Venerdì , 17 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Doriana Goracci. Un'amica che avrei voluto conoscere: Natalia Estemirova  
Come tante che corrono via dalla prima pagina, vive o morte, per lasciar posto ai Manuali delle Giovani Mignotte
16 Luglio 2009
 

Natalia è un nome italiano e cattolico. Di Natalie ne ho trovate a decine su Wikipedia illustri: giornaliste pattinatrici artiste showgirl ballerine… italiane e straniere, di lei, Natalia Estemirova neanche l’ombra, tantomeno avrei dovuto conoscerla io. Ne conosco l’origine oggi, perché è stata ammazzata, come tante donne qualunque, dimenticate. Ma ci sono autorevoli articoli in rete di donne e uomini che seguono passo passo certo attivismo, quello che si dice sia fatto in nome dei diritti umani e che leggono in pochi, molto pochi.

Natalia lavorava “di fino” che poi diventa sporco perché ci si insozza a raccontare di rapimenti, morti, torture, scomparse ingiustificate.

E malgrado il tema nobile del suo impegno e di tante poche e pochi nel mondo, certi approfondimenti non arricchiscono affatto, materialmente.


Questa Natalia «è stata ritrovata morta in Inguscezia, tragico epilogo di rapimento in pieno giorno a Grozny», la capitale dell’inquieta repubblica caucasica dove lei era nata 50 anni fa…«con ferite da arma da fuoco sulla testa e sul torace». Vicino al corpo senza vita, abbandonato sul ciglio dell’autostrada Kavkaz, una borsetta con dentro un passaporto e i documenti da “avvocato dei diritti”: tessere, lasciapassare, documenti per l’ingresso nei luoghi di detenzione ceceni… Quando aveva ricevuto a Londra il primo “Anna Politkovskaia Award”, due anni fa, aveva annunciato che il premio in denaro l’avrebbe usato per pagare avvocati per chi non poteva permetterselo, in Cecenia… Collega “sul terreno” della giornalista Anna Politkovskaia, Estemirova era stata scelta dalla Ong RAW in WAR (Reach All Women In War, “Raggiungi tutte le donne in guerra”) per il primo premio britannico alla memoria della reporter uccisa nel 2006. Voce scomoda quanto la giornalista russa, nella motivazione del riconoscimento presentata da RAW si legge: «perfetto esempio di una donna che difende i diritti umani in una situazione di guerra, personificando il lavoro di Politkovskaya in Cecenia».


In molti articoli della stampa il suo nome neanche appare (ma chi mai l’aveva vista o sentita…) e allora quasi come uno specchietto per allodole, compare quello di Anna Politkovskaia, insomma un noir estivo che verrà consumato nel giro di ore, roba da addetti ai servizi segreti, da attiviste contro la guerra.

Su Libero Donna, l’articolo in apertura è “Smignottare, che male c’è?”, introduce un libro di cui si consiglia l’acquisto, il Manuale delle Giovani Mignotte, c’è da scommetterci che andrà a ruba. E poi la Storia: “Figlia mia, diventa famosa!”.

E l’invito “Hai mai provato ad astenerti volontariamente per un periodo? RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA”.


A lei non l’avevano scordata, certi, sono andati veloci, non come alcuni amanti che fanno ricorso a rimedi per l’allungamento dei tempi della passione. Veloci come i Media a farci un quadretto di questa morta.

Adesso l’ho vista, anche in una foto. Sembra viva, un'amica che avrei voluto conoscere e abbracciare, come tante che corrono via dalla prima pagina, vive o morte.


Doriana Goracci


Articoli correlati

  Valter Vecellio: Boris Nemtsov, un altro che “non contava niente”
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Presidio per la libertà di associazione e di riunione in Russia
  Radicali Milano. Convegno: Bielorussia, prigione a cielo aperto
  Andrea Riscassi. Anna è viva
  Quando si porterà un fiore sulla tomba di Anna Politkovskaja?
  Omicidio Politkovskaja: e se il sindaco Veltroni le dedicasse una strada?
  Anagrafe eletti, Gomorra ad alta voce, Emma Bonino, Anna Politkovskaja...
  Anna Politkovskaja uccisa a Mosca per il suo lavoro in difesa dei diritti umani e della libertà: come Antonio Russo
  Milano. AnnaViva e Radicali Milano in memoria di Boris Nemtsov
  Parlamento europeo. Situazione russa e ingresso della Turchia nell'UE
  Milano. Annaviva: Putin. E a capo.
  Mario Staderini sulla proposta di intitolare una strada ad Anna Politkovskaja
  Internazionale Ferrara. Premio al pensiero laico
  Nicolas Giudici, vittima dimenticata
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy