Venerdì , 16 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pietro Yates Moretti. Tutta colpa dell'Europa? 
Nonostante tutto, la risposta degli europei è “No”
29 Dicembre 2016
 

Firenze – Tutta colpa dell'Europa? Nonostante moltissime forze politiche indichino l'Unione Europea come l'origine di tutti i mali che affliggono il proprio Paese, il 60% dei cittadini europei continua a sostenere il progetto europeo. Questo il risultato di un'indagine WIN/Gallup International pubblicata oggi.

Un risultato sorprendente, visto che non solo le forze politiche dichiaratamente antieuropeiste, ma anche quelle (formalmente) europeiste, finiscono spesso per scaricare le proprie responsabilità su Bruxelles.

Nonostante un non indifferente 36% di europei favorisca l'uscita dall'UE, una percentuale in continua crescita negli ultimi anni e che si riflette nell'ascesa di forze politiche populiste e sovraniste, la stragrande maggioranza sembra aver capito che il problema dell'UE è costituito dagli Stati nazionali (il 90% dei greci, l’82% dei francesi, il 79% degli italiani e il 62% dei tedeschi).

E a ben vedere, quel 60% di europei (malgrado tutto) europeisti dimostra di aver compreso un dato di fatto che raramente viene detto all'opinione pubblica: l'UE altro non è che il frutto della collaborazione e cessione di sovranità da parte dei suoi membri. Sono gli Stati nazionali che, sempre più gelosi della propria sovranità, privano l'Unione Europea di quegli strumenti necessari ad affrontare fenomeni sovranazionali.

Per problemi di portata globale, è necessario adottare rimedi di portata globale. L'Italia, ma anche la Francia o la Germania da sole, non potrebbero mai influire sui processi globali di trasformazione della società, dell'ambiente e dell'economia che stiamo vivendo. Sono invece costrette a recepire passivamente ciò che viene deciso altrove da superpotenze come gli USA e la Cina, che difficilmente salvaguardano gli interessi e i valori europei, ovvero italiani, francesi, tedeschi ecc.

È per questo che è indispensabile, per non rimanere ai margini, riprendere il cammino verso gli Stati Uniti d'Europa. Ma per far questo, è necessario che gli Stati nazionali cedano sovranità invece di riprendersela. Purtroppo non è un momento particolarmente propizio, visti la proliferazione e il successo elettorale di forze populiste che cavalcano abilmente nazionalismo, rabbia sociale, protezionismo, disprezzo per lo straniero e per le istituzioni democratiche liberali.

Forse si potrebbe ricominciare da quel 60% di europei che sembra aver chiaro chi sono i veri responsabili della debolezza dell'UE. Nonostante anni di incessante propaganda contro i 'burocrati di Bruxelles'.

 

Pietro Yates Moretti, vicepresidente Aduc


Articoli correlati

  Vincenzo Donvito. Il potere e la forza dell’euro
  Sondrio. “L’Europa e i Corridoi Umanitari”
  Stati Uniti d'Europa. Elezioni olandesi: un caso interessante
  Carlo Forin. Migranti: l'ira del Papa
  Guido Monti. Quale federalismo?
  Pietro Moretti. Mediazione civile: eliminare l'obbligo dell'avvocato
  Sondrio si prepara alla Convention delle forze democratiche ed europeiste
  Sondrio. Oltre l'Unione europea, verso gli Stati uniti d'Europa
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Davvero sono i popoli che non vogliono gli Stati Uniti d'Europa?
  Guido Monti. È di nuovo l'ora di una Resistenza europea
  MFE. A Morbegno nel nome di Vedovelli
  Morbegno e Sondrio. “La mia piazza è l'Europa”
  Vogliamo gli Stati Uniti d’Europa!
  Olivier Dupuis. L’Europa delle monetine
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Guido Monti. Celebrazione del 60° anniversario dei trattati di Roma
  Carlo Forin. Cives europei estote
  Giovedì 14 a Morbegno con l’europarlamentare Danti
  Sondrio. Genocidio in Siria e il silenzio delle coscienze
  Carlo Forin. Che l’Europa svolti sui suoi cittadini
  Carlo Forin. Che cosa è urgente per l’Europa?
  Mfe, Sondrio. Verso il 25 marzo, per l'Europa
  Lidia Menapace. Cittadina europea di nazionalità italiana
  +Europa. Liste transfrontaliere alle prossime elezioni Ue
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d'Europa: Ceta e Ue. C'è più di qualcosa che non funziona
  Un'Europa a due velocità per fare la Difesa comune?
  Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
  Federica Mogherini, alta rappresentanza internazionale e cittadinanza Ue
  Lidia Menapace. Autonomie ed Europa
  L’irriverente degli Stati Uniti d’Europa. Dimmi cosa fai e saprò chi sei
  Schuman day, Giornata dell'Europa. A Sondrio, mercoledì 9 maggio
  Marcia per l'Europa, a Milano sabato 12 maggio
  Carlo Forin. Allargare l’anima europea
  Carlo Forin. “Posso aspirare a una carta d'identità europea?”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy