Martedì , 16 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sulla Mostra di Marc Chagall a Milano 
A cura di Alberto Figliolia
27 Ottobre 2014
   

Una tale bellezza da stordire. A profusione. Un trionfo di colori e visioni. Un magnifico “spreco” di idee, metafore in forma di tele, i più fantastici rovesciamenti del reale. La felicità fa volare, come neanche la più spregiudicata immaginazione. La levità e l'esultanza della gioia e il soave fuoco della passione. Ma anche il dramma della Storia e il travaglio dell'umanità, ben rappresentati dal Cristo in croce o dalla figura a-storica e archetipica dell'ebreo errante, che tornano e tornano. L'esilio perenne e la nostalgia della città natale, Vitebsk, le sue case, i luoghi sacri, i prati e i cieli, gli animali (il nostro doppio). Paesaggi capovolti, una pendola con le ali, innamorati in volo... Non ci sono davvero limiti o confini nella pittura di Marc Chagall, tecnica sopraffina e variegata e tematiche universali.

La mostra dedicatagli da Palazzo Reale sino all'1 febbraio 2015 comprende oltre duecento opere, che giungono dalle più importanti collezioni museali del mondo (MoMa e Met di New York, Pompidou, National Gallery di Washington e altri, oltre ai privati). Ci sono i dipinti più celebri, così come le gouaches per la Bibbia, i lavori per il teatro o quelli ispirati dalla musica, le interpretazioni, stupende, delle favole di La Fontaine, l'acquaforte e la puntasecca. Un autentico tripudio, una festa per occhi e mente. In Chagall ogni suggestione – dall'espressionismo, dal cubismo, dalla tradizione ebraica, dai misteriosi echi dei simboli o altro che fosse – si ricomponeva in un mondo magico, di qualità poetica superiore. Anche quando la tragedia della Storia incombe (non una sola volta l'artista dovette andare in esilio: dalla Russia prima, poi negli Stati Uniti in conseguenza della barbarie nazista), anche quando il dolore individuale pare prendere il sopravvento (vedi la morte dell'amata moglie Bella).

Come non rimanere incantati innanzi a Il compleanno (olio su cartone, 1915, The Museum of Modern Art di New York), L'ebreo in rosso (olio su cartone, 1915, San Pietroburgo, Museo di Stato Russo) – una mano verde e una mano bianca... malattia, speranza e profezia –, Gli amanti in blu (tempera su carta incollata su cartone, 1914, collezione privata), Il poeta giacente (olio su cartone, 1915, Tate, Londra) – lo splendido roseo del cielo, un placido sonno e un sogno che s'allunga –, La nascita (olio su tela originale incollata su legno, 1911, collezione privata), Il violinista verde, studio per “Il teatro ebraico” (matita e acquerello su carta, 1917, collezione privata), lo stupefacente Nudo sopra Vitebsk (olio su tela, 1933, collezione privata) – un corpo femminile, di schiena, su un lenzuolo che naviga nel grigio del cielo, sopra i bianchi edifici, un mazzo di fiori color del sangue, macchia di vita, un'aura sospesa, una dolcezza onirica a permeare i sensi –, La mucca con l'ombrello (olio su tela, 1946, The Metropolitan Museum of Art, New York), La coppia sopra Saint-Paul (olio su tempera e segatura su tela, 1968, collezione privata), Don Chisciotte (olio su tela, 1974, collezione privata) – avatar dello stesso Chagall o simbolo dell'eroe poetico per eccellenza, l'amore senza macchia né paura, oltre ogni forzatura delle ideologie –, La passeggiata (olio su tela, 1917-1918, San Pietroburgo, Museo di Stato Russo) – radiosa raffigurazione dell'amore coniugale, oltre che struttura pittorica complessa, “manifesto della felicità”?

Una lunga e felice parabola quella di Marc Chagall, di famiglia ebrea chassidica, nutrito di cultura russa e francese, radicato nella cultura d'origine (ma meglio sarebbe dire le culture...) e inguaribilmente cosmopolita, assolutamente originale, unico, morto a 98 anni nel 1985. Quasi un secolo di esistenza attraversando due secoli per lasciarci l'impagabile eredità del suo mondo di colori e gioia e visioni.

 

Alberto Figliolia

 



 

  

 

Marc Chagall. Una retrospettiva 1908-1985. Palazzo Reale, Piazza Duomo, Milano. Sino all'1 febbraio 2015. Orari: mar-dom 9:30-19:30; lun 14:30-19:30; gio e sab 9:30-22:30. Info: tel. 02 88445181 / 02 54911; www.mostrachagall.it


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy