Lunedì , 25 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L'irriverente. Inaugurazione anno giudiziario 
Continuano a prendersi e a prenderci per i fondelli
30 Gennaio 2016
 

Firenze – In pompa più o meno magna, nelle Corti d'Appello disseminate sul territorio dello Stivale, oggi si sono tenute le cosiddette inaugurazioni dell'anno giudiziario. Cosa ci sia da inaugurare… è tutto un mistero che non siamo mai riusciti a comprendere. Inaugurazione, a maggior ragione in ambito pubblico, ci evoca qualcosa di nuovo (una strada, un edificio, una mostra, etc.), ma qui cosa inaugurano visto che ogni anno anno è, ognuno a modo suo con le caratteristiche del proprio territorio, l'elenco della continuità dello sfascio: corruzione, traffici e spacci di droga, usura, furti, violenze varie, etc. con Roma che, visti i noti fatti che le hanno fatto guadagnare l'appellativo di “mafia capitale”, spicca su tutte le altri corti. Boh, sono contenti di fare festa (cos'altro dovrebbe essere un'inaugurazione) e… ognuno festeggia a modo suo. De gustibus…

Uno sciorinamento di problemi problematici e drammatici che, pur senza la cadenza di un'inaugurazione, chiunque ha avuto a che fare nella propria vita col sistema giustizia, sa di quale incubo civile, economico, sociale e civico si sta parlando.

E tutti quelli che contano e che possono che borbottano sostanzialmente fra di loro per promettere davanti alla specchio della cattiva strega di Cenerentola, che saranno più buoni, che hanno le riforme nel cassetto e che son pronti a fare le battaglie più estreme e cruenti pur di far valere la Giustizia, sì che alla prossima inaugurazione i numeri e le storie possano essere diversi.

Suvvia, un po' di auto-presa per i fondelli non fa mai male. E questo è proprio il caso.

C'è qualcuno che ricorda in questo anno qualche riforma della giustizia che possa essere annoverata tra quelle che potrebbero non continuare a rendere ridicole queste inaugurazioni? Sì, certo, c'è la timida depenalizzazione di alcuni reati, ma per l'appunto timida e ben compensata, per esempio, dall'illusione che aumentando le pene alcuni reati si mitighino (tipo il cosiddetto omicidio stradale).

Mentre scrivo ascolto in diretta la manifestazione “family day” in corso a Roma, ed ho fatto un balzo sulla sedia dopo aver ascoltato un oratore dire dal palco: ci son bambini che non sanno su quale tomba andare a piangere i propri genitori perché, essendo figli di uteri in affitto, non sanno chi siano questi genitori. Brrrr -a parte essere d'accordo o meno con l'utero in affitto- 'sti poveri bimbi li difendono nel loro diritto di essere orfani come il loro dio comanda. Bel modo di argomentare per convincere i dubbiosi. Sembra lo stesso incedere di questi magistrati che, inaugurando gli anni giudiziari, fanno il macabro elenco delle proprie sconfitte, così come quelli che per l'appunto pensano ai diritti dei bambini rivendicando il loro diritto al pianto di orfani, figli sconfitti per l'appunto.

Sì, siamo irriverenti perché non vediamo problemi che vengono affrontati alla radice, ma sempre e solo nell'emergenza della gestione dei loro nefasti effetti civici, economici ed umani.

Oggi siamo a disagio più del solito. Non ci piace chi si parla addosso, demagogo o meno che sia. Non ci piace perché non ci fa vedere futuro libertà e -soprattutto- quella vita col diverso che -oggi demonizzato o punito- va invece reso uguale a tutti nei diritti e nei doveri. Perché, cos'è se non un diverso il delinquente medio che per sopravvivere deve delinquere (spaccio droga docet) o rubare? Uno geneticamente predisposto a delinquere? Suvvia, con questi geni non ci sono neanche quelli che sono reclusi nei sempre eterni Opg (ospedali psichiatrici giudiziari, che dovrebbero essere chiusi da quel dì e che invece sono ancora lì), figuriamoci nelle carceri in cui li ammassano nei letti a castello di tre piani, dando loro da mangiare carne avariata a prezzi doppi rispetto al mercato.

Ci sentiamo il prossimo anno, alla prossima inaugurazione giudiziaria?

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Sondrio. Il caso de «'l Gazetin» su «Libero» del 18 maggio
  Fallimento della giustizia: sabato mattina, di nuovo, presidio a Sondrio
  Pietro Yates Moretti. Malagiustizia: cause transfrontaliere
  L’anno giudiziario che verrà. Claudia Osmetti intervista Rita Bernardini
  Valter Vecellio. Giustizia: una “piccola” storia. Ignobile
  Mafalda di Quino in prestito (e soccorso) al Gazetin
  Sondrio. Tribuna aperta per la legalità
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  «La vignetta diffama il giudice». Ma è un manifesto storico
  RadicaliSondrio. A Milano per la legalità al Tribunale di Sondrio
  Sondrio. Legalità e stato di diritto
  “Per una giustizia più giusta”. Manifestazione al Tribunale di Sondrio sul caso Gianoncelli
  Rita Bernardini. Signor presidente del Consiglio, si faccia un giro nelle carceri italiane…
  Giustizia. L'amnistia di Castelli
  Sondrio, maggio-giugno 2014: Sei settimane in piazza Campello
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  Sondrio. I parlamentari 'valtellinesi' tacciono: tutto-va-ben, madama-la-marchesa?
  Patrizia Garofalo. “Sono sempre più sconcertata”
  La sentenza n. 4418/2009 del Tribunale di Brescia
  Valter Vecellio. Giustizia: una bella inchiesta di “Libero”. Il caso del giudice Flammia
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. L’emergenza giustizia in cinque punti
  Bernardini e Rossodivita. L'obbligatorietà dell'azione penale è morta, ora si passi ad una riforma che indichi regole e responsabilità
  Dalla strage di Erba a Una bomber: ma che giustizia e che informazione…
  Marco Pannella. Un “biglietto aperto” a Tonino Di Pietro
  Scaduto il termine della CEDU sulle carceri italiane
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Legalità e stato di diritto al tribunale di Sondrio
  Gianfranco Camero. AMNISTIA SUBITO!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy