Giovedì , 20 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Incendio allo scuolabus: la solidarietà di Sankara e Recosol all’Amministrazione comunale di Martone (Rc)
(foto Ciavula.it)
(foto Ciavula.it) 
12 Gennaio 2016
 

Gioiosa Ionica – Ci risiamo. Ancora un attacco frontale di chiara matrice mafiosa ad un’amministrazione comunale della Vallata del Torbido. Ancora una volta e a pochi giorni di distanza i soliti ignoti, vigliacchi e codardi che agiscono con il favore delle tenebre, hanno catapultato in un clima di terrore e paura un’intera comunità.

Questa volta è toccato a Martone. La notte scorsa infatti è stato dato alle fiamme lo scuolabus di proprietà del Comune. Mani criminali e menti imbecilli hanno pensato bene di cospargere di liquido infiammabile e quindi di incendiare il mezzo adibito al trasporto scolastico, provocando di conseguenza l’immediata sospensione del servizio, con enorme disagio per gli alunni e le rispettive famiglie.

La Cooperativa Sankara e la Rete dei Comuni Solidali, impegnati in un lento e complicato processo di lotta e resistenza civile sull’intero territorio, non possono non esprimere, senza se e senza ma, una ferma condanna a quanto accaduto. Non possono non esprimere, senza se e senza ma, piena solidarietà al primo cittadino di Martone, Giorgio Imperitura, all’amministrazione comunale tutta e all’intera comunità martonese. Atti del genere, ignobili e spregevoli, meritano una condanna unanime. Ma soprattutto meritano una risposta ferma e immediata da parte delle forze dell’ordine, della magistratura e della classe politica dirigente. Non è più tempo di passerelle a favore di telecamere. Non è più tempo di proclami e teoremi. E non bastano nemmeno più un paio di pattuglie di forze dell’ordine all’indomani delle intimidazioni. Ora è tempo che vengano individuati i responsabili e assicurati alla giustizia. Ora è tempo di dare un volto a chi tenta, in ogni modo, di instaurare un clima di paura e sottomissione diffusa, e di sbatterlo in galera.

Ora è tempo che i sindaci della Locride facciano sentire la loro voce. Sul serio. Altrimenti, come dice Mario Congiusta, «se lo Stato centrale non interviene, dimettetevi e consegnate le 42 fasce al Prefetto. La resistenza vi fa onore e ve ne siamo grati, ma deve avere un limite, altrimenti diventa altro».

 

Coop. Sociale Sankara

coopsankara@gmail.com


Articoli correlati

  Messina, Amaroni, Crotone: Nuova escalation di intimidazioni
  Open Source Matters. Il sito di Mario Congiusta contro la ‘Ndrangheta
  Anche a Gioiosa i migranti puliscono il paese
  Recosol: «L’accoglienza non si tocca»
  A-Accoglienza Riace in Festival
  Sprar Recosol di Gioiosa Ionica studiato dalla Harvard University
  Paola Suraci. Recosol, chiuso per minacce
  “Scatti di valore”. Recosol ospita quattro studenti di Gioiosa Jonica
  Gioiosa e Riace su Al Jazeera
  Da Nord a Sud aumentano le adesioni alla Rete dei comuni solidali
  Gioiosa a Ecofuturo 2. Video FQ.TV con Giovanni Maiolo
  Domani partirà la Carovana Solidale e Resistente
  Recosol nel Comitato regionale calabrese di Studio sull’immigrazione
  Gioiosa. Recosol ammaina bandiera francese
  “Europa: i rifugiati sono nostri fratelli”
  L’11 settembre marceremo scalzi a Gioiosa in solidarietà coi migranti
  Giovanni Maiolo. Parte dalla Calabria la Carovana Solidale e Resistente che andrà in Grecia
  Gioiosa Jonica. Convegno “Energia bene comune”
  Tiziana Bruzzese. Gioiosa Jonica: Il progetto Sprar compie un anno
  Scatti di valore e Recosol. Un altro anno insieme
  Giovanni Maiolo. Il Comune di Cinquefrondi chiede il riconoscimento dello status di rifugiato ambientale
  Il libro di Recosol presentato all’Università della Calabria
  Gianluca Congiusta per la liberazione degli esseri umani
  I migranti dello Sprar di Gioiosa insegnano francese agli studenti italiani
  Re.co.sol. Gioiosa a Ecofuturo
  Congratulazioni ai neopatentati del Progetto Sprar di Gioiosa Ionica
  Sprar di Gioiosa Jonica: dopo le licenze medie due migranti si iscrivono alle scuole superiori
  Almamegretta a Gioiosa Ionica
  Riace. Recosol a sostegno di Domenico Lucano
  Assegnato a ReCoSol un bene confiscato alla mafia situato a Gioiosa Jonica
  Gioiosa Ionica. Tante vie per l’integrazione
  Corso di inglese gratuito a Gioiosa Ionica
  Sprar di Gioiosa Ionica: altri nove migranti ottengono la licenza media
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy