Giovedì , 13 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Spadaccia. Bin Laden tra giustizia e vendetta
07 Maggio 2011
 

Non credo che abbia senso inseguire polemiche secondarie sulla fine di Bin Laden come certamente sono quelle ispirate dal negazionismo o dal complottismo. Servono solo ad eludere la questione centrale che dovrebbe stare invece a cuore ai democratici di tutto il mondo e in particolare a coloro che si battono per i diritti umani e per l’affermazione del diritto anche sulla scena della politica internazionale.

Se fosse vero (e non credo possa essere escluso pregiudizialmente) che Osama Bin Laden è stato preso e ucciso quando era ormai inoffensivo, non credo che la questione potrebbe essere frettolosamente liquidata in maniera banale con espressioni tipo “giustizia è stata fatta” o con inaccettabili considerazioni di opportunità. Certo che se la semplice esposizione del suo cadavere pone tanti problemi alla Amministrazione americana, è facile immaginarsi quanti ne avrebbero creati l’immagine di Bin Laden vivo e soprattutto la gestione della sua prigionia e del suo processo.

E tuttavia se le regole d’ingaggio fossero state, come è probabile, “catturarlo vivo o morto” (che può significare “meglio morto che vivo”), la democrazia statunitense avrebbe scelto una soluzione non all’altezza delle sue tradizioni e dei suoi ideali, una soluzione da giustizia sommaria e terroristica che l’abbasserebbe a livello dei terroristi fanatici e intolleranti, che giustamente combatte e vuole sconfiggere.

Sappiamo di essere debitori della democrazia americana ma proprio per questo riteniamo di dover ribadire che fondamentalismo e terrorismo si possono sconfiggere solo contrapponendo un’idea più alta di civiltà, fondata sul rispetto dell’altro (per quanto perverso e mostruoso possa apparire) e su una concezione che fondi l’uso della forza sul diritto e non subordini il diritto alla forza. Il grave limite della democrazia americana è stato quello di non aver firmato e ratificato il Trattato internazionale per l’instaurazione di una Corte di Giustizia sovranazionale per i crimini contro l’umanità. Questo venire meno della fiducia nel diritto, con la giustificazione miope di mettere al riparo le proprie truppe (e i propri contractor privati) da possibili incriminazioni per i crimini commessi in zona di guerra, è una cortina di immunità che indebolisce e oscura le ragioni ideali della giusta lotta al terrorismo. Purtroppo in questo esiste una continuità americana: dalla firma solo simbolica di Clinton apposta sotto il trattato come ultimo atto della sua presidenza, al successivo annullamento di Bush, da cui Obama non si è differenziato.

Proprio perché amici della democrazia americana dobbiamo dire basta a questa politica. Dobbiamo dire alla Amministrazione di Washington e al Presidente Obama che non bisogna avere paura del diritto internazionale e dei processi che questo può intentare contro chi si rende responsabile di crimini contro l’umanità, come è avvenuto con Milosevic e per i criminali di guerra di Bosnia o Croazia, per quelli del Ruanda. Non solo Bin Laden ma il mondo intero avrebbe avuto il diritto al suo processo: un processo vero e non un processo farsa come quello di Saddam Hussein. Il processo che speriamo possa essere presto celebrato contro l’oppressore del popolo libico e contro il responsabile del genocidio del Darfour davanti all’Alta corte di Giustizia per i crimini commessi contro l’umanità, a cui entrambi sono stati deferiti dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Ma per farlo occorrerebbe una diversa Italia e soprattutto una diversa Europa.

 

Gianfranco Spadaccia

(da Notizie Radicali, 6 maggio 2011)


Articoli correlati

  Garrincha. Quando si dice... 'la faccia come il culo'
  Omar Santana. 'Osama bin Laden deposto in mare' (da 'El Nuevo Herald')
  Gordiano Lupi. Castro sulla morte di Bin Laden
  Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz
  Milano. Veglia per la verità sulla guerra in Iraq
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 1
  Per la verità sulla guerra in Iraq e per il “cambio” in Lombardia
  Cappato. Parlamento Europeo imbavagliato riuscirà ad esprimersi su Pena di Morte a Saddam?
  Pannella in sciopero della sete
  Milano. Domenica ore 17 presidio davanti alla sede RAI di Corso Sempione
  Condannato!
  “Ma Bush e Blair scelsero la guerra...”
  Marco Pannella ha chiesto l'istituzione di una commissione d'inchiesta sulla guerra in Iraq
  Marco Pannella. Il Partito Radicale chiederà di essere ascoltato dal Congresso statunitense
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy