Martedì , 06 Dicembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Crisi Ue. Recuperare col populismo? 
Occorre proprio il contrario: respon­sa­bi­liz­za­re ed aiutare gli individui
19 Settembre 2016
 

Firenze – L'avanzare dei partiti anti-Ue in varie consultazioni elettorali, il recente “strappo” del nostro primo ministro al vertice di Bratislava con Germania e Francia,1 la poca tangibilità informativa e mediatica delle politiche economiche (Bce soprattutto) rispetto al nostro quotidiano ed altri fattori legati a politiche populiste e attente alle pance piuttosto che alla testa e al portafogli dei cittadini... hanno innegabilmente creato un po' di consenso e attenzione negativa all'istituzione in sé.

Urge porvi rimedio -dicono in molti- visti gli effetti positivi delle politiche Ue di questi ultimi anni che ci hanno evitato isolamento e baratro economico, sociale e politico; effetti positivi che non trovano riscontro nel consenso.

Ma come?

Una proposta arriva dagli eurodeputati popolari (il maggiore gruppo in Parlamento): a tutti i giovani che compiono 18 anni, regaliamo un Inter-Rail, il forfait ferroviario che consente di usare le ferrovie comunitarie illimitatamente per un certo periodo. Un forfait che, sempre più costoso negli anni, di recente è un po' in crisi grazie anche alla concorrenza dei voli low-cost. Proposta che ha trovato tutti i gruppi dell'Europarlamento d'accordo, ognuno (socialisti, liberaldemocratici, verdi, sinistre ed euroscettici) coi propri motivi.

A nostro avviso, niente di peggio poteva essere pensato.

L'idea che Unione Europea significhi regalo di compleanno, ci irrita come tutte le altre forme di populismo e di regalo in sé da parte di qualunque istituzione. Noi siano tra quelli che credono nelle opportunità, nelle possibilità a partire dai desideri e dalle capacità degli individui, crediamo nelle agevolazioni sì da valorizzare chi ha un qualche potenziale valore da usare e comunicare; crediamo in una istituzione che non ci regali qualcosa per il nostro compleanno ma ci offra sempre l'opportunità di conoscere e crescere.2 Un metodo che qualcuno sicuramente non condivide, perché preferisce il presunto consenso del popolo vociante e con la pancia presunta piena; lo stesso popolo che poi dovrebbe/potrebbe inneggiare ai muri anti-migranti, ai fortini nazionali, alle alte tasse doganali, al finto Km zero nell'alimentazione etc., salvo poi ritrovarsi, passata l'euforia del momento, in brache senza neanche uno straccio di aziende dove lavorare o di istituzioni che abbiano i soldi per riparare le buche per strada o che facciano politiche ecologiche non finte e/o che durano solo una mezza stagione.

Non solo. Se andiamo nello specifico di questo regalo ferroviario, cosa ne penserebbe l'Antitrust? Non si tratta forse d'un aiuto di Stato (di Unione, nel nostro caso) alle varie aziende ferroviarie che sono tutte più o meno di capitale pubblico, a discapito del trasporto aereo low-cost che invece è tutto privato?

Infine. Cosa vogliamo insegnare ai nostri giovani? Che lo Stato è come una mamma che con le poppe lattose ci deve continuare a nutrire come ha fatto la nostra mamma biologica all'inizio della nostra vita? Credo che nel mondo abbiamo avuto abbastanza esperienze negative in questo senso (l'ultima -tra le grandi- è quella dell'Urss), e ci sembra che il mondo stia andando un po' meglio quando in diversi lo hanno compreso (anche Cuba....), ed hanno cominciato a puntare le loro politiche sulle valorizzazioni e sulle opportunità per gli individui piuttosto che sulla socialità dalla culla alla bara. Valorizzazioni e opportunità che ci rendono tutti uguali alla partenza, ma che appiattiscono verso il mediocre-basso se diventano presa in carico totale.

E quindi? Promuovere gli scambi per tutti (non solo per chi compie 18 anni), con agevolazioni ed opportunità, ma mai istillare la cultura che, per il fatto stesso di esistere, qualcosa ci è dovuto. Ovviamente senza confondere questo tipo di politica con quella dell'assistenza e degli aiuti ai più demuniti e disgraziati dell'Unione e del mondo; anche perché -è bene che in tanti ci riflettano su questo- i demuniti e i disgraziati sono quasi sempre tali perché hanno avuto la sfortuna di nascere lì dove lo sfruttamento intensivo, irragionevole e depredatorio dei Paesi cosiddetti ricchi ha trovato linfa per avere poi una ricaduta solo sul proprio territorio di origine.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

1 Non anti Ue, ma contro l'immobilismo dei due principali partner su una serie di problemi sottovalutati, tra cui quello dell'accoglienza dei migranti e del non rispetto da parte loro delle regole comunitarie.

2 Per questo abbiamo considerato negativi anche i regali monetari del governo italiano ai giovani.


 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.4%
NO
 33.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy