Lunedì , 19 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Miriam Della Croce: La storia di Giacinta, tratta liberamente da "Il quarto segreto di Fátima" di Renato Pierri
Santuario di Fatima
Santuario di Fatima 
28 Novembre 2009
 

 Giacinta aveva sette anni, quando, alla Cova da Iria, in Portogallo, assieme al fratello più grande e alla cugina, incontrò una bella strana signora un po' cinica, un po' sadica, la quale prese di mira i tre bambini e chiese loro di fare sacrifici a vantaggio dei peccatori. Evidentemente non conosceva bene il Vangelo, dal quale si evince con facilità che Gesù mai e poi mai si sarebbe sognato di chiedere sacrifici ai bambini. Del resto Gesù non chiese a nessuno sacrifici a  vantaggio dei peccatori. Ma la bella signora queste cose non le sapeva. Terrorizzò i piccoli con visioni infernali, annunciò che Francesco e Giacinta sarebbero morti presto, e chiese loro di portare il cilicio sulle carni solo di giorno; la notte no, perché Gesù non voleva. Se la profezia della morte non si fosse avverata, la signora avrebbe fatto una figura tapina, e probabilmente non sarebbe mai diventata la Madonna di  Fátima, e non avrebbe salvato Giovanni Paolo II, deviando appena un pochino la pallottola sparata da Mehmet Ali Agca. Francesco e Giacinta dovevano morire presto. E presto morirono. In quel periodo, anche a causa della spagnola, l'epidemia che fece milioni di vittime, i bambini morivano come le mosche d'inverno. Fu, infatti, la spagnola  a uccidere Francesco. La malattia durò sei mesi. Sembrò riprendersi, ogni tanto, e poi, il 4 aprile 1919, quando la primavera portoghese spandeva già nell'aria i suoi profumi, lasciò questo mondo. Le cose andarono assai peggio per la povera Giacinta. Ebbe a soffrire più del Cristo in croce. A differenza di Francesco, era riuscita a riprendersi dalla spagnola. Ma destino  volle che  tornasse a letto, dopo breve tempo, a causa di una pleurite purulenta. E forse si sarebbe ripresa anche da quel malanno, se non avesse creduto fermamente alla bella signora della Cova. Era persuasa che dovesse soffrire a lungo per la conversione dei peccatori. Aveva sete, tanta sete, ma per fare sacrifici a favore dei peccatori, non beveva. Spesso rinunciava ai cibi che le piacevano, e mangiava a forza quelli che non erano di suo gradimento. In preda ai dolori, non cambiava posizione nel letto, per non provare un po’ di sollievo. La pleurite, intanto,  le aprì una vasta dolorosa piaga nel petto. I medici consigliarono di ricoverarla nell’ospedale di Vila Nova de Ourèm.  Il 1° luglio 1919, lasciò la sua casa, in groppa ad un asino, accompagnata dal padre Manuel Pedro Marto. Però due mesi d’ospedale non portarono nessun giovamento alla bambina, così che il padre decise di riportarla a casa. Altre pene l'aspettavano. Se l'avessero lasciata a casa forse sarebbe guarita. Chissà. Si era all’inizio del 1920, quando una visita inaspettata parve portare qualche speranza in casa Marto. Era giunto il canonico Formigao, in compagnia del professor Lisboa, il quale, visitata la bambina, insisté perché fosse ricoverata urgentemente nell’ospedale di Lisbona. Ma l'ecclesiastico era preoccupato della salute di Giacinta, oppure della possibilità che la profezia non si avverasse? Certo è che la bimba anziché essere immediatamente ricoverata in ospedale, trascorse ben dieci giorni nell’orfanotrofio di Nostra Signora dei Miracoli. Quando entrò nell'ospedale "Dona Estefania", le sue condizioni erano disastrose, atroci le sofferenze, ed i medici decisero di ricorrere all’estremo rimedio: l’avrebbero operata. Poiché la malata non era nelle condizioni di sostenere un’anestesia totale, si praticò quella parziale, con conseguenti maggiori patimenti, ai quali si aggiunse l’angoscia di vedersi nuda fra le mani dei medici. Un giorno, piccola com'era,  aveva detto: "I peccati che portano più anime all’inferno, sono i peccati impuri". Non perse la purezza, bensì due costole sul lato sinistro del torace. Dopo l'operazione, a chi cercava di consolarla, rispondeva secondo i precetti della signora della Cova: "Tutti dobbiamo soffrire per andare in paradiso". Morì, persuasa di questa verità. E se n’andò in solitudine, senza neppure il conforto del viatico, che aveva chiesto con insistenza. Era la sera del 20 febbraio 1920. La profezia si era avverata.

 

 

 

                                                     Miriam Della Croce

 

 


Nota.  Nessuno aveva mai parlato di "quarto segreto di Fatima", prima che uscisse il libro di Renato Pierri. Poi Antonio Socci, forse senza volerlo, diede lo stesso titolo al suo libro, il che non era legale. Renato Pierri sta ancora aspettando le scuse da Socci e dalla casa editrice Rizzoli.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.0%
NO
 26.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy