Giovedì , 19 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Condanna di Berlusconi 
Ora ci si può occupare di giustizia e referendum senza essere accusati di volerlo salvare?
02 Agosto 2013
   

Quale che sia il giudizio che si dà sulla sentenza della Corte di Cassazione, che nella sostanza conferma la precedente di secondo grado, e condanna Silvio Berlusconi a quattro anni (con rinvio alla Corte d’Appello per quello che riguarda la pena accessoria), si arriva comunque a un punto di chiarezza. Fino a ieri tanti sostenevano che il dichiarato impegno del leader del PdL, e del PdL stesso era poco o nulla finalizzata alla possibile soluzione del problema-urgenza Giustizia, quanto alla soluzione delle personali vicende di Berlusconi. Si è sostenuto che l’impegno del PdL in favore dei referendum radicali era legato a questo obiettivo. Qualunque cosa si poteva dire sulla giustizia italiana, qualunque critica a una decisione della magistratura, qualunque espressione sia pure di cauta perplessità di fronte a sentenze perlomeno discutibili (come quella, per fare un esempio, che ha colpito Ottaviano Del Turco), ed ecco che scattava pavlovianamente l’accusa: a) di minacciare l’autonomia e l’indipendenza della magistratura; b) voler assicurare impunità a ogni tipo di delinquenti; c) in particolare con i referendum essere complici di ogni possibile nefandezza ordita e consumata da Berlusconi.

Si ricorderà, ad esempio, che Antonio Di Pietro, che in quanto a moralità della politica e gestione “pulita” delle organizzazioni politiche dovrebbe essere l’ultimo a poter dire qualcosa, che prontamente accorre per “avvertire” Beppe Grillo che la sua opzione pro-referendum appena annunciata, è un cavallo di Troia, il dono dei Greci di cui occorre diffidare: perché sono uno strumento per aiutare Berlusconi a farla franca. Di Pietro (e i tanti che assieme a lui ripetono pappagallescamente questa scempiaggine), naturalmente non possono e non sanno spiegare che tipo di beneficio Berlusconi possa ricavare dall’abolizione dell’ergastolo, dall’abolizione della legge Bossi-Fini, dall’introduzione del cosiddetto “divorzio breve”; quale beneficio Berlusconi ricava dal fatto che i magistrati fanno i magistrati invece di essere disseminati nei mille “uffici” della Pubblica Amministrazione; quali i vantaggi dalla riduzione per casi gravi e comunque circoscritti della pratica della carcerazione preventiva, della separazione delle carriere come avviene in tutte le democrazie consolidate, dalla responsabilità civile del magistrato per dolo o colpa grave; quale vantaggio ne ricava Berlusconi dal referendum sull’8 per mille, il finanziamento pubblico, le droghe leggere…

Ad ogni modo: ora Berlusconi è stato condannato, dovrà scegliere se scontare la sua pena tra i servizi sociali o ai domiciliari; vedremo se decadrà da senatore. Fossimo in lui da tempo avremmo firmato, dandone la massima pubblicità, i referendum, e non ci saremmo limitati ad auspicarne il successo. Fossimo in lui, ieri sera, dopo i nove minuti impiegati per denunciare la persecuzione che a suo dire si consuma e si è consumata ai suoi danni, ne avremmo impiegato un decimo, per esortare tutti a firmare e annunciare che si sarebbe andati a farlo. Ma Berlusconi è, appunto, Berlusconi: e queste cose non le capisce. Però ora si può finalmente parlare dell’emergenza giustizia, si può chiedere al paese di pronunciarsi su temi cruciali come quelli dei dodici referendum senza per questo essere accusati di voler essere strumenti di chissà quali trame e complotti berlusconiani; senza essere accusati di voler salvare il leader del PdL da sentenze e condanne; ora che Berlusconi è stato condannato definitivamente, chi è contrario alla lettera e alla sostanza dei dodici referendum può esprimere questo suo dissenso, senza fare ricorso a pretestuose, inesistenti e stupide argomentazioni come ha fatto finora?

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 2 agosto 2013)


Articoli correlati

  Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilità civile dei magistrati
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Claudia Osmetti. Le cose che ho imparato ai tavoli referendari
  Referendum/PD. Staderini alla Festa democratica nazionale di Genova...
  Referendum radicali 2013. A Chiavenna l'ultima occasione per Valtellina e Valchiavenna
  Anche Beppe Grillo a sostegno dei referendum radicali?
  RadicaliSondrio. Referendum 2013, a Bormio sabato 3 agosto...
  Nichi Vendola firma i referendum radicali
  Pietro Yates Moretti. Responsabilità civile dei magistrati, bene il voto alla Camera dei Deputati
  Rita Bernardini. Legalizzazione ad uso terapeutico della cannabis
  Referendum days 14 e 15 settembre: in piazza a Sondrio, Morbegno e Bormio
  Radicali Sondrio. 15.000 firme da 1.300 cittadini
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Marco Gentili. Ospitalità (mancata) alla Festa Democratica di Trieste
  Dodici firme per salvare questa Democrazia
  RadicaliSondrio. 12Referendum: Domani a Chiesa in Valmalenco
  Quartu Sant’Elena. Il Sindaco firma i referendum radicali
  Referendum in Comune: “Rai e Tv informino i cittadini”
  Referendum Days e limitazioni alle iniziative referendarie
  Fabrizio Ferrante. Droghe, il governo Letta conferma la linea Serpelloni
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Enrico Borg. Giustizia: Se il Pd continua a fare spallucce sui referendum
  Valter Vecellio. Referendum: Il paradosso di una sinistra che c’è (ma non c’è)
  Piero Sansonetti. La chance di chiudere i conti col vero berlusconismo
  Benedetto Della Vedova sottoscrive a Caorle i 12 referendum radicali
  Giuseppe Candido. Stato di diritto e Referendum sulle trivellazioni
  12 referendum. I Radicali chiedono l'intervento del Prefetto
  Si firma a Sondrio, sabato in piazza e domenica nel carcere
  Riprende l'iniziativa referendaria: si firma nei comuni e, sabato, in piazza a Morbegno
  28-30 agosto: Referendum in Comune. Firma e fai firmare!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy