Domenica , 26 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Per la libertà religiosa e per la parità di tutte le confessioni nel diritto all'informazione 
I Radicali per Sant'Ambrogio dichiarano il pieno sostegno alla manifestazione di Roma
Charles William Mitchell,
Charles William Mitchell, 'Hypatia', 1885 
19 Giugno 2010
 

I Radicali per Sant'Ambrogio esprimono la loro piena condivisione degli obbiettivi della Marcia organizzata a Roma da Radicali Italiani e dall’Alleanza Evangelica Italiana, «per il superamento del regime concordatario e delle intese, contro la legge fascista sui culti ammessi e le Chiese di Stato, per la piena libertà religiosa di professare o no una fede».

I Radicali per Sant'Ambrogio considerano in linea con questi obbiettivi la loro battaglia per impedire che un parcheggio interrato distrugga il Cimitero ad martyres su cui sorge la Basilica di S.Ambrogio e perché in quel luogo si realizzi un Giardino della Memoria di quanti sono stati massacrati per ottenere la libertà di professare pubblicamente le loro convinzioni religiose (cioè le loro idee). Nello stesso Giardino i Radicali per S.Ambrogio propongono che siano ricordati assieme i cristiani dei primi secoli torturati e uccisi ad opera degli Imperatori romani pagani, così come gli ebrei e i pagani trucidati per mano dei cristiani. Così come persone “religiosamente” e laicamente dedite alla ricerca della verità scientifica come Ipazia di Alessandria, torturata e uccisa da fanatici cristiani quando ormai la loro religione era divenuta di Stato.

Lucio Bertè ha dichiarato: «Alla imminente distruzione del Cimitero paleocristiano – ennesimo effetto perverso della truffa dei poteri straordinari della Protezione civile conferiti ai Sindaci per realizzare i parcheggi interrati nei Centri Storici, e prova di volgare incultura della classe politica - solo noi radicali non ci siamo rassegnati, assieme ad alcuni Vescovi ortodossi in campo per una battaglia legale. Ma questo i cittadini non lo devono sapere per non disturbare gli oscuri interessi speculativi e sottacere l'atteggiamento pilatesco della Curia milanese, il cui disinteresse non è comprensibile se non ipotizzando un inconfessabile patto simoniaco. Questo silenzio omertoso ai danni dei cittadini va a segno per la complicità dei mezzi radiotelevisivi e dei giornali oltre che per la mancanza di un diritto di accesso alla comunicazione pubblica anche in sede locale in capo agli Ortodossi e alle altre fedi diverse da quella cattolica-romana. Tace anche il Vaticano, replicando l'atteggiamento connivente con Rutelli Sindaco di Roma, il Card. Sepe, il Commissario al Giubileo Bertolaso, il gentiluomo del Papa Balducci, allorché per fare il parcheggio sotto il Gianicolo e la rampa di accesso fu distrutta una villa romana e anche un cimitero paleocristiano con le sepolture delle vittime delle persecuzioni neroniane, fatto che suscitò l'indignazione, purtroppo tardiva, del solo Giulio Andreotti. I radicali ritengono urgente la tutela del Cimitero ad Martyres e la realizzazione del Giardino della Memoria delle vittime dell'intolleranza religiosa, per l'attualità del tema e per riflettere sulla lotta nonviolenta ancora necessaria per conquistare ovunque la libertà di esprimere le proprie convinzioni e di professare qualsiasi fede religiosa, in spirito di tolleranza.

Noi ci batteremo fino alla resistenza nonviolenta per il rispetto dei valori immateriali storicamente legati al sito ad martyres, perchè sia rispettato lo “spirito del luogo”. È impensabile la distruzione del sito alla vigilia dei 1.700 anni dell'Editto di Costantino e Licinio, l'Editto di Milano del 313, l'Editto di tolleranza che proclamò la libertà e la pari dignità di tutte le fedi religiose, che purtroppo restò valida solo per pochi decenni, finché la Chiesa divenne di Stato e da perseguitata divenne persecutrice.

Chiediamoci infine: i milioni di visitatori dell'Expo universale che andranno anche a S.Ambrogio, cosa preferiranno trovare : il Cimitero e il Giardino della Memoria o un parcheggio di 5 piani con le sue rampe, una selva di camini e griglie per sfiatare i gas di scarico di 600 auto, e i gabbiotti degli ascensori, il tutto mascherato da cespugli e alberelli da giardinetto condominiale?»

 

Radicali per Sant’Ambrogio


Articoli correlati

  Milano, Sant'Ambrogio. Niente parcheggio, ma “giardino della memoria”
  Milano. Ci sarà il "Giardino della memoria dei martiri cristiani"
  Milano. Sant'Ambrogio. Altre adesioni dal mondo religioso, mentre i Radicali vigilano sul sito
  Milano/ S.Ambrogio. Il Comune vuol salvare il Cimitero 'ad Martyres'
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Cimitero Ad Martyres di S. Ambrogio. I Radicali chiedono la sospensione del cantiere fino al voto
  Un risarcimento per lo scempio della Darsena!
  «Chi ama Milano si organizzi con i Radicali»
  Radicali per Sant'Ambrogio. Lucio Bertè in digiuno per dialogo con Sandro Bondi
  Stop ai lavori per il parcheggio di S. Ambrogio
  Milano. Successo dell’incatenamento alla basilica di S. Ambrogio
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Milano, Radicali per Sant'Ambrogio. “Gabbato lo santo” ancor prima della sua festa
  Lucio Bertè. Milano Sant'Ambrogio. Formigoni d'estate, Formigoni d'autunno...
  Chiesa Ortodossa greca per Cimitero ad Martyres di S. Ambrogio
  Milano. “Proposta indecente”. Cercasi consigliere “liberale” per servizio a democrazia
  Don Andrea Gallo a difesa del Cimitero paleocristiano di S. Ambrogio
  Milano. “Radicali per Sant’Ambrogio” sigillano il cantiere
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  In difesa del Cimitero paleocristiano ad Martyres di S. Ambrogio
  Milano. Radicali per Sant’Ambrogio
  Radicali per Sant’Ambrogio. “Appello del Venerdì Santo”
  Milano. Lucio Bertè ancora incatenato a S. Ambrogio
  20'ANNI DI GAZETIN
  Maria G. Di Rienzo. Il prezzo delle patate, e tra la folla Ipazia
  C’è, VERAMENTE, bisogno di un nuovo Illuminismo!
  Giuseppina Rando. Eminenza
  Vittorio Giorgini: Vaticano e corpo di Eluana Eglaro
  Anna Lanzetta. Parliamone insieme: A difesa delle donne contro ogni violenza
  Gianfranco Cercone. “Agorà” di Alejandro Amenábar: Ipazia, scienziata, radicale e martire
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy