Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Eventi/ Matteo Bianchi. “Per certi versi”  
Approda a Cagliari la grande poesia
14 Gennaio 2016
 

   

Per certi versi”

Sabato 16 gennaio, ore 16,
“Poesia e spiritualità”

Domenica 17, ore 10, “Poesia e medianità”

Fucina Teatro Ex Vetreria – Cagliari-Pirri

Via Italia, 63

 

 

Conoscersi a fondo attraverso la poesia è lo scopo di Per certi versi, la due giorni organizzata dall’Associazione culturale Il Grimorio delle arti, con la collaborazione della compagnia teatrale Il Crogiuolo e della Libreria Murru. Sabato 16 e domenica 17 gennaio, nella Fucina Teatro Ex Vetreria (via Italia, 63), dieci ospiti provenienti da tutta la Penisola porteranno a Cagliari le loro esperienze per far riscoprire alla città la funzione introspettiva del genere più armonico della nostra tradizione letteraria. E nel farlo saranno guidati dai testi e dagli autori che costituiscono tanto il canone occidentale quanto quello orientale.

Il sabato pomeriggio, dalle 16, sarà all’insegna di “Poesia e spiritualità”: il sipario si alzerà sulle origini primitive del linguaggio poetico, sulla ritualità della forma che tratterà la marchigiana Franca Mancinelli; per poi passare alla nota voce bresciana di Franca Grisoni, che rileggerà il Cantico dei Cantici. Andrea Ponso, ferrato esegeta biblico, si occuperà di mistagogia, ovvero del lirismo che introduce al mistero, alla realtà sacra. Proseguirà Gabriele Semino con un ritratto di Etty Hillesum, l’intensa scrittrice ebrea olandese morta ad Auschwitz. Allora sarà la volta di Boucar Wade, il giovane poeta cagliaritano d’adozione che proviene da Dakar, capitale del Senegal. Il trentenne musulmano racconterà il vissuto di chi appartiene alla confraternita dei Sufi Mouridiani, “coloro che desiderano la luce”. In un periodo in cui il fondamentalismo islamico sta concretizzando il terrore in giro per il mondo, sarà la sua testimonianza a trasmettere un deciso messaggio di pace e di coesione, specialmente immerso nella diversità culturale.

Sarà la prima edizione di una manifestazione che impiega la letteratura per rinsaldare le coscienze. Un evento che intende ripetersi di anno in anno, rappresentando più culti religiosi possibili, dal Cattolicesimo all’Islam, dall’Ebraismo alla spiritualità laica, andando a dissotterrare quelle radici comuni che trovano nella poesia il loro mantra, la loro preghiera. Infine concluderà la prima giornata il bolognese Gianfranco Bertagni, focalizzandosi su abbandono e presenza; d’altronde, fu Emily Dickinson a scrivere che «l’acqua l’insegna la sete», che l’assenza ripetutamente invocata è la rivelazione più acuta di presenza.

La domenica mattina, dalle 11, dopo l’excursus di Vito Bonito sulle soglie medianiche, tra il visibile e l’invisibile, non a caso Silvio Raffo riprenderà «la trasparenza del buio» della Dickinson, la medesima che ha ispirato tante penne contemporanee, la metrica religiosa che la “reclusa” inglese applicava per appartenere a un disegno superiore.

La seconda e ultima mattinata metterà quindi a fuoco “Poesia e medianità”: «Un’espressione spesso fraintesa» ha motivato Valentina Neri, ideatrice del festival insieme a Rossana Abis, Francesca Demuru e Rita Atzeri «perché comunemente è tenuta lontana dalla poesia. In tale frangente il poeta è profeta, spaziando dalla cecità omerica che spalanca gli orizzonti interiori alla tensione laica di Giovanni Pascoli. Amelia Rosselli, ad esempio, dopo una notte di scrittura conservava al suo risveglio solo ciò che non capiva». A seguire, ancora Bertagni approfondirà la possessione poetica nel simbolista Elémire Zolla, sino al giovane critico Diego Conticello, che confronterà la Sicilia nei versi di Lucio Piccolo, cugino di Tomasi di Lampedusa, con l’isolamento di Bartolo Cattafi. A concludere la giornata sarà il musicista Andrea Andrillo, celebre in Canada e negli Stati Uniti per aver arrangiato le visioni di William Blacke e le ballate soprannaturali dell’irlandese Yeats.

La moderazione degli incontri sarà dello scrittore e saggista Gianni Marilotti (Premio Calvino 2003). «Per preparare due giorni di Per certi versi ci sono voluti due mesi» ha concluso la Neri «in modo da preservare qualche buon proposito dalla frenesia quotidiana che tende a sminuire il nostro valore umano, oltre che letterario».

 

Matteo Bianchi


Foto allegate

Franca Grisoni
Boucar Wade
Silvio Raffo
Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy