Mercoledì , 20 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Dorian Goracci: Tracce di letture e di vite per il 25 Aprile. Nuova Resistenza
25 Aprile 2009
 

A Vittoria Oliva, la mia cara amica, che ha scritto per il 25 aprile “I nostri partigiani ieri ed oggi” e ha chiuso con tre video il suo ricordo… Parto col primo, salutandola così, come il titolo che lo accompagna e la citazione di Bertolt Brecht

 

«E voi imparate che occorre vedere e non guardare in aria, occorre agire e non parlare, questo mostro stava una volta per governare il mondo, i popoli lo spensero, ma ora non cantiamo vittoria troppo presto, il grembo da cui nacque è ancora fecondo»

 

Mia Dolce Rivoluzionaria (dedicato a Tina Modotti: EMIGRANTE, OPERAIA, ATTRICE, FOTOGRAFA NEL MESSICO DEGLI ANNI VENTI, ANTIFASCISTA, MILITANTE NEL MOVIMENTO COMUNISTA INTERNAZIONALE, PERSEGUITATA…)

 

Paisà

 

Fischia il vento - Modena city ramblers

 

 

I nostri partigiani ieri ed oggi

 

Eh si la tua storia , caro Bube, è come la storia della Resistenza, ogni “scrittore” racconta il suo il romanzo e la sua versione: retorica, opportunista, di disprezzo, di negazione oppure di esaltazione manierata,ogni momento politico ha la sua resistenza romanzata, mentre si vive la resistenza reale. Bube o Baffo o Bebo si chiamava, Renato Ciandri in realtà, nato da una famiglia povera e Mara si chiamava Nada Giorgi. A me piace pensare che il suo nome di battaglia era il soprannome che gli avevano affibbiato da ragazzo Bebo.

Sapere la storia combattente di Bebo oltre che la sua storia d’amore può servire a capire alcune cose sulla Resistenza e i Partigiani.

Bebo ha combattuto nella zona fra Pontassieve, Monte Giove e Dicomanno, passando da una banda all’altra.

Era chiamato “ribelle fra i ribelli” per i suoi numerosi atti di insubordinazione alla disciplina, infatti come la maggior parte di tutti questi sognatori combattenti ubbidì all’ordine di arruolarsi in un esercito regolare per salvare la Patria, cosa che si capisce anche: c’era non solo il fascismo ma l’occupazione del tedesco invasore, fu così che divenne “ribelle tra i ribelli” tanto da collezionare sedici anni di reclusione per pochi mesi di milizia nel Cremona. Alla fine della guerra fu amnistiato.

Bebo lo ritroviamo anche a Firenze nell’operazione per la conquista della Stazione di Santa Maria Novella, dove i blindati inglesi rifiutarono l’appoggio ai partigiani e dove il combattimento si svolse casa per casa, l’episodio è citato anche nel film di Rossellini Paisà, Bebo rimase ferito.

Nel 1945, a guerra finita, alla festa del Sasso, una sagra paesana, una di quelle feste di paese dove si sovrappongono motivi religiosi ad antichi riti pagani, ma nel caso specifico ci si andava sopratutto per mangiare della buona carne, era il 45! Bebo e sui compagni partigiani che erano andati per questa gita fuori porta furono bloccati da un prete colla scusa che “erano indecenti” segui un diverbio, un maresciallo intervenne in difesa del prete, il figlio del maresciallo sparò, Bebo restò ferito, un compagno comunista anziano fu ucciso , anche il maresciallo e il figlio rimasero uccisi.

Dove la Resistenza è stata un concerto corale di anime pie per la santa rinascita nazionale alla libertà?

Bebo dovette scappare in Francia, poi illudendosi forse sulla democrazia e per ordine del partito comunista rientrò in Italia, era il periodo in cui si svolgevano numerosi processi contro gli “ex partigiani” in un clima di massima durezza, l’ordine doveva essere riportato, si doveva procedere alla ricostruzione liberandosi delle “teste calde”. Bebo fu arrestato e condannato a 19 anni.

La storia, quella non sentimentale, di Bebo ci fa capire come quello che si dice ora sulla Resistenza e Partigiani sono discorsi opportunisti: la Resistenza appartiene solo ad una parte, a quella parte che si è riconosciuta in essa e che ancora vi si riconosce, la Resistenza non portò alla libertà, portò solo alla democrazia borghese, perché la dittatura fascista non serviva più e perché il sogno imperiale tedesco soccombette ai sogni degli imperi vincenti, la Resistenza non è stato “un comune sentire storico”, la Resistenza per tanti partigiani è stato un duro risveglio dalle illusioni propinate dagli illusionisti.

 

Bebo tu sei morto e non hai visto come oggi 25 aprile 2009, c’è chi vuol dare “pari dignità” ai repubblichini di Salò, e al prete e al maresciallo per cui finisti in galera: tutti accomunati: I partiti “resistenziali” sono crollati, nuove necessità si impongono nuovi equilibri si cercano, bisogna fare fronte comune contro i resistenti di oggi: migranti in lotta, lavoratori che possono incominciare una nuova Resistenza, insubordinazione sociale, e così la storia della Resistenza Partigiana viene riscritta per l’ennesima volta, come tutta la Storia del resto.

Sì è vero la lotta Partigiana, la Resistenza fu sopratutto una lotta di liberazione nazionale, e dentro vi erano tutte le componenti, del resto va vista nel contesto di una guerra mondiale, nella Resistenza Europea all’occupazione nazista tedesca, cosa vuol dire sottolineare con disprezzo da parte di alcuni questo fatto, con sufficienza purista, cosa significa quel sottolineare che era sopratutto una lotta di liberazione nazionale niente affatto rivoluzionaria? forse si vuol dire che se il fascismo avesse vinto e l’Unione Sovietica fosse stata battuta sarebbe stato tanto meglio? Non ci sarebbe stato l’impero anglo americano, ma la dittatura nazifascista. Dicono alcuni il sistema democratico, la dittatura borghese che subiamo è il frutto di quella vittoria: un alibi per nascondere la propria pochezza, la propria nullità, il proprio essere imbelli, se subiamo la dittatura borghese è perché non abbiamo avuto la capacità o la volontà e la forza di liberarci di essa.

D’altra parte altri continuano ad incensare la Resistenza Partigiana relegandola nel mito, nella commemorazione del dovere compiuto, senza mettere in evidenza che i fucili furono deposti dai più e che le bandiere rosse o nere soccombettero al tricolore, il tutto perché non si tirino le somme per andare oltre lo stato di cose presenti.

Io in questo 25 aprile 2009 ricordo i Partigiani come Bebo e Corbari, i Partigiani sconfitti nei loro ideali perché ci si riappropri dei loro ideali e della loro speranza in una società libera veramente.

Io in questo 25 aprile 2009 ricordo il filo rosso che lega i Partigiani d’ Italia ai combattenti della guerra di Spagna.

Io questo 25 aprile 2009 ricordo tutti i Resistenti che hanno lottato contro le dittature e i Golpe voluti, poi, dopo la caduta del fascismo e del nazismo dalla democrazia borghese vincente: dalla Resistenza Greca, a quella Cilena, a quella Argentina, a tutti i desaparecidos, a tutti quelli che ancora prendono il sentiero delle montagne col fucile in spalla. Sbagliano forse, ma nel loro errore c’è tanta dignità e tanto riscatto: è dai tentavi di ritrovare la propria dignità e il proprio riscatto che poi si imbocca il sentiero giusto che porta ad un mondo diverso, non nasce certo un mondo diverso da tutti i soloni che rifanno le pulci a questo o quel movimento di Resistenza in armi, come non nasce dagli apologeti di facciata che fanno la loro parata commemorativa.

Io questo 25 aprile 2009 ricordo tutti i ragazzi, le donne e gli uomini che facevano le loro riunioni in segreto tallonati dalle tante Bande Collotti, che nascondevano i giornali usciti dalle stamperie clandestine tra le gonne o nelle ceste sotto le patate, che facevano le loro scritte sui muri.

Io questo 25 aprile 2009 rivedo i nuovi Partigiani nei migranti di Bruzzano e nei lavoratori che sequestrano i capi, nella Grecia che non si arrende e mi dico

LA RESISTENZA NON FINISCE MAI,

BISOGNA RESISTERE PER POTER ATTACCARE DOMANI.

Con commozione penso alla forza dei tanti, e vorrei che questa forza si ritrovasse, che dopo il bando del febbraio 1944 che sanciva la pena di morte per i disertori e i renitenti alla leva, difendevano, nascondevano i disertori malgrado nell’aprile dello stesso anno la pena di morte fosse estesa anche a chi dava rifugio ai disertori.

 

vittoria
L’avamposto degli Incompatibili
www.controappunto.org

 

Doriana Goracci


Articoli correlati

  Doriana Goracci: Il mio urlo oggi dentro altri urli. Racconto illustrato
  Doriana Goracci: Capitalismo oggi e “Manifesto per una nuova politica” di Paolo De Gregori
  Doriana Goracci: Frammenti di lettere d'amore dal web a Tellusfolio
  Doriana Goracci: il bacio e il sangue. Con superlativi video...
  In morte di un blogger il Primo Maggio. Ricordo di Giuseppe Gatì. Musica di Fabrizio De Andrè
  Doriana Goracci: Verba volant sisma manent. Militarizzazione per il G8 all'Aquila
  Doriana Goracci. Pulitori d'Italia
  Doriana Goracci: Altezza pura e impura e altre vicende papali papali
  Doriana Goracci: Sabatino Catapano vivo per Francesco Mastrogiovanni morto
  Doriana Goracci: Anti-Clericale Anti-Giuliano Anti-Ferrara per l’autonomia della donna
  Doriana Goracci: Corpi sofferenti scritti - fotografati - cantati. Berlusconi - Mastrogiovanni - Gaber
  Doriana Goracci: Madonna porterà aiuto ai terremotati dell’Abruzzo
  Storia e apprensioni di Beritan Gulmez raccolte da Doriana Goracci
  Doriana Goracci: Perversa proposta del ministro Brunetta sulle donne in pensione a 65 anni
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Doriana Goracci. Intrufolando Badanti e Bavaglioli in disavanzo
  Doriana Goracci: Che il cenone di fine anno porti consiglio ad Obama!
  Doriana Goracci: Barbara Matera e le donne dei fornelli prese per i fondelli
  Doriana Goracci: Piccolo requiem anarchico per Michele
  Doriana Goracci: Con "Gracias a la vida" alla manifestazione antirazzista. Roma 17 ottobre
  Doriana Goracci: In materia di migrazioni povere e ricche
  Doriana Goracci: Ricordando la strage di soldati italiani a Kabul e della verità sulla guerra.
  Doriana Goracci: Processi che vanno e vengono nella storia nelle biografie.
  Doriana Goracci: Carte Revolver e Taranta Precaria ai vertici legali dell'American Express Italia?
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
  Doriana Goracci: Assolti chi massacrò a Genova per il G8. Condannati i manifestanti.
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: Panegirico sugli assorbenti e altre liquide presenze
  Doriana Goracci: Stando in famiglia. Sul Caso Marrazzo con dintorni sessuali e materiali
  Doriana Goracci: Razzismo vecchio e nuovo. Una mappa per il web a febbraio.
  Sul 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
  Tutto ma proprio tutto quello che dovete sapere. Sulla morte di Eluana, su Stasi e il porno…
  Doriana Goracci: Nazifascisti a Milano con Roberto Fiore
  Vittorio Oliva: GPL - Testimonianza raccolta da Doriana Goracci.
  Doriana Goracci: La militarizzazione in Abruzzo contro il G8.
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  La storia di Barbara insegnante precaria siciliana sulle scale del Ministero
  Doriana Goracci. Su eventi di economia e di nornale idiozia politico-televisiva (Gelmini-Miss Italia)
  Doriana Goracci: Stragi di uomini, di bambini, della libertà di stampa…
  Doriana Goracci: L'inferno di Viareggio, inferno con GPL e treni ferrovecchio
  Doriana Goracci: Fede e papi come sceneggiatura filmica continua.
  Doriana Goracci / Vincenzo Serra: Appesi. In morte di Francesco Mastrogiovanni
  Doriana Goracci: L’archivio di Dario Bellezza all’asta e dire poesia gay offende e basta…
  Doriana Goracci, Vincenza Perilli: Storia di una donna migrante. Oblò Mondo 9
  Da una tenda abruzzese. Quello che la Rai non fa vedere, che i giornali non dicono
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  Doriana Goracci: Congo e vaccini, Congo e mitraglia. Oblò Mondo 10
  Doriana Goracci. Benedetto XVI a Viterbo il 6 settembre 2009. Impressioni Web
  Doriana Goracci: Avere e non avere C.A.S.E. all’Aquila
  Doriana Goracci: l’8 marzo di un arcivescovo brasiliano e del Vaticano
  Sulla medaglia alla provincia di Sondrio
  Lidia Menapace. La Resistenza, bibliografia ragionata
  Acqui Terme. Dopo 11 anni il monumento alla resistenza è tornato al suo posto
  Lidia Menapace. Perché un cenno di bibliografia
  Claudio Sommaruga. Da liberazione a libertà (per la sua serenità)
  Lidia Menapace. Donne resistenza associazionismo
  Lidia Menapace. Date
  Ferrara. Balàmos Teatro, Progetto “(R)esistenze” 2013
  Alessandra Borsetti Venier: Come raccontare la realtà indicibile?
  Rosangela Pesenti. Perché ho fischiato Formigoni, il 25 aprile in piazza a Milano
  Valter Vecellio. 25 aprile
  Lidia Menapace. Per non perdere il filo...
  Doriana Goracci: 25 aprile e NO alla legge 1360: Partigiani = Fascisti di Salò
  Milano. Lapide bruciata
  “Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana ed europea”. Presentate da Anna Lanzetta
  Doriana Goracci, Massimo Rendina: NO alla legge 1360 che equipara partigiani e repubblichini nazifascisti
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy