Martedì , 18 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Caso Costanzo. “Sentenza rispettosa dei fatti. Ora vogliamo la verità sul pdl Pozzi” 
“Il Pd abbandoni la linea Penati”, commentano a caldo Cappato e Camero (Radicali)
12 Gennaio 2012
   

Costanzo si dichiara amareggiato e parla di “spettacolarizzazione mediatica”...

 

 

Con dispositivo letto in esito alla discussione odierna (nel corso della quale il PM ha concluso in modo a noi favorevole), il Tribunale di Milano (Sez. I, pres. Bichi, rel. Baccolini), ha accolto il ricorso NRG 44764/2011 proposto da Gianfranco Camero (Radicali, Lista Bonino-Pannella, Sondrio) contro Angelo Costanzo (Consigliere regionale del Partito democratico).

Per l'effetto, il Tribunale ha dichiarato la sussistenza, in capo al Costanzo, della causa di ineleggibilità di cui all'art. 2, comma 1, n. 11 della Legge 154/1981, ha dichiarato l'invalidità della convalida della sua elezione e l'ha condannato alle spese di giudizio. Le motivazioni della sentenza verranno depositate tra qualche giorno.

Gianfranco Camero e Marco Cappato (candidato alla Presidenza della Regione Lombardia per la Lista Bonino-Pannella escluso dalla competizione elettorale 2010) hanno dichiarato:

«Questa sentenza, che è la prima nella storia della regione Lombardia a dichiarare l'ineleggibilità di un Consigliere regionale, è semplicemente una sentenza rispettosa dei fatti, della documentazione da noi prodotta e delle stesse dichiarazioni di Angelo Costanzo che testimoniano inequivocabilmente la sua ineleggibilità. La preannunciata decisione di presentare ricorso in appello non può dunque che essere interpretata come la speranza di potere contare sui tempi criminali della giustizia italiana».

«Per quanto ci riguarda», hanno proseguito i due radicali, «il nostro obiettivo è solo e semplicemente quello di far rispettare la legge, far emergere la verità, legalizzare per quanto possibile un Consiglio regionale che è totalmente abusivo fin dalla sua costituzione -grazie alla truffa Firmigoni- e nel quale siedono Consiglieri regionali che non avrebbero avuto diritto di diventare tali. Insieme a Paola Camillo riprendiamo e rilanciamo la battaglia per ottenere la verità anche sul caso del Consigliere regionale Giorgio Pozzi, anch'egli dimessosi tardivamente dal Consiglio di amministrazione di una società controllata dalla Regione. Ci auguriamo che anche il Partito democratico, che inizialmente aveva partecipato al voto unanime del Consiglio regionale di conferma del mandato di Pozzi e di Costanzo, voglia finalmente intraprendere una battaglia politica per la legalità su tutti questi casi -Firmigoni incluso- invece che mantenere la strategia dell'inerzia inaugurata già a suo tempo da Filippo Penati».

Dal canto suo, Angelo Costanzo, che si dichiara «amareggiato», come si legge in un comunicato stampa diffuso dall'ufficio stampa PD al Consiglio regionale della Lombardia, ha dichiarato poco dopo la sentenza: «Sono stanco delle polemiche perché ho sempre svolto la mia azione politica con trasparenza e correttezza, come riconosciuto anche dai miei avversari. Sono una persona onesta e non ho mai usato il ruolo nel Consiglio di Amministrazione dell’Aler per influenzare nessun risultato elettorale. Avevo rassegnato le mie dimissioni dal Consiglio di amministrazione, anche se non formalizzate, e, non pensando che avesse carattere formale, ho presenziato il 7 aprile 2010 ad una riunione del Consiglio stesso ad elezione in Regione già avvenuta, perché intendevo solo condividere la soddisfazione per il risultato elettorale di pochi giorni prima. Il ricorso ha fatto emergere un problema di procedure, nulla di più!»

E così ha concluso: «Noi rispettiamo le decisioni, anche quando non le condividiamo. Presenterò la proposizione dell’appello, ricordando che la sentenza del tribunale non è esecutiva in caso di impugnazione e quindi continuerò a svolgere le mie funzioni di Consigliere regionale. La cosa inaccettabile è la spettacolarizzazione mediatica e la strumentalità politica da parte dei radicali che fanno di tutta un'erba un fascio, mettendo insieme la vicenda di Formigoni con la mia. Ho svolto il ruolo di Consigliere in questi due anni con serietà e passione verso le istituzioni e il mio territorio. Continuerò il mio impegno politico e istituzionale che riprenderò dopo un breve pausa».


Articoli correlati

  Marco Cappato. Regione Lombardia: Pozzi decade a seguito di un'esemplare battaglia per la legalità
  Lombardia: Caso Costanzo, Caso Pozzi... Firmigoni sempre più... nervoso
  Quando una mano lava l'altra: sarebbero stati ineleggibili i consiglieri regionali Pozzi (Pdl) e Costanzo (Pd)
  Gianfranco Camero. “Costanzo, Pd, Lega: niente da dichiarare?”
  Ancora in piazza, a battere sul chiodo della legalità
  “Legalizzare Sondrio, legalizzare la Lombardia”
  Nuovo capitolo del “vizietto” di aggiustare le cose a posteriori
  Sondrio. Legalità e 'questione morale': i Radicali chiedono un pronunciamento di Partito Democratico e Lega Nord
  Sondrio-Milano. I Radicali presentano ricorso contro l'elezione di Angelo Costanzo (Pd) a consigliere regionale
  PD. Primo appuntamento per la campagna elettorale di Angelo Costanzo a Morbegno
  Mauro Del Barba, Roberta Songini, Angelo Costanzo, Francesca Zucchetti
  Gianfranco Camero. A volte ritornano...
  Marco Cappato. Penati: invece di espellerlo, il PD pensi a mutare la sua politica formigoniana
  Milano. Angelo Costanzo decade dal Consiglio regionale lombardo per la denuncia radicale
  XX Settembre a Milano: per una breccia nel muro Firmigoni-Penati
  Appartamenti abusivi al posto dei sottotetti. Nei guai Giorgio Pozzi
  Radicali Milano. Vergogna: democrazia (ancora) negata con la “Legge Firmigoni”
  Emma Bonino. Sentenza Giovine e superficialità del Presidente di Regione Piemonte
  Firmigoni: dopo 5 anni il Consiglio di Stato certifica l'illegalità delle Regionali 2010
  Firmigoni: Seconda condanna per diffamazione contro radicali
  Milano. Roberto Formigoni/firme false: “Diffamò i Radicali”, chiesta condanna
  Marco Cappato. Firme false: Formigoni punta sulla malagiustizia
  Ass. radicale Aglietta. In Piemonte si torni a votare
  Milano. PD: “In Lombardia al voto subito” / Cappato: “Avviso ai manifestanti”
  Marco Cappato. Firme false: “Esiste un’alternativa alla denuncia dell’Italia in sede internazionale?”
  Il Tribunale di Milano dichiara false le firme a sostegno di Formigoni alle regionali 2010
  Formigoni in un'impareggiabile... imitazione di Crozza
  Milano. Formigoni condannato a risarcire l'onore dei Radicali
  Marco Cappato. Lombardia: tra illegalità e giustizialismo
  Radicali. Confermata condanna “Firmigoni”: Chieda scusa e paghi
  Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso dei Radicali su Firmigoni
  Martina Simonini. Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare
  Marco Cappato. Penati e Lombardi, due "novità" al servizio di Firmigoni
  Primo Mastrantoni. Penati, ovvero dell'inutilità delle Province
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy