Lunedì , 06 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Scrivere un diario per conoscersi: è l’invito della “Green autobiography” di Duccio Demetrio 
Un viaggio poetico sull’importanza della scrittura. Per il docente di Filosofia la penna è un “retrovisore instabile, regolato dal presente in fuga”
01 Agosto 2015
 

Possibile leggere la prosa come fosse poesia? Sembrerebbe di sì sfogliando una delle pagine di Green autobiography. La natura è un racconto interiore (Booksalad) di Duccio Demetrio, docente e direttore scientifico della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, già professore ordinario di Filosofia dell’educazione e della narrazione all’Università degli studi di Milano Bicocca, oltre che autore di oltre 40 opere dedicate alla condizione adulta, alla scrittura terapeutica di sé, alla formazione nel corso della vita. Da giugno in libreria 352 pagine che sgorgano versi puri, trasparenti, sulla bellezza della scrittura evocatrice di ricordi legati alla natura. Ci si imbatte in liriche agresti di Virgilio, Ovidio e Catullo, passando per Antoine de Saint-Exupéry, Jacques Prévert, Goethe, Yeats, ed è l’animo umano al centro del libro, di conseguenza ogni lettore. «Scrivere di sé è un gesto nobile e doveroso, coraggioso e saggio», dichiara Demetrio che continua: «Scrivere di noi è elevazione della coscienza, non per narcisismo, ma per desiderio di conoscenza, quando si ritiene di aver scovato il riflesso della realtà delle cose e qualche indizio di noi».

Demetrio parla della penna come di un “retrovisore instabile, regolato dal presente in fuga”. E sottolinea: «Green autobiography, aderendo a un progetto più ambizioso, può significare ricostruire a ritroso la nostra intera esistenza, sia essa ancora breve di anni o matura, nei suoi momenti salienti contraddistinti dal rapporto con le cose, viventi o meno, della natura: senza trascurare quegli istanti incantati, indimenticabili e ormai lontani, vissuti dinanzi a una conchiglia, a un cespuglio di more, ai profumi di un viale di tigli, né dimenticando di scrivere delle nostre esperienze alla ricerca delle lezioni che essa ci impartisce nel percorrere una dopo l’altra le stagioni della vita. Poiché così come la natura cambia, anche i nostri rapporti con essa mutano: si fanno più intensi, autunnali e appassionati, si riaccendono offrendoci gioie, consolazioni, nostalgie, malinconie, altri sentimenti e affetti che fanno della natura lo sfondo delle nostre storie, le quinte delle nostre avventure, il palcoscenico dei nostri amori».

«Nella mente» sottolinea Demetrio, «i ricordi affiorano dal buio a ondate lente, successive; portano a galla non detriti, scarti e immondizie, ma scene, incontri e momenti avvolti in crisalidi di grande tenerezza che attendevano di riapparire, anzi spingevano per tornare alla luce della coscienza». Giunge forte il suo invito a scrivere adottando «un allenamento possibilmente quotidiano; è emotivamente piacevole abbandonarsi alla corrente, senza badare ad anni precisi, a compleanni o all’esattezza temporale del ricordo». E conclude: «Tutti noi abbiamo un albero che ci piace, perché è stato il primo: il mio, scopro alla fine, è lei. Mi ha insegnato ad annusare quei fiori bianchi e carnosi, troppo inebrianti nei mesi già afosi di luglio, a salire tra i suoi rami bassi, nel sogno che si innalzasse, a costruire altre piroghe, non più da bambino, da abbandonare alla corrente quando ne ho l’occasione. Credo mi abbia affidato il compito di non dimenticarla, perché la magnolia è pianta sempreverde, il vessillo di un’illusione di stabilità, nonostante il trascorrere delle stagioni della vita che vedo ora, una per una, più chiaramente di prima». Una magnolia è nella vita di tutti.

 

Ornella Petrucci

(da ilVelino/AGV NEWS, 22 luglio 2015)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy