Martedì , 31 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Brenda Gazzar. Le attiviste di Gaza si aspettano tempi più duri
24 Giugno 2007
 

Gerusalemme. In una situazione in cui crescono la violenza, l’inosservanza delle leggi, la radicalizzazione politica ed il deterioramento generale dei diritti umani, le attiviste per i diritti delle donne nella striscia di Gaza si stanno attrezzando per l’escalation delle aggressioni nei loro confronti. Lama Hourani (foto), attivista per i diritti civili ed i diritti delle donne, non velata, ha dichiarato la scorsa settimana che non uscirà di casa sino a che non vedrà cosa accadrà sulle strade ora che le forze armate di Hamas hanno preso il controllo della striscia di Gaza e del suo milione e mezzo di abitanti. Poiché membri di Hamas hanno tentato di forzare con la violenza le donne ad usare il velo, durante la prima Intifada iniziata nel 1987, Hourani sta aspettando di vedere se tenteranno la stessa cosa oggi: «Il punto critico è capire quali sono le regole di Hamas. Non sappiamo più quali siano le leggi, qui, non solo come donne ma come Palestinesi».

Hourani aggiunge che le violazioni dei diritti umani delle donne, collegate ad una serie di fattori politici, economici e sociali, sono aumentate da quando l’organizzazione islamista palestinese ha vinto le elezioni nel marzo 2006. Colpi di arma da fuoco risuonano alle sue spalle mentre mi parla al telefono: «Le donne non velate sono state assalite per strada come mai era accaduto in precedenza».

Dopo parecchi mesi di scontri, Hamas ha lanciato la scorsa settimana un attacco su larga scala contro l’Autorità nazionale palestinese. Il presidente Mahmoud Abbas ha sciolto il governo di unità nazionale, che aveva tre mesi di vita, e dichiarato un governo d’emergenza. La striscia costiera di Gaza, situata tra l’Egitto ed Israele, e la West Bank, territorio sulla sponda occidentale del fiume Giordano, sono ora controllate da forze rivali.

«Ciò che sta accadendo nella striscia di Gaza è una terribile guerra civile», dice Amal Kreisheh, direttrice della Società delle donne palestinesi lavoratrici per lo sviluppo di Ramallah. «Ogni sforzo possibile dev’essere compiuto per mettere fine a questa follia».

Mercoledì scorso, le forze israeliane hanno ucciso numerosi militanti a Gaza, ed hanno intrapreso raid aerei in risposta ai razzi lanciati contro Israele. Circa 160 persone sono morte a Gaza durante gli scontri tra fazioni palestinesi tra il 10 ed il 17 giugno, inclusi 45 civili: sono i dati del Centro per i diritti umani “Al Mezan” di Gaza. Undici dei quarantacinque civili erano donne. Più di 400 persone sono morte a Gaza dal 1° gennaio 2007.

Come risultato degli scontri dei mesi passati fra Fatah ed Hamas centinaia di donne sono ora vedove. Improvvisamente vulnerabili ed isolate, si trovano in una società lacerata da una guerra civile che divide le famiglie; le istituzioni che dovrebbero sostenerle appaiono anch’esse vulnerabili. L’11 aprile scorso, la società di beneficenza al-Atta, che opera nella striscia di Gaza a favore di donne e bambini, aprì un centro di formazione professionale per le ragazze in cui venivano insegnate tecnologie informatiche. Il giorno successivo i computer ed i materiali furono trafugati e fu dato fuoco all’edificio. La polizia sostiene che non si sia trattato di un crimine dell’odio di genere, ma le attiviste per i diritti umani delle donne di Gaza la pensano altrimenti, e credono che i loro centri potrebbero esseri i prossimi bersagli, ora che la striscia è controllata da Hamas. «Sono contrari alle agende delle donne, a che le donne siano in posizioni di potere ed ai diritti delle donne», spiega Rima Alrakhawi, addetta alle pubbliche relazioni del Centro per le istanze delle donne di Gaza, che si occupa di ricerca e formazione professionale. «Domenica abbiamo riaperto il Centro dopo la settimana di combattimenti. Sappiamo che è molto pericoloso anche ora, però».

I cosiddetti “delitti d’onore” hanno avuto un picco di crescita durante l’anno scorso, a Gaza. Tra il gennaio 2006 ed il marzo 2007, diciassette donne sono state assassinate per motivi “d’onore”. Di almeno cinque omicidi si è accertato che sono stati perpetrati da gruppi religiosi, anziché da membri delle famiglie delle vittime. Un fenomeno nuovo ed allarmante, sostiene Mahmoud Abu Rahma, coordinatore del Centro “Al Mezan” per i diritti umani di Gaza: «Il problema è che non vediamo alcuna azione da parte di istituzioni e governo per proteggere le donne da tanta violenza».

All’inizio di questo mese, un gruppo islamista che si autonomina Le spade della verità aveva minacciato le lavoratrici televisive di decapitarle per i loro «indumenti immodesti». I gruppi per i diritti umani hanno denunciato la minaccia e le giornaliste in questione hanno organizzato ben due manifestazioni di protesta a Gaza. Di recente anche gli uffici delle ong, i caffè, i negozi di dischi, i punti internet e i saloni dei parrucchieri sono stati attaccati o dati alle fiamme da gruppi religiosi. Uno di essi ha attaccato un evento sportivo il 6 maggio scorso, evento che si dava in una scuola gestita dal fondo umanitario delle NU, perché le gare includevano bambini e bambine: un adulto è stato ucciso durante l’attacco e sei sono stati i feriti, inclusi due giovanissimi studenti.

Le attiviste dicono che una seria escalation dell’insicurezza a Gaza e in minor misura nella West Bank, incluso il rapido diffondersi della criminalità e l’incremento dell’uso di armi, ha avuto inizio nel 2003, pochi anni dopo l’inizio della seconda Intifada. Esse indicano un numero di fattori per tale escalation che includono il modo in cui l’occupazione militare israeliana (le demolizioni di case, le detenzioni arbitrarie, la tortura) ha impedito ai territori palestinesi di svilupparsi economicamente e di stabilizzare le proprie istituzioni; e la diminuzione degli aiuti dall’occidente accoppiata al boicottaggio economico imposto dagli Usa, dall’Unione Europea e da Israele negli ultimi quindici mesi, fattore che ha indebolito ulteriormente un’economia già in condizioni critiche (a Gaza, il 70% della popolazione vive sotto la soglia di povertà).

Mercoledì scorso, dopo l’attacco israeliano ai militanti palestinesi a Gaza, il governo israeliano ha posto fine all’embargo diplomatico ed aperto un contatto con il governo d’emergenza palestinese. Gli Usa e l’UE si stanno anche muovendo per riprendere il programma di aiuti e le relazioni con il nuovo governo.

«In presenza di un tale disastro politico», dice Lama Hourani, «la società palestinese, come molte altre nel mondo, tende ad enfatizzare tratti di conservatorismo ed i diritti delle donne spesso non sono considerati una vera priorità».

«La radicalizzazione è lo sbocco consueto per società che attraversano conflitti militari prolungati», aggiunge Maha Abu Dayyeh Shamas, direttrice del Centro d’aiuto e consulenza legale per le donne di Gerusalemme. «Non solo la radicalizzazione, ma anche il crollo di ogni tipo di legge e di ordine. Nelle società patriarcali, e tutte le società al mondo ancora lo sono, le donne sono l’elemento “debole”. Se non ci sono politiche adeguate, sistemi di controllo, governo, le prime vittime del patriarcato e della militarizzazione saranno le donne ed i bambini».

 

Brenda Gazzar(*)

 

Maggiori informazioni:

Al Mezan Center for Human Rights

 

 

(*) Giornalista indipendente, corrispondente da Gerusalemme per WeNews. 21/06/2007, traduzione di Maria G. Di Rienzo


Articoli correlati

  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  Ecumenici. Veglia con lettura di Davide Melodia
  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Roberto Malini. Fermiamo le armi!
  Una iniziativa a Viterbo e una lettera al Presidente del Consiglio contro il massacro a Gaza
  Stop alla guerra! Sabato 17 iniziativa in piazza a Sondrio
  Primarosa Pia. L'eco dei mortai. Viaggio in Israele, 1-8 gennaio 2009
  Renato Pierri. Illegittima difesa
  Appello degli intellettuali ebrei contro il genocidio di Gaza
  Veglia ecumenica di preghiera “Per il cessate il fuoco immediato nella striscia di Gaza!”
  Vetrina/ Giuseppe Samperi. Chiedo perdono
  Francesco Pullia. Il sangue, Gaza, l’esilio della parola
  Floriana Lipparini / Adam Keller. Con i pacifisti israeliani contro la guerra
  Il Movimento Nonviolento aderisce alla manifestazione del 17 gennaio ad Assisi per la pace in Medio Oriente
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Peppe Sini. Dalla parte di tutte le vittime, contro tutte le uccisioni
  Vetrina/ Emmanuel Attard-Cassar. Veduta su Gaza (da Malta)
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
  Comunità dell'Isolotto. Socializzazione su: fondamentalismi e violenza
  Domenico Stimolo. Riflessione notturna su Gaza… e dintorni
  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Gila Swirsky: Nessuna notizia è cattiva notizia. Bombe su Gaza.
  Marco Lombardi. Legami di sangue
  Daniele Dell’Agnola. La vostra scuola sembra un museo
  Marco Lombardi. Nell'epoca di Saladino interinale
  Enrico Peyretti / Pax Christi. Gaza-Israele. Mobilitazione a Torino
  Coraggio israeliano
  Nino Lisi > Cdb San Paolo. Per Gaza. Presidio a Roma, 8-10 gennaio
  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Bassem Eid. “Noi palestinesi dobbiamo sbarazzarci di Hamas”
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy