Domenica , 29 Novembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rosario Amico Roxas. Il mio regno non è di questo mondo
29 Maggio 2012
 

Se “Il mio regno non è di questo mondo”, come si concilia il ruolo del vicario di Cristo quale sovrano assoluto dello Stato Città del Vaticano?

Due ruoli in se stessi contraddittori, vengono assunti dal medesimo uomo che diventa il capo spirituale del cattolici di tutto il pianeta, con enorme capacità di influenza anche nella vita civile, nonché sovrano di uno Stato, negato dal medesimo Cristo, dotato di una enorme ricchezza e di una grandissima capacità di influenzare le scelte laiche della nazione che ne ospita la sede.

Quale dei due ruoli sovrasta l'altro?

È il sovrano assoluto che si serve del ruolo di capo spirituale dei cattolici, o viceversa?

In questo disordine giuridico si confondono anche i comportamenti che dovrebbero essere amministrati nel rispetto tanto dei cattolici quanto dei non-cattolici o aderenti ad altre religioni, come l'interferenza tra peccato (in religione) e reato (nello Stato laico).

Non c'è dubbio che la religione può influire, anche grossolanamente, nella vita sociale e laica. Accade nell'Islam fondamentalista sciita, dove capi di Stato o di governo si mettono a capo di una delle tante devianze dell'Islam per attirare le masse popolari attraverso la religione, cosa che non accade nell'Islam sunnita. I sovrani del Marocco vantano la diretta discendenza da Maometto. I sovrani della Giordania preferiscono definirsi “re degli hascemiti” piuttosto che dei giordani; gli hascemiti appartengono alla tribù di appartenenza di Maometto, e vantano il diritto di essere considerati “custodi delle città sante”, che si trovano in Arabia, sotto la dinastia Saud che ne rivendica l'appartenenza, con una insanabile frattura tra le due case regnanti. A loro volta i Saud legittimano il loro potere con l'appartenenza alla confessione Waabita, alla quale, per motivi di cartello petrolifero, hanno aderito gli emiri del golfo, gli Al Sabbah del Kuwait, e i gli Yemeniti e i teocratici Omanidi. La Siria ufficialmente è una repubblica presidenziale, ma presidenziale al punto da non potersi distinguere da una monarchia assoluta, anch'essa avallata dall'appartenenza alla confessione alawita. Anche il laico libano di Jhumblat è governato in nome di una enclave drusa che trae origine da Al Darazi, che secoli fa fondò una delle tante scissioni sciite che approdò ad un movimento politico del quale oggi Walid, come prima di lui il padre, è signore e padrone.

Anche in Vaticano stanno accadendo fatti analoghi, con intromissioni non accettabili nella vita civile di uno Stato Laico. Gli accadimenti che stanno travolgendo la credibilità (già compromessa) della religione quando cede e diventa politica, come la Fede che cede e diventa economia.

Non è pensabile che un pontefice, edotto in teologia, maestro nel socialità e nella solidarietà umana, in seguito ad una elezione si trasformi in un capo di Stato, con tutte le incombenze e la richiesta di competenze necessari per amministrare uno Stato ricchissimo ed enormemente influente. I danni, specialmente di quest'ultimo pontificato, sono stati fin troppo evidenti, con l'appoggio cattolico ad un governo liberista; ora sembra che l'itinerario stia cambiando, ma proprio per questo si è scatenata la lotta interna per il controllo del potere, principalmente di quello politico e amministrativo.

Ma se esiste uno Stato Città del Vaticano, non sarebbe giusto e corretto che ci fosse anche un Presidente di tale Stato, eletto ma senza liturgie religiose, che eserciti il potere temporale, laico, disgiunto dal potere spirituale, confortato da un Concilio permanente al fine di evitare rigurgiti di nostalgismi medievali?

 

Rosario Amico Roxas


Articoli correlati

  L'affaire indulgenze torna alla ribalta: l'Italia riportata nel Medio Evo
  Francesca Ribeiro. Parole mai pronunciate dal Papa
  La portata del fiume di Nocera e la, purché “sana”, laicità
  Renato Pierri. La vasta cultura del Papa
  Sinéad O’Connor. E se cominciassimo a fare lo sciopero della messa?
  Caso Hasenhüttl. Zittito per troppo ecumenismo dal vescovo Marx
  Carlo Forin. “An Phoebi soror?” Sei forse sorella di Febo?
  Miriam Della Croce. L'estensione del peccato
  Garrincha. La 'fuga' del Papa
  Raniero La Valle. La lettera del Papa
  Omar Santana. Senza parole
  Miriam Della Croce. Misteri dei ministeri...
  Sergio Rovasio. “L'omosessualità non è mai moralmente giusta”, dice il Papa
  Rosario Amico Roxas. Il cattolicesimo di Ratzinger
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Renato Pierri. La luce della Chiesa alle volte è solo ombra tetra
  Renato Pierri. Nessun cambiamento riguardo al sacerdozio femminile
  Vincenzo Donvito. Dimissioni papa e media
  Rosario Amico Roxas. Un relativismo occasionale
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  Miriam Della Croce. La festa di Cristo Re contro la peste del laicismo
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy