Mercoledì , 08 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Donne in vista 2
27 Febbraio 2014
   

Sulla maggiore visibilità di donne nelle istituzioni, dal governo Renzi in poi si è aperto un dibattito talora astioso tra noi donne e nobilmente “protettivo” da parte di alcuni “patriarchi gentili”.

Vorrei dire la mia più compiutamente di quanto non abbia fatto subito, comunque confermando quanto già detto.

Le elettrici in Italia sono più degli elettori dal referendum monarchia/repubblica in qua e ora -come da ultimo censimento- noi cittadine siamo circa duemilioni e 200.000 più degli elettori. Se la nostra vuol essere una democrazia rappresentativa anche dei generi, la presenza di donne nelle istituzioni dovrebbe essere addirittura del 52% a 48.

Chi deve preoccuparsene? chi sta al potere deve farsene carico, ex art.3 cost. che dice che “la Repubblica rimuove gli ostacoli ecc. ecc.” Dunque è inadempiente: ricordo che sul citato articolo 3 fu relatrice alla Costituente la bravissima e compianta e allora la più giovane partecipe dell'Assemblea Teresa Mattei e si deve ritenere questo articolo egualitario proprio segnato dalla azione politica delle donne costituenti.

Come fa la repubblica a rimuovere ecc.? può prendere esempio dalle donne norvegesi, le prime al mondo ad avere ottenuto il riconoscimento del diritto di voto attivo e passivo. Poiché pensavano che spontaneamente non sarebbe stata riconosciuta anche l'entità della loro presenza, inventarono una clausola, detta “clausola di non sopraffazione di genere” (ridicolmente tradotta da noi “quote rosa”), la quale dice che nella composizione delle liste nessun genere può superare il 60% dei posti, nessuno avere meno del 40, in modo che col tempo una equilibrata e non meccanica rappresentanza si stabilizzi tra i generi. La norma è transitoria e avrebbe dovuto durare fino a che spontaneamente le liste sarebbero state composte così: la norma transitoria è ancora in vigore anche in Norvegia. Dunque un margine di diffidenza è fondato.

Inoltre se si vuole un riequilibrio tra i generi bisogna chiederlo, pretenderlo, come fece Olympe de Gouges già nel 1793 nel corso della Rivoluzione francese, evitando però una sua ingenuità fatale: Olympe scrisse “I diritti delle donna e della cittadina”, chiedendo il voto, che le bambine e ragazze andassero a scuola, che le donne potessero dare il loro cognome a figli e figlie, e che il parto fosse assistito in modo da non essere sempre o quasi un rischio di morte, tutto giusto e non tutto raggiunto finora. Aggiunse imprudentemente: se possiamo salire al patibolo, potremo ben salire anche alla tribuna e fu prontamente ascoltata e ghigliottinata: mai lasciargli una scelta, dire sempre che cosa si chiede.

Qualche “patriarca gentile” (come si dice in gergo femminista) ci suggerisce di non accontentarci di donne elette a caso e così poco adatte alla bisogna: ma perché non si preoccupa del livello dei suoi simili? o pensa di sorvegliare lui la scelta delle donne e noi donne quella degli uomini? così incominceremmo a liberarci di tutti quelli che non tengono le mani a posto, e avanti, dato che tra Strauss Kahn, Netanyao, il presidente francese, il Berlusca nostrano ecc. ecc. non c'è che l'imbarazzo della scelta. Non mi convince proprio.

Penso che dobbiamo registrare che le nostre insistenze stanno smuovendo materialmente l'ostacolo e mantenere il diritto di giudicare e criticare anche le elette, come giudichiamo e critichiamo anche gli eletti. A me sembra giusto e normale.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy