Venerdì , 21 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Frizziero. La questione Province: Muoiono o no?
28 Maggio 2010
 

E la nostra muore o no?

Se dovesse sparire finendo sotto Lecco si tratterebbe di una mostruosità culturale.

Le distanze.

Le province, quelle sì, che vanno soppresse.

E poi la costituzione…

 

 

Province sì, Province no. L'autorevole sondriese Ministro dell'Economia ha dichiarato che non verranno soppresse ma intanto il testo dell'art. 5, così come uscito e finito sui giornali è lapidario, e senza eccezioni. Mettiamoci pertanto nella logica della soppressione contestandone la validità per quanto ci riguarda.

 

La provincia ('p' minuscola) di Sondrio è stata definita dal prof. Alberto Quadrio Curzio vera e propria 'Regione alpina'... 3.212 kmq di territorio che si sviluppa su un ampio arco alpino. La distanza tra il Passo dello Spluga, confine svizzero, punto estremo NW della provincia, e il Ponte del Gallo, punto estremo NE della provincia è infatti di ben 232 km. Considerando l'altimetria e i conseguenti km virtuali siamo ad una equivalenza con territori di pianura intorno a 300 km.

Non ci sono poi solo le distanze che peraltro parlano da sole come più avanti si vedrà. C'è una unità sostanziale socio-economica-antropica, profondamente diversa rispetto alle Province confinanti. La specificità territoriale è d'altronde evidentissima sol che si consideri che la provincia è interamente montana, per circa il 50% a quote superiori ai 2000. Senza considerare la Valchiavenna, nella sola Valtellina, bacino di 2.598 kmq il quarto fiume d'Italia, l'Adda, scorre per 125 km ricevendo 105 affluenti, parte di un sistema idrico che conta 1.533 km di corsi d'acqua con bacini idroelettrici che hanno una capacità d'invaso, quelli valchiavennaschi compresi, pari al fabbisogno idrico di Milano per qualche anno.

Competenza principale delle Province, in ogni caso di quella di Sondrio per le caratteristiche territoriali, è la pianificazione territoriale. È una mostruosità culturale prima che politica pensare che domani la cabina di regia di questa pianificazione sia sulle rive ultime, in giù, del Lario e comunque fuori dal perimetro di questa vera e propria 'Regione alpina'.

 

Le distanze

Nell'ipotesi che la Provincia di Sondrio venga soppressa, anche se per Decreto verrebbe prevista la possibilità per i Comuni di pronunciarsi, non ci sono molte scelte per i 78 di Valtellina e Valchiavenna, salvo che non vi sia un'adesione in blocco alla confinante provincia di Bolzano per entrare in una Regione a Statuto Speciale…

A parte dunque Bolzano, raggiungibile d'estate via Stelvio a quota 2758 m. slm (190 km) e sempre attraverso i passi Aprica, Tonale, Mendola (192 km ma ore e ore per arrivare) con Sondrio confinano Brescia, Bergamo, Lecco, Como.

Bergamo e Como sono da escludersi. Bergamo perché pur distando in linea d'aria solo una sessantina di km è a distanza operativa, sia stradale che ferroviaria, più rilevante rispetto alle altre Province. Discorso analogo per Como.

Restano Brescia e Lecco.

 

- Brescia. Il Comune valtellinese più vicino è Aprica, a 115 km, sei di più di quelli da coprire per raggiungere Lecco.

Qualche cenno per i Comuni più vicini a Brescia: Tirano 134, Teglio 135, Grosio 151, Bormio 176, Valfurva 179, Livigno 212. Sempre peggio i Comuni a scendere la Valle, con Sondrio a 145 e via via gli altri.

 

- Lecco. Si salva qualche comunello della Bassa Valle che ha distanze equivalenti per Lecco e Sondrio. Poi le distanze salgono. Chiavenna è a 65 km, Morbegno a 55, Sondrio a 80. Da Sondrio in su: Teglio 98, Tirano 105, Bormio 143, Valfurva 146, Livigno 179, con due passi oltre i 2000 metri.

 

Le Province da sopprimere

Ce ne sarebbero, magari partendo da quelle recentemente inventate dalla Regione Sardegna.

E sono:

- Milano, Roma, Napoli, Torino ecc. Si tratta delle principali città italiane per le quali da oltre 30 anni si parla della soppressione delle Province, oggi di fatto 'schiacciate' dai Comuni capoluogo, creando 'l'area metropolitana' con i Comuni-cintura. Molti avversari delle Province fondano la loro proposta di soppressione sic et simpliciter avendo come modello di riferimento queste Province che effettivamente sono una Istituzione superata in queste realtà (basti pensare che il Comune di Milano che nel territorio comunale non riesce a trovare tutti gli standard che gli servono!

- Le Province-doppioni. Non si possono chiamare diversamente quelle tipo Pescara e Chieti separate da soli 18 km. o Livorno e Pisa. Tra loro 22 km mentre fra Ravenna e Forlì ce ne sono 28. S'intende che le cose devono essere viste in profondità perché c'è situazione e situazione come dimostra il caso di Monza che è a un tiro di schioppo da Milano eppure ha una sua fondamentale ragion d'essere.

 

Esigenza di cultura istituzionale

La vicenda attuale, in una con le ricorrenti campagne per l'abolizione delle Province dimostrano l'esigenza di una cultura istituzionale. Non ne è figlia una norma che sbrigativamente e rozzamente stabilisce il più facile dei criteri, quello della popolazione, dimenticando il territorio. Superficialità grossolana come quella dei fautori della abolizione tout court neanche ponendosi il problema di come risolversi il problema di 1.546 Comuni lombardi che dovrebbero vedersela tutti con il Pirellone (1.546!), quando oggi il rapporto è più gestibile con la Provincia avendosi 78 Comuni con Sondrio, 139 con MI, 244 con BG, 206 con BS, 162 con CO, 115 con CR, 90 con LC, 61 con LO, 70 con MN, 50 con Monza, 190 con PV, 141 con VA.

 

Dulcis in fundo: la Costituzione

In fondo ricordiamo l'art. 133 della Costituzione: «Il mutamento delle circoscrizioni provinciali e la istituzione di nuove Provincie nell'ambito d'una Regione sono stabiliti con leggi della Repubblica, su iniziativa dei Comuni, sentita la stessa Regione».

Per mandarci con Lecco, o altrove, certo, lo Stato lo può fare. Visto l'art. 133 lo può fare con legge costituzionale, magari emendando quel “su iniziativa dei Comuni” con “sentiti i Comuni”, cosa che ovviamente non ci piacerebbe punto.

 

Alberto Frizziero

(da La Gazzetta di Sondrio n. 14/2010, agg. 27/05/2010)


Articoli correlati

  Davide Dodesini. Facciamo uno sforzo unitario
  Legalizzare la prostituzione. Lo scandalo non sta nel tassarle, ma nel lasciarle in mezzo alla strada!
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Manovra economica. Blocco turn over, ma non concorsi e consulenze esterne
  Poretti e Perduca. Ponte sullo Stretto: appalti regolari?
  Maurizio Turco. Manovra: La Russa non deve tirare la corda, rischierebbe di fare male al paese
  Manovra economica. Pra ente superato, inutile e oneroso. Emendamento per abolirlo
  Asili nido. Manovra economica tenga conto delle indicazioni della Strategia Lisbona
  Aumentano i pedaggi stradali (Joshua Held, www.aduc.it)
  Manovra economica. Diffondere e promuovere il diritto al parto naturale e senza dolore
  Tremonti e le tasse. Come mettere le mani nelle tasche degli italiani
  Province. Bossi: se toccano Bergamo scoppia la guerra civile
  Province da abolire. Nel governo abbondano i... don Abbondio
  Marina Pensa. Invito alla manifestazione “Per una manovra più giusta”
  Vincenzo Donvito. Pedaggi autostrade e raccordi: altro che diminuzione delle tasse!...
  Mario Staderini. Stipendi parlamentari: la vera truffa è il finanziamento dei partiti
  Marco Zacchera. Tre note (stonate) in finanziaria
  Berlusconi, la manovra e le province. Se non ora, quando?
  Assegno invalidità. Bene abrogazione innalzamento percentuale
  Marco Lombardi. La crisi economica e le onerose scelte di responsabilità
  Manovra economica. Istituire fondo di garanzia giovani svantaggiati
  CGD. Mozione del Liceo “Ettore Majorana” di Rho
  L'abolizione delle Province (Joshua Held, www.aduc.it)
  Joshua Held. I programmi e le promesse del Governo (www.aduc.it, 17/12/2010)
  Luca Vitali. Quale autonomia?
  “Libero”, campagna per l'abolizione delle Province. Aderiamo all'appello
  Francesco Pullia. Province: abolirle, mantenerle o rivedere l’intero assetto amministrativo statale? Discutiamone
  Primo Mastrantoni. Penati, ovvero dell'inutilità delle Province
  Pd Sondrio. Domani in Consiglio Regionale la Riforma delle Autonomie
  Milano. Approvata la riforma del sistema delle autonomie in Lombardia
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Luca Vitali. Salviamo la Provincia... E dopo?
  Guido Viale. Quanto sono utili le Province
  Periscopio valtellinese: “Vale la pena salvare questa Provincia?”
  Luca Vitali. Il tempo sta per scadere
  Tre iniziative di Angelo Costanzo e del gruppo consiliare PD in Regione Lombardia
  PierVincenzo Uleri. Abolire le Province? Come e perché?
  Luca Vitali. Abolizione province: l'appuntamento del 31 gennaio
  “Province, preparatevi a far fagotto!” Intervista del Gazetin a Mauro Del Barba
  Giorgio Gemmi. Sondrio provincia autonoma, governata con logiche diverse
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Gaspare Serra. Aboliamo le province!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy