Lunedì , 24 Novembre 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
21 Marzo, Giornata Mondiale della Poesia/ II – Omaggio d/al Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Artemis 
a cura di Ivana Cenci
Michela Modolo, dal ciclo
Michela Modolo, dal ciclo 'Risonanze' 2010 - olio su cartoncino, 32x27 cm 
21 Marzo 2011
 

PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA,

con il desiderio di bellezza che tale ricorrenza, connessa all’equinozio di primavera, evoca in ciascuno di noi, e la dimensione di assoluto cui la Poesia stessa rimanda, mi torna come istanza e gesto di responsabilità dare spazio alla voce dei poeti che hanno trovato o stanno trovando nell’humus del Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Artemis (Vicenza) e delle iniziative ad esso legate un terreno fertile, atto a dare espressione adeguata all’urgenza di dire e manifestare la domanda di vita che li anima, attingendo e rendendo condivisibile quell’annuncio di verità e di bellezza cui la Poesia, nel suo sorgere, ci apre.

Dedico la pagina a tutti gli amici che, accordandomi fiducia e trasmettendomene fermento, vi hanno contribuito, inclusa la rivista che già in passato ci ha accolto e torna oggi ad ospitarci… e a tutti coloro che, dando ascolto all’istanza di Poesia che li anima, si mettono in cammino.

Con rinnovato riconoscimento a Stefano Guglielmin, poeta e nocchiere onesto e generoso che, inoltratosi da tempo in questo percorso, ce ne trasmette esempio, competenze e testimonianza. (Ivana Cenci)

 

 

 

Anna Modolo

 

 

Questione di luce

 

Inquieto zigzagare

di storni presaghi

s’avvicina rantolo il respiro

dell’aria

m’avvolge struggente

brivida mancanza

l’improvviso accumularsi

di nubi

una violenza strisciante

schizza gialla

segmenta come serpe

il nero pece

del cielo ormai chiuso

riverbera impietosa

ritorni di fantasmi

randagi.

Questione di luce.

 

 

 

Tormento

alla quiescenza

dello stare

in-ferma

in un mondo

in discesa

è scegliere

fuga

o estremo gioco

di scarto.

La verità nuda

esige vestire

ragioni d’esistere

prima ancora d’essere

abbassare senza finzioni

le carte truccate

salvare gli assi

nella manica

Amore e Poesia

giocando la matta.

 


Anna Modolo è nata a S. Lucia di Piave (TV) nel 1946. Figlia del noto pittore d’arte sacra Bepi Modolo, vive da anni a Creazzo (VI). Appassionata di letteratura italiana ed estera, si è cimentata nella scrittura con il libro C’era una volta, dove raccoglie pensieri, emozioni e ricordi della propria infanzia. Dando seguito alla sua passione per la composizione poetica, che esplora e percorre da tempo, da un paio d’anni ha iniziato a frequentare il Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Artemis, partecipando contemporaneamente a incontri e reading poetici e visitando mostre d’arte. Nel 2010 ha pubblicato la raccolta poetica Colori di-versi.

 


 

Elisabetta Xausa


 

Decliniamo un saluto sghembo

un braccio a slacciare

e allacciare la vita

le dita tra i tuoi gerani rossi

un bacio celeste sulle scale

sapevi che mi avresti trovato?

una cartolina senza francobollo

è sempre un’incognita.

 

 

 

Morbidi tesi caduti ripresi

lancio getto accavallo

diritti rovesci impacciati

i miei punti in amore

tentano una sciarpa azzurra

che ti preservi l’inverno.

 

 

 

venti due venti tre

un soffio solo

ancora non c’è

uno scritto, una sciarpa

profuma di niente

la tua mente.

 

 

 

I para klausiziròn,

il dire e il fuggire,

il preventivo evitare,

le bende della poesia,

tu ricorrente,

l’invidia,la rabbia,

gli impossibilia dell’amore:

tòpoi logori hanno lasciato

una terra solo mentale.

 


Elisabetta Xausa è nata a Vicenza nel 1964 e risiede ad Arcugnano (VI). Laureata in filosofia, teologia e psicologia, insegna nella Scuola Primaria. Ha tenuto per anni una rubrica di recensione libraria per le emittenti televisive locali. Come psicologa si occupa di Percorsi sulla differenza di genere, Scrittura Autobiografica, Educazione socio-affettiva, Tutela dei minori. Da qualche anno si è avvicinata alla scrittura poetica e frequenta il Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Artemis, partecipando a diversi reading e incontri poetici. Suoi testi sono inseriti all’interno del volume di Poesia e Pittura Orizzonte Terraqueo, 2008.

 

 

 

Giordano Montanaro

 

 

quando arriva

 

è in un giorno qualunque o

l’altro

solito giorno

o quello dove non trovi i motivi

per cui accade

perché

l’immotivato

è così

sgronda tra i tubi verticali e neri ai muri

e non puoi farci niente

perché la pioggia non la fermi

e quindi scende

portandosi dietro del metallo

il ferùmene

 

perché così fa la vita

lascia che i toni fondano

e sfondano

è un ripetere ostentato

naturale

questo trascinarsi delle gocce

per ricongiungere i ponti di questa nostra infinita e

in-mutevole diaspora

 

 

 

apparente calma

 

nega la quiete e non placa
questa tesa attesa che
impone il fermo
a guardare il cielo

incupito
nero
mentre ancora
una massa che
storma e
torna e
oscura la volta

lì, i passi son contigui al poco tempo
la memoria svuota
smacca le pietre dove
giocano i petti rossi
così saltano via e si rincorrono tra i verdi sempre
di questo

e di altri inverni

 

 

 

alluvione

 

e l'acqua
tonfo vorace
scorre e scende e
stonda
di un letto incerto
i profili

riordina
spazza e porta a morte o
a mare
spezza
gli insiemi lignei
della carne

apparente, durevole schioda misero
l'accumulo umano

macerie adesso
fragili
sparse per la terra

e ora piange
riversa
dove nulla si può versare e cava
le braccia
e spezza le unghie ancora
in un nulla servire
un nulla
seminare per domani

solo mesto
triste raccattare
rovine rovinose

rovi-nati
tra i vuoti dei salix alba
lunghi filari ieri
oggi
banali conche
fianchi delle vie fluviali


 

Giordano Montanaro nasce a Vicenza nel 1964, svolge un’attività che lo porta a viaggiare in diversi paesi d’Europa e a dover relazionarsi con ambienti e culture tra loro molto differenti. Inizia con la fotografia e poi, con il Laboratorio di Lettura Poetica di Artemis, intraprende un percorso di ricerca inerente alle molteplici sfumature della parola. Ha pubblicato due raccolte: Interiorità razionali e non (2000) e Itinerari (2006), scrive su riviste specializzate in temi ambientali o sociali e collabora con organi di stampa on-line. Fondatore di due blog: www.aquasuga.blogspot.com e www.elciodo.blogspot.com, è co-fondatore e presidente del Collettivo Olandese Volante, cantiere culturale le cui attività muovono in ambiti artistici vicini alle tematiche sociali.

 

 

 

Erika Reginato

 

 

de Día de San José

 

Las sábanas de mi padre

no podrán ser usadas.

 

Cuando subía la marea

él inclinaba las velas.

 

Borda arriba.

Borda abajo.

 

Nunca se detenía.

 

Pero una noche se detuvo

cinco veces.

 

La primera

en la cocina,

la segunda

cerca de la ventana,

la tercera

encendió la lámpara,

la cuarta

con el pecho abierto,

se vio en el espejo.

 

La última vez

naufragó en la penuria.

 

 

da Giorno di San Giuseppe

 

Le lenzuola di mio padre

non si potranno usare

 

Quando si alzava la marea

lui cassava le vele

 

Su la randa

Giù la randa

 

Non si fermava mai

 

Ma una notte si fermò

cinque volte

 

La prima

in cucina

la seconda

vicino alla finestra

la terza

accese la luce

la quarta

con il petto aperto

si guardò allo specchio

 

L'ultima volta

naufragò nella penuria

 

 

 

de Campocroce

 

Invierno

 

Al final de la tarde

un breve aliento apaga la chimenea,

disuelve la ráfaga de polvo.

 

Es la hora de comenzar el ascenso,

de los tropiezos cuando aumentan las aguas.

 

¿Qué redentor si no hay luz?

 

¿Qué viento circula en tu pecho,

en mi cabeza?

 

En la orilla del río Brenta

reposa el inverno en el canto del mirlo,

la calma infinita del último silbido

que expiras.

 

Este domingo abriré la puerta

para revelar tus súplicas.

 

Velaré a mi padre

en el abrazo del viaje,

en las corrientes de las esquinas.

 

Antes de acostarme mezclo

un poco de aceite y semillas de girasol

para aliviar tu sed.

 

Ofrezco el trigo que nos une.

 

Las ánimas encienden el fuego del regreso,

amanecen sobre los tejados.

 

 

da Campocroce

 

Inverno

 

A fine pomeriggio

un breve soffio spegne il focolare,

dissolve la folata di polvere.

 

È l’ora di cominciare l’ascesa,

degli impedimenti quando aumentano le acque.

 

Che redentore se non c’è luce?

 

Che vento circola nel tuo petto,

nella mia testa?

 

Sulla riva del fiume Brenta

riposa l’inverno nel canto del merlo,

la calma infinita dell’ultimo fischio

che emetti.

 

Questa domenica aprirò la porta

per rivelare le tue suppliche.

 

Veglierò mio padre

nell’abbraccio del viaggio,

nelle correnti dei cantoni.

 

Prima di coricarmi mescolo

un po’ d’olio e semi di girasole,

per alleviare la tua sete.

 

Offro il grano che ci unisce.

 

Le anime accendono il fuoco del ritorno

albeggiano sopra i tetti.


 

Erika Reginato Muñoz (Caracas, 1977). Poeta, saggista e traduttrice, di origine italo-venezuelana, laureata in lettere presso la Universidad Central del Venezuela, ha pubblicato le raccolte poetiche: Dia de San José - II giorno di San Giuseppe (Eclepsidra, Venezuela 1999), Campocroce, con prefazione di Milo De Angelis e traduzione di Emi Rabuffetti (Sometti, Mantova 2008), e il saggio Cuatro estaciones para Ungaretti, Quattro stagioni per Ungaretti (Eclepsidra, Venezuela 2004). Ha tradotto in spagnolo le poesie di numerosi poeti italiani contemporanei, fra i quali Milo De Angelis, Davide Rondoni e molti altri, i cui testi sono pubblicati nel volume Caminos del agua - Antología de poetas italianos del segundo Novecientos (Monte Avila Editores, Venezuela 2007).

 

 

 

Ivana Cenci

 

 

A una donna (Camille Claudel)

 

Per le tue amarezze

le indeclinabili speranze

per la tua fronte altera che non apprese mai piegarsi

e gli occhi blu insaziabili non accordarono rinuncia.

Per la tua temeraria audacia, l’inarrendevole fatica

per il tuo combattere, la tua indomabile ferocia.

Per le mani tue febbrili, rese docili e virtuose

strumenti incomparabili forgiati a sete di bellezza

per la passione ardente che t’incendiò la carne

levigando dura pietra, porse al mondo meraviglia.

Per il tuo urlo muto che non trovò più voce

la rabbia divorante che non lasciò più pace.

Per l’incontenibile trasporto, la tua sete d’assoluto

che ti ha resa insieme donna, musa e dea

infine arresa al tuo divino

ti ha scortata fra i mortali.

Tu, immortale per quel lembo d’infinito 

fiamma pura che ti avvolse

ti gremì l’anima il ventre il volto

sospesa in un istante senza tempo 

ancora scavi smussi attendi:

indagando nuova luce

tieni a bada i tuoi ricordi.

 

 

 

Anna Nado, 'A Camille' - acquerello, 28x28 cm

 

 


Ivana Cenci, nata nel 1955, risiede a Vicenza. Già insegnante, ha perfezionato la sua formazione in Lingua e cultura Francesi presso l’Università d’Aix-en-Provence. Ha fondato e coordina per l’Associazione culturale Artemis il Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica, attivo dal 2002, con la guida di Stefano Guglielmin. Autrice e traduttrice di testi, saggi, conferenze e seminari con Giardino Freudiano e la Fondation Européenne pour la Psychanalyse, promotrice di iniziative ed eventi culturali in diversi ambiti del fare artistico, ha pubblicato la raccolta poetica Primo battito d’Ali (1996) e ha coordinato e diretto la realizzazione del libro di Poesia e Arte Orizzonte Terraqueo. Ha acquisito riconoscimenti in Francia e tradotto testi poetici per la rivista ANTEREM. 

 

 

 

Erika Crosara 

 

 

macchie

 

lotta tra mosca e mosca volante, lotta di cane nero e cane bianco. sfonderanno le porte di casa, gli orti sfioriti saranno visti da tutti.

 

«aspetta, aspetta». viene il caldo dei ragni, l’ombra si disfa, le distanze e la bava sui ciuffi. ruotano il cielo sopra la casa, una specie di uccelli si tinge di uguale colore. comincia con niente l’arrivo.

 

non si può fare nulla se la spina ha il corso breve, se i rami sono più lunghi e verdi e alti, se battono e arrivano sulle finestre. la sera cresce, i figli sono lontani, bisogna volere i balocchi e una saga che possa dirsi: respiratoria.

 

giocano forse all’errore. montano la scena dei nove re, del trono rotto, del ladro meschino che viene di notte e uccide. la soglia si macchia rimane un poco sconvolta.

 

 

 

strada di san michele

 

bagnano la strada, anche la salita dove rotolano sassi piccoli

e piccolissimi, per tutto il giorno, sono attesi molti fondisti

sterratori. ponti d’oro e brindisi, le autorità anche, ripartite.

 

un usignolo della verità sta in fila con gli altri ma non si

riesce a distinguere tra carte e altre robacce illuminate.

la mensa è scadente: qualcuno di buon cuore provvederà

perché qualcuno di buon cuore si trova sempre.

 

un grave circolo ora sbaglia manovra «tu matrona acquatica,

alle prime luci del mattino», non più «i miei figli sotto il manto».

vi sono, contenuti in un grosso libro, indici imperativi. alcuni

coi panni in mano prendono freddo aspettando il fischio del

panettiere, forse il ritorno col ciclomotore.

 

per la vecchia sono tutte fandonie e se

qualcuno abbocca le esche sono fatte apposta. parte col cane,

ne vede di tutti i colori ma torna sempre al suo posto: potrebbe,

lei, un giorno precipitare (un filo, le corolle, il paese con le sue

tracce oblique; il polistirolo). prende una pastiglia, devono

passare alcune ore, l’uomo non si trova, è presto per dire.

 

 

 

il verso

 

il verso della comunità felice in opere e giorni, tutto

all’interno, nel modo esatto. i mille colpi sul lago barèk

sono solo un piccolo sacrificio, ogni consorzio vuole

pagare e restare vivo e dare corso ai festeggiamenti,

tanto il drago muore.

 

volano i primi tagli di carne e dischi vecchio stile, col senso

del ricordo. nessuna voce, nessun capitolo ma nastri appesi ai

cancelli, dove possa risplendere il bravo inserzionista.

 

ne basta uno, silenzioso e senza un occhio. esce una salsa

senza sale: la vergogna in piedi e una signorina giunge già

al tappeto, erboso.

 

i misteri diventano grandi, la miseria sempre uguale e

il cucchiaio ritorna nel piatto. da ora in poi lunghe code

lunghe passando il crocevia, fuochi soltanto minimi.

 

 

Erika Crosara è nata a Vicenza nel 1977. Laureata in Conservazione dei beni culturali, attualmente vive a Galleriano di Lestizza (UD) e lavora in provincia di Udine. Sue poesie sono presenti in antologie, (Dall’Adige all’Isonzo. Poeti a Nord-Est, Fara Editore, Rimini 2008; Notturni di_versi. Crisi, Nuova Dimensione, Portogruaro 2010), riviste e blog letterari. Ius è la sua opera prima, pubblicata da Anterem Edizioni, riflessioni critiche di Giorgio Bonacini e Stefano Guglielmin, Verona, Premio Lorenzo Montano 2010. È inserita nella rassegna “Dire Poesia: incontri con poeti contemporanei in luoghi d’arte a Vicenza” 2011. Le poesie presentate sono pubblicate nell’antologia Salvezza e impegno (Fara Editore, Rimini 2010).

 

 

 

Giovanni Turra Zan

 

 

Mi piaceva totalmente l’enuresi diurna alla fermata

del 38. Lo scarico della sera prima

nelle brache e la pace del dopo.

Due passi poi e il barbiere assassino di capelli

a incredibili 2 sterline, che rimpiange gli eccitanti

tempi della segregazione razionale.

I moventi di chi al mercato va e

ve ne vendo tre per una cinquina

poi quei pomodori tigrati nella terrina

più crescione più cannellini e l’amaro borderline”

 

 

 

La città è la città, è una città

che è mia per le cose precise che sono di maggio.

Ma a maggio e anche a marzo spuntano le golden ladies,

crescono i bruciori di burro, quell’odore di quando

si sta distesi sul materasso per la strada

a dare la questione che non passa.

 

 

 

Il merito fu quel rischio e pur anche

lo scontento dell’impegno in petto

per i piani riparativi all’esclusione ultima

dei peggiori per i più.

what the fuck are you saying, se sai di un singolo luglio

e dell’attricetta porno-soft polacca posseduta dai demoni;

le offrivi comprensione finto femminile

ma lei voleva vino; voleva del vino, se ne hai;

voleva spuntasse un imene dal disastro.


 

Giovanni Turra Zan (1964) risiede a Dueville (VI). Diplomato al Conservatorio “A. Pedrollo” di VI, laureato in psicologia, ha pubblicato le raccolte Senza (Agorà Factory, Vicenza 2005) e Stanze del viaggiatore virale (L’Arcolaio, Forlì 2008). Vince nel 2007 il concorso indetto da Fara Editore di Rimini, che gli pubblica Il lavoro del luogo, e nel 2008 il premio nazionale di poesia “R. Giorgi” di Sasso Marconi (BO) per la sezione “Cantiere”. Sue poesie sono incluse in antologie: Poeti per posta (2005), Il segreto delle fragole (2006), Pubblica con noi (2007), Il corpo segreto (2008), Dall’Adige all’Isonzo. Poeti a Nord-Est (Fara ed, Rimini 2008). Le Costrizioni, inedito finalista al premio “Montano” 2010, è stato di recente pubblicato come e-book.

 

 

 

Alessandra Conte

 

 

Respiro è nella pianura di sfalci

e fenditure, a stendersi tirando

le braccia in giornate da case a case,

nel milano-venezia straripante.

 

Gli occhi lesi vedono caprifogli

sambuco e campi sbavati d’autunno,

d’abitudine a stare nella piega

delle faglie senza più capitelli

 

e madonne pietose che abbraccino

agli incroci. A macerare gli affetti

ripulendo le strade è la swinging rhyme

del mezzo posto alla nettezza urbana.

 

 

 

siamo un papà degenere, un plurale di maestà formale

te magno, te magno – alla figlia tra i denti

e se la rimastica nei pochi lembi scoperti.

 

te magno - con gli occhi, e scompare

sotto ninnoli di cemento in scala di grigi

te magno - e la fa sparire sotto la cappa.

 

 

 

mangiava la torta togliendo le uvette

e si aprivano buchi di luce dal cielo

che bagnavano l’aria e le colline, e me

immersa nel quadro, nel lato buono dei colli

dove la pianura non si vede e danno frutto

i pungitopo e le rose

 

dava a lui da mangiare i buchi della torta

troppo dolci imprecando al vicino boaro

e all’auto parcheggiata in corte. ma non

conosceva il proverbio che quando l’acqua

è dal cielo, devi guardarti attorno a terra.

 

maledette allora le nutrie, e la pioggia

e sto mare de acqua piuttosto che niente

e un destino da chi è nato sotto un cavolo

nero senza più la vacca e il vitello.

e un bellissimo Constable si apre giù dai colli,

un bagno d’oro la pianura


 

Alessandra Conte, nata a Vicenza nel 1978, si è diplomata in Pianoforte e in Didattica della musica presso il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza. Finalista e vincitrice di concorsi poetici nazionali, ha partecipato a numerosi reading, tra cui la rassegna “Dire Poesia” di Vicenza, nel 2010. Sue poesie, oltre che in numerosi blog e riviste, sono state pubblicate in antologie edite da Lieto Colle e PoesiaFestival di Modena. La raccolta Polittico è inserita nell’antologia Dall’Adige all’Isonzo. Poeti a Nord-Est, Fara Editore, Rimini 2008. Nel 2009 ha pubblicato la sua opera prima: Breviario di novembre (Raffaelli Editore, Rimini), premio Gozzano nello stesso anno, premiato al concorso B. Manfredi e Anna Osti, Rovigo 2010, e finalista in altri concorsi.

 

 

 

Stefania Bortoli

 

 

Chanson de Lou

 

Il tuo corpo nero aveva odore di campagna

ma gli umani ti vollero viaggiatrice.

Dai Pirenei alle azzurre stanze

dove si parlava a passo di danza

lingua d’oc d’oil

non mancava la lingua del sì.

Uno deux trois, natura felina

sognavi balzi parigini

cieli audaci occhi profondi

sui tetti era la notte pupille d’agata.

 

Una notte di settembre

Chiara disse – andiamo-

porta con te il filo d’allegria

l’elastico dorso vibra

anche nel sonno

ordisce la trama

dipanando la matassa.

 

La storia del verso appare

cercando falene

falce di luna rossa

il tuo ultimo autunno fedele alle foglie

e alle stagioni.

Quieta osservi il fruscio del merlo,

mutano i fili d’erba, sei vivo prato

insieme ai petali del primo ciliegio.


 

Stefania Bortoli è nata a Thiene (VI) nel 1960 e vive a Pove del Grappa. Laureata in Pedagogia, con una tesi di Estetica e Psicoanalisi sul discorso amoroso e il narcisismo in Wuthering Heigts, insegna Lettere presso il Liceo artistico di Nove, dove promuove attività culturali all'interno della “Settimana delle Arti”. Sue poesie sono state presentate nel corso di reading, sulla rivista in rete Tellusfolio e nel volume Orizzonte Terraqueo. I suoi interessi, oltre alla ricerca in ambito poetico, si muovono tra letteratura, cinema e viaggi. È di prossima pubblicazione la sua prima raccolta in versi il cui titolo, Voci d'assenza, riassume in parte la sua poetica.

 

 

 

Paola Tegner, 'Pupille d’agata'


Articoli correlati

  Sogno di una notte di mezza sbornia
  Poesia e Teatro per la seconda settimana dal Festival di Velletri
  Torna il “Velletri Teatro Festival”
  Spot/ Laboratorio Artemis. García Lorca innamorato
  Velletri. Le notti bianche
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Poesie di Gianluigi Cannella. A cura di Ivana Cenci (1)
  Laboratorio di lettura e Scrittura poetica di Vicenza: Giordano Montanaro. A cura di Ivana Cenci (3)
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Marco Rampon. Ivana Cenci (5)
  Ivana Cenci: Sul genio e la creatività femminili, ovvero riconsiderazioni sull’Amore a partire da Diotima
  Ivana Cenci: Lettere Commento attorno a "La reciprocità"
  Ivana Cenci: La reciprocità. Fedeltà a se stessi nell'incontro con l'altro.
  Traduzioni e altre traduzioni. "Bella" di Pablo Neruda, Ivana Cenci (2).
  Traduzioni e altre traduzioni. El tigre, La tigre di Pablo Neruda, Ivana Cenci (3)
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: EloZ. A cura di Ivana Cenci (6)
  Ivana Cenci. Albert Camus, Né vittime Né carnefici - 0.
  Laboratorio di lettura e Scrittura poetica di Vicenza: Stefania Bortoli. Cura di Ivana Cenci (4).
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Alessandro Bedin. A cura di Ivana Cenci (2).
  Ivana Cenci: Per la punteggiatura del Discorso amoroso 1. "Ricordo di Marie A." di Brecht
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  Traduzioni e altre traduzioni: Pablo Neruda - Ivana Cenci (1)
  Spot/ Vicenza, Laboratorio di Artemis. “Il pensier si azzurra”
  Collettivo Olandese Volante. “Derive” Parole, forme, coabitazioni o…
  “Dire Poesia”. Incontri con poeti contemporanei in luoghi d’arte a Vicenza
  Giacomo Cerrai: Cultura e politica come energia in Rete. Poesia on line 13
  Alborghetti & Guglielmin, poeti allo specchio. A Vicenza il 23 novembre
  Stefano Guglielmin
  Stefano Guglielmin: Poesia e Blog da "blanc de ta nuque". Con un interrogativo in calce che interessa anche a Tf
  Poeti “in gran segreto” con il Festival 'Internazionale' a Ferrara
  La distanza immedicata di Stefano Guglielmin nella lettura di Ivana Cenci.
  28. Silvia Monti domanda a Stefano Guglielmin
  Anterem segnala “Le vie del ritorno” di Stefano Guglielmin
  Premi e concorsi/ Poiein. Oggi a Piateda Cerimonia per il X “Premio Turoldo”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 74.6%
No
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276