Giovedì , 13 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
16 Settembre 2017
 

Firenze – Sono rimasto incuriosito da una vicenda che non ha avuto granché di spazio mediatico, ma che di per sé è significativa della società in cui oggi viviamo. Ne parlo da un punto di vista antropologico, sociale e culturale. La censura cui si è dovuta sottomettere l’on. Giorgia Meloni,1 da parte di Facebook, per la promozione di una festa della sua parte politica.

La nostra ex-ministra che manda fulmini contro Facebook fa sorridere, è come la mosca che s’arrabbia perché le impediscono di posarsi sul cibo di un desco, ché al pari della mosca basta poco per farla smettere di dare fastidio, foss’anche che questo poco sia silenzio, non-risposta ad ogni sua affermazione.

Siamo nel 2017. Nel 1861 veniva creata l’Italia. Nel secolo scorso, dopo un trentennio, nel 1943, finiva il governo fascista dell’Italia (quello per cui, oltre alla moda e al cibo, siamo più ricordati nel mondo). Il nazionalismo italiano non ha grandi radici culturali e storiche (a parte la propaganda, in qualunque periodo), ma fu solo esaltato, per l’appunto, nel periodo fascista; anche col goffo tentativo, per competere coi grandi del mondo, di una politica coloniale annettendosi alcuni Paesi africani, oggi non a caso totalmente disgiunti culturalmente, politicamente ed economicamente dalla realtà istituzionale italiana.

Quando sento parlare di patria, di nazione italiana mi pongo sempre una domanda: di cosa stanno parlando? E mi viene in testa una mia recente spiegazione data ad alcuni conoscenti non-letterati che vivono dall’altra parte del Pianeta (territori francesi d’oltremare), quando mi chiedevano se l’Italia avesse avuto ed avesse delle colonie: “l’Italia non è una nazione, è un insieme di città, con alcune venature regionali. La politica italiana coloniale, quindi, non avrebbe potuto che essere un disastro – dal punto di vista storico – per fortuna di tutti estinto, niente a che fare con Francia e Regno Unito, per esempio”.

Credo che questa sia la nostra bellezza, uno dei motivi per cui serenamente mi definisco italiano quando non sono nel nostro Paese, uno dei motivi per cui non possiamo non essere alfieri del federalismo europeo che, non a caso, è nato dalla testa e dalla politica di personaggi italiani del calibro di Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi.

Il titolo che ho dato a questo scritto è provocatorio. Io credo di essere l’antitesi del patriota. Ho usato questa parola come se fosse “partigiano”. Ma non l’ho fatto perché preferisco restare nell’ambito della provocazione. “Patriota”, “partigiano”, “seguace”, “accolito”, mi danno la sensazione di fanatismo. Mentre credo che un buon governo e un buon riformismo debbano essere improntati proprio sul contrario del fanatismo politico, sociale, economico e culturale: liberismo e libertà. E per questo rifuggo anche da chi parla di “Patria Europa”. E mi lasciano decisamente perplesso anche le manifestazioni di nazionalismo nel Paese più federalista del mondo, gli Usa (anche banali, innocue e della vita quotidiana, come l’esposizione della bandiera nel giardino della propria casa).

Torniamo al nostro ex-ministro della Gioventù (!!!). Che vive e cresce sulla parola patria, anche per opporsi alla censura di Facebook. Senza rendersi conto che proprio questo social network è l’espressione del fascismo contemporaneo,2 figlio non-degenere della cultura cui lei si riferisce, con la caratteristica che non è una forma statuale, ma privata e – non a caso, come per il Fascismo agli albori della sua comparsa – avversario dello Stato (le sue memorabili evasioni fiscali sono solo la punta di un iceberg).

Questo è il mio tributo alla ricorrenza del XX settembre che sta per arrivare. Non andrò a porre corone di fiori con l’accompagnamento di fanfare per ricordare i bersaglieri caduti nella breccia di Porta Pia nel 1870 per – con l’annessione di Roma al Regno d’Italia – dare libertà dal clero cattolico-romano al neo-nato Stato italiano. No. Prendo spunto da questo episodio storico di libertà per fortificare speranza e lotta per gli Stati Uniti d’Europa, “usando” il Paese di cui sono cittadino come grimaldello così come lo è stato per l’avvio del complicato processo che oggi ci ha portato all’Unione Europea. Che – non potrebbe essere altrimenti, on. Meloni – non può che non essere una patria. Del resto, come potrebbero altrimenti ragionare di comune accordo (per comuni interessi che innegabilmente ci sono) due cittadini europei, uno di Cagliari, per esempio, e un altro di Talinn (capitale dell’Estonia)?

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

1 Ex-ministro per la Gioventù in uno dei passati governi guidati da Silvio Berlusconi. Ministro per la gioventù, non dimentichiamolo: chiamata a dover realizzare le politiche per i giovani – lei fascista dichiarata e osservante, non solo ex – nel 2008.

2 Uso l’allocuzione “fascismo contemporaneo” per meglio capirci “tra italiani” (adusi ad usare la parola fascismo per meglio semplificare e chiarire ogni forma di autoritarismo estremo), perché la definizione precisa sarebbe “autoritarismo contemporaneo”, ché la parola “fascista”, nel mondo e nei livelli di Facebook, sanno a stento che esista.


Articoli correlati

  Alessandro Barchiesi. La breccia
  20 Settembre. Quest'anno stravolto il senso della ricorrenza
  Andrea Panerini. 20 settembre. Oggi è festa!
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  Valter Vecellio. Il “nostro” 20 Settembre
  Contro il fondamentalismo clericale e i privilegi vaticani, per la libertà religiosa
  XX Settembre a Milano: per una breccia nel muro Firmigoni-Penati
  2008, Londra: “Roma 20 settembre 1870, data epocale del mondo contemporaneo? Eredità e attualità dello stato laico”
  Questo venti settembre
  Alessandro Barchiesi. Tagliare!
  Per una nuova Breccia, un altro 20 Settembre di lotta
  “Liberi tutti, in libero Stato”. 20 settembre a Milano
  Manovra: Privilegi vaticani? È ora di darci un taglio!
  Jacopo G. Schettini alla commemorazione del 20 settembre a Roma organizzata dai Radicali
  Valter Vecellio. Lasciateci campare!
  Luciano Martocchia. Una data da ricordare e festeggiare
  Sondrio. Genocidio in Siria e il silenzio delle coscienze
  Vincenzo Donvito. Il potere e la forza dell’euro
  MFE. A Morbegno nel nome di Vedovelli
  Stati Uniti d'Europa. Elezioni olandesi: un caso interessante
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Carlo Forin. “Posso aspirare a una carta d'identità europea?”
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Carlo Forin. Cives europei estote
  Federica Mogherini, alta rappresentanza internazionale e cittadinanza Ue
  Lidia Menapace. Cittadina europea di nazionalità italiana
  Guido Monti. Quale federalismo?
  Sondrio. “L’Europa e i Corridoi Umanitari”
  Mfe, Sondrio. Verso il 25 marzo, per l'Europa
  Rosario Amico Roxas. Per gli Stati Uniti d’Europa
  Guido Monti. È di nuovo l'ora di una Resistenza europea
  Olivier Dupuis. L’Europa delle monetine
  Vogliamo gli Stati Uniti d’Europa!
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Guido Monti. Celebrazione del 60° anniversario dei trattati di Roma
  Morbegno e Sondrio. “La mia piazza è l'Europa”
  Sondrio. Oltre l'Unione europea, verso gli Stati uniti d'Europa
  Sondrio si prepara alla Convention delle forze democratiche ed europeiste
  Carlo Forin. Migranti: l'ira del Papa
  Carlo Forin. Che cosa è urgente per l’Europa?
  +Europa. Liste transfrontaliere alle prossime elezioni Ue
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d'Europa: Ceta e Ue. C'è più di qualcosa che non funziona
  Giovedì 14 a Morbegno con l’europarlamentare Danti
  Pietro Moretti. Mediazione civile: eliminare l'obbligo dell'avvocato
  Un'Europa a due velocità per fare la Difesa comune?
  Carlo Forin. Allargare l’anima europea
  Schuman day, Giornata dell'Europa. A Sondrio, mercoledì 9 maggio
  Lidia Menapace. Autonomie ed Europa
  Pietro Yates Moretti. Tutta colpa dell'Europa?
  Marcia per l'Europa, a Milano sabato 12 maggio
  Davvero sono i popoli che non vogliono gli Stati Uniti d'Europa?
  L’irriverente degli Stati Uniti d’Europa. Dimmi cosa fai e saprò chi sei
  Carlo Forin. Che l’Europa svolti sui suoi cittadini
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Manuale di sopravvivenza alla nuova sinistra. È uscito Il libro volante 2
  Maria Lanciotti. Il Manifesto di Ventotene
  Andrea Ermano. Noi non ne siamo degni, ma loro sì
  Giuseppe Candido. Europa dei Governi Nazionali o Patria europea?
  Napolitano: «Motivo di fiducia che i più convinti ed entusiasti sostenitori dell’Europa siano i giovani»
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Ventotene. Fino al 4 settembre, duecento giovani al seminario dei federalisti europei
  Emma Bonino e Marco De Andreis. Non serve minacciare tagli. L’unica via sono gli eurobond
  Ricordando Ernesto Rossi
  Una vita per la libertà. A Verbania importante convegno di studi su Ernesto Rossi
  Un federalista giacobino. Ernesto Rossi, pioniere degli Stati Uniti d’Europa
  I funerali di Petter e un documento da lui raccomandato
  Ernesto Rossi. Contro l'industria dei partiti
  Per ricordare Ernesto Rossi a quarant’anni dalla sua morte
  Ernesto Rossi. Attualità di un democratico ribelle - Venerdì 9 febbraio in Firenze
  E. Silvestri. Europa e alterità radicale da Ernesto Rossi a Emma Bonino
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy