Sabato , 04 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Imola, la festa politica
30 Maggio 2016
 

Nei giorni corsi sono stata in Ancona, a Imola, a Bertinoro per iniziative ben riuscite e interessanti, ma vorrei fermare l'attenzione in particolare su ciò che è successo ad Imola e che spero non sia stato rovinato il secondo giorno dal maltempo, che ho visto essere tremendo mentre ripartivo da Bertinoro per tornare a casa. Alla stazione di Forlì, dove attendevo il treno per andare a Bologna e di là a Bolzano è venuta una grandinata da far paura con chicchi di ghiaccio grossi come acini d'uva, un disastro per la campagna e spero appunto che la Festa di Imola, al suo secondo giorno, non vi sia incappata rovinosamente.

L'ho vista nascere, potrei dire. Infatti arrivata ad Imola dopo un disguido dovuto a incertezze organizzative da parte mia, mi ci sono insediata fin dal mattino, quando tutto era ancora ammucchiato, imballato, da metter su. Un graffito, come si suol chiamare, era tutto da dipingere e ho visto rizzare i pannelli, poi alcuni incominciare a tracciare line e zone di colore, fino a quando nel corso della giornata tutto si è venuto componendo: non avevo mai visto l'esecuzione di quei pannelli. Così pure ho seguito il costruirsi dei vari banchetti di abiti da barattare, gioielli libri vestiti, tutto ciò che si trova di solito nele feste. E un paio di dibattiti molto ben congegnati, di uno sulla Resistenza permanente -direi- facevo parte io pure con la bravissima che parlava dei Curdi e delle Curde.

Ma la cosa che più mi ha colpita era la felicità di bambine e bambini che correvano a zig zag, si intrecciavano, si urtavano, si rotolavano, facevano giravolte e sgambetti agli adulti e alle adulte, si cozzavano con agilità e allegria con innocente caos, mandavano in cielo bandiere e striscioni e li componevano in improvvisate scorribande, insomma siamo restati/e umani per tutta la notte, una meraviglia.

È un inizio di alternativa rivoluzionaria, un avvio di rivoluzione culturale, la riscoperta della dimensione della vita come componente della politica, contro una visione noiosa accademica sacrificale mesta lamentosa dell'agire politico “militante”, sconfitto dall'agire politico attivo. Una goduria!

 

Lidia Menapace


 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy