Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Liberalizzazioni. Rammarico per occasione persa
02 Marzo 2012
 

Intervento della senatrice Donatella Poretti sul voto di fiducia per la conversione in legge delle disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività

 

 

Pronuncio questo intervento con rammarico. Con il rammarico di una occasione persa.

Noi Radicali abbiamo salutato la nascita del Governo Monti come una opportunità offerta alla politica di risollevarsi e di ritrovare la capacità e la volontà di guardare e operare per il bene del Paese, a questa partitocrazia di ritrovare un filo che la colleghi ai cittadini. Questo decreto “cresci Italia” era una opportunità. Ma dalla bozza, dalle prime stesure alla formulazione approvata dal Consiglio dei ministri, fino al passaggio “letale” in Parlamento, in questo Senato, l'opportunità si è via via affievolita. La piccola luce di un intervento che finalmente cercava di illuminare i tanti luoghi bui, i poteri che hanno frenato il nostro Paese si è andata via via perdendo in un labirinto costruito da lobby e corporazioni che continuano ad esercitare la loro forza e a bloccare l'Italia.

Le misure contenute nel decreto non erano rivoluzionarie. Per fare un esempio, l'intervento sulle professioni: l'abolizione delle tariffe, l'obbligo del preventivo, la remunerazione dei praticanti, erano nulla a fronte della necessità di “smantellare”, “abolire” gli ordini. Per farne un altro: l'aumento della pianta organica delle farmacie, poca cosa rispetto alla sua revisione se non perfino abolizione, in Germania la Corte Costituzionale l'ha abolita perché contraria alla libertà d'impresa. O ancora sui taxi, l'Autorità avrebbe dovuto e potuto dare un parere vincolante per rivedere i numeri, una autorità che avrebbe operato come parte terza. E ancora non era la liberalizzazione delle licenze.

Insomma l'intervento era timido nella sua stesura iniziale. Appunto, una opportunità che abbiamo giudicato importante nella sua simbolicità, ossia la rottura della continuità rispetto al modo di affrontare le corporazioni. Se, infatti, la maggior parte delle professioni tende naturalmente a trasformarsi in corporazione, vale a dire in una realtà chiusa a difesa dei propri interessi. Ma il Governo, il Parlamento e le leggi dovrebbero agire e operare per la difesa degli interessi di tutti: dei liberi professionisti, dei tassisti, dei farmacisti ma anche degli utenti e dei consumatori, che poi siamo tutti noi. E' l'avvocato che esce di casa che passa in farmacia e che prende il taxi, ma che quando sente parlare delle liberalizzazioni si dice felice purché non avvengano a casa sua.

E ancora una vola la forza e lo sbarramento opposto dalla politica del “non nel mio giardino” ha prevalso. Certo restano delle misure positive e infatti lo voteremo. Dalla separazione Eni-Snam a tanti altri piccoli interventi che temo non faranno crescere l'Italia o che andranno monitorati costantemente come le misure che riguardano l'Imu e la Chiesa Cattolica, in particolare per le scuole paritarie.

A fronte di questo esito risulta perfino inutile ricordare che avevamo anche fornito con emendamenti ulteriori occasioni di intervenire per andare verso un Paese più aperto, libero. Per consentire alle nuove generazioni di trovare spazio e modo per entrare nel mercato del lavoro senza dover passare dalle forche caudine degli ordini: una per tutti l'abolizione del limite dei 6 anni per esercitare il patrocinio legale. E' il paradossale esempio di una professione che si può esercitare a tempo, dopo 6 anni se non ti iscrivi all'ordine degli avvocati superando il terno al lotto dell'esame, quella professione che in 6 anni sei andato affinando scade come fosse uno yogurt. Una misura giusta nel merito, che per di più avrebbe prodotto l'apertura di partite iva e quindi profitti e crescita per il Paese.

Avevamo sollevato molte proposte volte ad una innovazione e apertura del mercato, dall’abolizione del monopolio SIAE anche sull’intermediazione dei diritti d’autore, al fine di rivitalizzare il mercato dei contenuti digitali ed incrementarne il livello di libera concorrenza, la diffusione del softwarelibero nelle Pubbliche amministrazioni, per una piena trasparenza nei dati delle PA, l'incentivazione del mercato degli e-Book che si vorrebbe incentivare con agevolazioni e sconti per le aziende del settore, infine avevamo chiesta anche una nuova procedura di assegnazione delle frequenze con eliminazione del beauty contest.

 

Ecco il rammarico di noi Radicali, che le faremo fiducia presidente Monti, a Lei e al suo Governo, all'occasione storica che rappresenta: un felice incidente nel contesto più generale della partitocrazia che ci avrebbe portato verso un ulteriore distaccamento dalla Costituzione formale di cui lo stato della Giustizia è solo l'epifenomeno per cui, come Radicali, testardamente offriamo la soluzione dell'amnistia per interrompere la flagranza di reato.

 

Le rinnoviamo la fiducia perché sappiamo le pressioni cui è stato sottoposto dalle lobby e dalle corporazioni che in questo Parlamento hanno forza e potere sproporzionato rispetto a quello dei cittadini e confidiamo che anche di questa nostra fiducia sui faccia forza per fare quelle scelte di cui sappiamo che l'Italia ha bisogno come dell'aria per respirare, a partire dalle riforme del mercato del lavoro

 

Sen. Donatella Poretti


Articoli correlati

  Pietro Moretti. Mediazione civile: eliminare l'obbligo dell'avvocato
  Vincenzo Donvito. Appello ai taxisti
  Marco Lombardi. La politica a Cannes mozze
  Decreto liberalizzazioni. Emendamenti per il riconoscimento dei patrocinatori legali
  Campagna “Taglia le ali alle armi”
  A proposito di spending review
  Martina Simonini. Benvenuti nell’anno del drago...
  Primo Mastrantoni. La Germania cresce, l'Italia no
  Marco Lombardi. La “lettera di intenti”: destinatari omessi e metodo discutibile
  Sviluppo. 30 milioni (a costo 0) in più
  Antonella Beccaria. In Italia spendiamo ogni ora 3 milioni per armi
  Primo Mastrantoni. Liberalizzazioni: Farle, non annunciarle
  Rifondazione Comunista contro l'IMU
  Donatella Poretti. Liberalizzazioni
  Primarosa Pia. Nome per nome, ecco chi sono e cosa hanno fatto i nuovi ministri
  Lidia Menapace. Supplenti
  Rosario Amico Roxas. Il governo delle ombre
  La finanziaria ha abrogato le norme sui prezzi minimi. Gli sconti sui libri sono ora liberi?
  Francesco Zappia. Tassazione obbligatoria: tra inevitabile piacere e comprensibile avversione
  Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra
  Mario Staderini. Ici e Chiesa: miracolo o bluff?
  G.C. Vallocchia. Anche i preti paghino l'ICI!!!
  Andrea Ermano. Prova d’orchestra con happy end, si spera
  “Bene le riforme annunciate, si passi presto alla fase attuativa”
  Mario Staderini. Prime valutazioni sui provvedimenti del Governo
  «Troppi veti e pizzini sui sottosegretari. PD e PDL la smettano»
  Mario Staderini. Lettera aperta al presidente Monti: «Domani, al Vaticano, chieda il taglio dell'8x mille»
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Auguri informali al neoministro della Salute Balduzzi
  Comitato Referendario pro acqua pubblica chiede incontro urgente al neo Premier Monti
  Alessandro Pedone. La Repubblica Italiana ha perso 31 miliardi di dollari in derivati?
  Lidia Menapace. Governo Monti: non c'è nulla da esultare
  Cerri, Seveso, Calabria: “salvaItalia” / “salvaArte”
  Emma Bonino. No ai governi tecnici: i politici ci mettano la faccia!
  Alessandro Pedone. I banchieri protestano perché vogliono il “diritto” d'ingannare i clienti!
  Alberto Figliolia. La chiamano manovra
  Vincenzo Donvito. Farmacie verso la chiusura a causa della liberalizzazione?
  Il caccia F-35 è uno spreco da abolire, perché non se ne discute seriamente?
  Primo Mastrantoni. Chiesa e Ici. Ci voleva Monti per scoprire l'acqua calda
  Piero Cappelli. Il Presidentissimo e il fallimento della sinistra italiana
  Pensioni? Va bene, ma...
  Lidia Menapace. Scuole paritarie e tasse dalla Chiesa
  Liberalizzazioni. 30 milioni in più con l'abolizione del limite di 6 anni per i praticanti procuratori
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy