene ritenuto non imputabile (in altre parole non condannabile con una pena vera e propria) e gli viene comminata una misura di sicurezza di 2, 5 o 10 anni, che può essere ridotta, o prolungata (i sepolti vivi). Ma in realtà questi imputati che vengono prosciolti, sono comunque condannati ad una pena indefinita.

Sentenze della Corte Costituzionale e indagini parlamentari hanno unanimemente rilevato che esiste una contraddizione tra la funzione sanzionatoria e quella riabilitativa e curativa. Una ambiguità su cui il legislatore deve intervenire.

Come si può instaurare un rapporto di fiducia con una persona con dei disturbi psichici in un ambiente penitenziario? Come stabilire un programma di riabilitazione o comunque un percorso di cura con le limitazioni del carcere? E come fargli capire che le sbarre e le guardie penitenziarie armate stanno vigilando sulla sua salute e soprattutto su quella della società che sta fuori?

Chissà se Sanremo riuscirà a far parlare di questo piccolo mondo; chissà se le lettere di questi matti che passano il vaglio degli agenti penitenziari riusciranno a trovare ascolto; chissà se finalmente si vorrà chiudere questo piccolo ghetto che funziona come valvola di sfogo per una legge Basaglia a cui è mancata l'assistenza locale.

 

Donatella Poretti

 

 

(1) Montelupo Fiorentino, Napoli, Aversa, Barcellona Pozzo di Gotto e Reggio Emilia e uno per sole donne completamente ospedalizzato e senza guardie carcerarie all'interno a Castiglione delle Stiviere.


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Ancora un tentato suicidio in carcere. Il flop del vaccino virus A/H1N1
  Opg. Dismissioni o ristrutturazioni delle strutture?
  Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Montelupo Fiorentino
  OPG Montelupo: prima mancava l'acqua calda, ora quella fredda!
  Ospedali psichiatrici giudiziari: il carcere nuoce gravemente alla salute
  Presentazione del libro “Matti in libertà”
  Opg. Una poesia per dire addio ai manicomi criminali e all'abbandono che hanno vissuto gli internati
  Opg Montelupo: la follia è del sistema
  Opg Montelupo: prorogato il rischio per l'antincendio
  La chiusura degli Opg si allontana, inesorabilmente, senza responsabili
  Domenica/ Matteo Moca. Tarocchi e sogni, Calvino e Sebald, Opg e la storia di Fred Perry
  Opg Montelupo. In attesa della chiusura...
  L'urgenza di predisporre l'“evacuazione” degli Opg
  Ospedali psichiatrici giudiziari: dalla fiducia al Governo la soluzione?
  Opg Montelupo: 10 morti in 10 anni, chiarire anche per il futuro
  Ospedale psichiatrico giudiziario Montelupo Fiorentino. Visita e conferme della situazione schizofrenica
  Chiusura Opg. Se non ora quando?
  Opg: “l'estremo orrore dei residui manicomiali”
  Opg Montelupo. Mancanza delle cure sanitarie: la responsabilità della Regione Toscana
  Donatella Poretti. Telegrammi con richieste di aiuto: la situazione è intollerabile
  Opg Montelupo. Il Dap controlla se stesso sulla sicurezza della struttura?
  Barbarah Guglielmana. AIUTATECI
  I difetti dell'unghia del dito che indica la luna...
  OPG Montelupo: il sovraffollamento cronico, nonostante tutto
  Ospedali psichiatrici giudiziari. "Si avvii indagine conoscitiva!"
  Madri assassine. Alberto Figliolia intervista Adriana Pannitteri
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy