Lunedì , 18 Febbraio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Andrea Gratton. Fila la lana
14 Febbraio 2013
   
“L’anarchia è una qualche remota possibilità di essere diversi da ciò che si è.”
La realtà conta davvero poco. E allora, “Bah, la realtà!”
Imprigionati in un sogno medievale. Falso e consapevole come tutti i sogni.
Cruento e sanguinario come tutti gli addii. È il medioevo del nostro Impero.
Il medioevo di essere sempre noi stessi. E mai diversi. Nessuna possibilità.
Mai in viaggio. Mai all’interno del pozzo. Mai in direzione ostinata e contraria.
E allora capita di perdersi. Perdersi nell’impossibilità di farlo.
Allora capita di non tornare.
Capita di morire.
 
L’Impero si sta svuotando. Il grande Impero si sta svuotando. Giorno dopo giorno.
Le persone che qui sono ora calde nelle loro case sono qui, non sono là.
Non sono là, non è importante!
La maggioranza è vuota. La moltitudine è vuota.
La guerra è vuota! L’ideologia è vuota! Ogni cosa si realizza in forma del tutto priva di senso.
Chi è qui è vivo. E chi è qui è fuori dall’Impero.
La casa è fredda. L’anarchia è fredda.
“L’anarchia è una qualche remota possibilità di essere diversi da ciò che si è.”
Se devo morire, che non sia in balia di una pace terrificante
 
Mi piace quando la banalità viene uccisa.
E anche la sua compagna realtà. E quella testa calda dell’orgoglio.
E quando tutta la folle indifferenza, con maggiore o minore perizia, è trucidata.
Così che infine regnano pace e quiete. E si può sentire un corvo gracchiare.
“L’anarchia è una qualche remota possibilità di essere diversi da ciò che si è.”
E una figlia chiede alla madre se può andare al fuso. A filare la lana.
E lei, certo, può andarci! Per quel grazioso sentiero che serpeggia nel boschetto di pini.
In attesa che si realizzi la remota speranza.
Quella di riuscire a vivere non più liberi da. Ma liberi per.
 
Ma libero per cosa?
Abbastanza libero per poter amare. Abbastanza libero per poter essere giusto.
Abbastanza libero per poter essere fecondo. Abbastanza libero per poter essere diverso.
“L’anarchia è una qualche remota possibilità di essere diversi da ciò che si è.”
Abbastanza libero per poter capire che ho necessità di libertà per poter essere redento da questo dolore.
 
Ma si può barattare un così lungo dolore con un brevissimo abbraccio?

 

Andrea Gratton


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy