Martedì , 26 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Auguri al Governo per Caserta. Con sberleffo a Forza Italia e Rai
Paolo Bonaiuti
Paolo Bonaiuti 
11 Gennaio 2007
 
Non posso fare gli auguri al governo (come volentieri faccio) per il buon esito del seminario di Caserta senza prima uno sberleffo a Forza Italia e anche uno alla Rai.
Non si è mai visto che un gruppo umano organizzato qualsiasi indichi una scadenza di riflessione e a tutte le presentazioni della stessa la Rai piazzi un oppositore che – senza nemmeno sapere di che si tratta – dice che sarà un fallimento ecc. ecc.: è informazione questa? ed è serietà far credere ai clienti che si sta loro vendendo una merce pregiata, proprio perché è marchiata pubblica? informazione a mio parere non è; non è certo democrazia, ma nel migliore dei casi propaganda e nel normale, tentativo di inciucio. Il capogruppo di AN al Senato sembra un disco. Ogni volta che apre bocca, sia sulle parole di indirizzo di Napolitano (questo è il compito del Presidente, vero?) sia sulle godibilissime autobattute del ministro Amato, ecc. ecc. che sul seminario del governo, su tutto dice –come fosse un Catone redivivo– che prima bisogna distruggere Cartagine, pardon! buttare giù Prodi!
Questo per la forma, che è diventata del tutto normale nella comunicazione politica italiana anche quella pubblica. Si occupasse mai qualcuno di trattare un palinsesto di presenza di temi politici proposti da donne, per esempio: ci sarebbero pochi pettegolezzi.
Ma quanto ai contenuti si richiederebbe a parlamentari in carica e a personaggi che passate e presenti prestigiose cariche ricoprono, che si preparino un po' prima di parlare.
Buonaiuti che cerca di parlare napoletano con l'intento di definire "borbonica" la riunione del governo a Caserta, forse non si ricorda che anche una prestigiosa istituzione militare italiana vi ha sede: come si permette di dire che è "borbonica"? Si dice: è polemica; ma la polemica deve almeno pungere o far ridere, non piangere di compassione.
A sostegno e miglioramento della informazione del Buonaiuti, mi permetterò un consiglio da vecchia professoressa, del resto citando un Altro: in un passo dello Zibaldone, Leopardi –che non aveva bisogno di tale consiglio, data la sua sterminata cultura– scrisse con un velo di ironia che l'unico modo per non mostrare i limiti della stessa, è di non varcarli mai.
Da trenta o quarant’anni la storiografia ha rivisto il giudizio persino sulla Corte di Napoli, una delle più prestigiose in Europa, a tacere della straordinaria cultura illuminista napoletana e del precoce sviluppo industriale di Napoli, che al momento dell'unità era superiore a quello di Milano, poi portato avanti dalla borghesia del nord (contraddizione interborghese che poco giovò al proletariato nazionale destinato a migrazioni ogni dove) borghesia che aveva vinto coi Savoia e anche con le milizie illegali garibaldine, e si fece tutte le leggi fiscali a danno del sud, che non abbiamo ancora finito di restituire, almeno culturalmente, mi ci metto io pure essendo piemontese e niente affatto orgogliosa della corte dei Savoia. Tra l'altro finanziò anche la cosiddetta storiografia del Re, col compito di denigrare tutti gli altri, soprattutto l'avanzatissimo Granducato e persino gli ordinamenti amministrativi del Lombardo Veneto culla del federalismo risorgimentale, sconfitto dal centralismo franco-piemontese.
Comunque, si metta via questa volgare serie di battute antimeridionali davvero arretrate e sciocche: non manca certo la verve al teatro comico e ai grandi attori del sud, per replicare, se vogliono, ma forse non vale, la pena.
Ma non è tutto: risulta a Buonaiuti che esiste una forma di analisi e proposta politologica, che si chiame teoria della complessità, scritta ben più di un paio di decenni fa da Niklas Luhmann, politologo tedesco rappresentante insigne del pensiero corporativo, uomo intelligentissimo col quale bisogna fare i conti almeno nell'analisi (la proposta politica lui la scrisse per Thatcher, Kohl e Reagan e non si può dire che non sia stato bravo!).
La teoria della complessità ha travolto motivatamente, non superficialmente, le ideologie e siamo ancora tutti e tutte qui che facciamo i conti con ciò che viene dopo: le coalizioni sono per l'appunto una forma politica complessa: mi par di capire che anche l'opposizione ci stia sbattendo il muso o no? detto con simpatia: "mal comune..."
 
Lidia Menapace

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy