Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il comportamento non è una malattia. Ancora sull’invadenza “psichiatrica” nella scuola
24 Ottobre 2006
 
Ho letto con molto interesse le considerazioni di un’insegnante di scuola media superiore (M. Zuccheri, “Quegli strani interventi di psicologi ed esperti…” – in questa stessa rubrica, 11/10/2006, ndr) che evidenziava con chiarezza e molta efficacia ciò che oggigiorno nelle nostre scuole italiane sta succedendo: la vera, ma nascosta, trasformazione delle scuole in vere e proprie cliniche, dove a farne le spese sono gli studenti che, a causa della presenza dell’équipe psico-pedagogica, formata da psicologi, psichiatri ecc., vengono “testati” e poi etichettati “affetti da” disturbi e malattie, che non hanno nessuna base scientifica. Risultato finale: pessimi e nulli risultati, nuovi pazienti che potrebbero andare ad incrementare gli introiti di questi “specialisti”, fallimento dell’istituzione scolastica e dell’istruzione.
Purtroppo questa grave e allarmante situazione è presente anche nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, dove io lavoro in qualità di insegnante. In questi ultimi anni infatti programmi psichiatrici, presentati ai genitori come Progetti “in nome del successo formativo e dell’aiuto nei confronti del bambino”, hanno invaso le nostre scuole di ogni ordine e grado. Figure come psicologi, psichiatri o neuropsichiatri infantili si sono sostituiti all’insegnante e al suo ruolo e, attraverso l’osservazione del bambino durante l’attività didattica o la compilazione di questionari e test, fatti compilare dai genitori stessi, dagli insegnanti, ne valutano i risultati e da semplici sintomi evidenziati etichettano il bambino come “malato mentale”, il tutto senza NESSUNA VALIDITÀ SCIENTIFICA.
A questo punto mi sorgono spontanee queste domande: cosa succede al bambino diagnosticato “affetto da” malattie inesistenti quali l’ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività) o dislessia o discalculia (disturbo del calcolo) o …? Quando ai genitori vengono presentati questi Progetti, viene precisato loro cosa ne farà il neuropsichiatra infantile delle informazioni raccolte nei confronti del figlio stesso? Saranno forse permanentemente registrate in una scheda scolastica e medica? Il genitore può vedere cosa contiene quella scheda? Il bambino verrà poi seguito dall’Asl? Il Progetto, in forma cartacea, che viene consegnato nelle mani dei genitori è completo di tutti le informazioni o viene dato loro con dati parziali e quindi in forma ridotta (questo è successo in una scuola elementare di Milano, nella quale ero presente)? E un genitore, una volta firmato il modulo di consenso alla partecipazione del figlio a quel Progetto psicologico-psichiatrico, che si ritrova ad avere lo stesso poi “etichettato”, può rifiutarsi di sottoporlo a terapie psicologiche, comportamentali o addirittura farmacologiche, che hanno causato in America orami quasi 400 decessi? Qualora si rifiutasse, pur “magari” non potendolo fare, il figlio può essere sottratto alla custodia della famiglia? Ad incrementare e ad avvalorare questa propaganda psichiatrica si aggiungono trasmissioni televisive e radiofoniche, che altro non fanno che convincere la gente che l’agitazione sia una cosa innaturale, che la difficoltà ad apprendere il linguaggio scritto o a comprendere e produrre il linguaggio siano vere e proprie malattie; così facendo modificano il punto di vista delle persone su come deve essere un fanciullo, incentivando l’uso degli psicofarmaci, (stimolanti alcuni dei quali simili alla cocaina o di potenti antidepressivi), dietro ai quali ruotano enormi interessi economici da parte delle case farmaceutiche, alcune delle quali finanziano totalmente i Progetti nelle nostre scuole.
Tutti, secondo questi “specialisti” saremmo malati mentali! Ogni comportamento umano, ogni emozione umana può essere una malattia mentale, basti pensare che l’essere estremamente timido è diventato “disturbo da personalità schiva”. Ma il comportamento, buono o cattivo che sia, NON È UNA MALATTIA.
Ogni bambino ha il suo ritmo di apprendimento, c’è chi impara e comprende subito, chi, invece, necessita di un tempo più prolungato per raggiungere gli obiettivi didattico-educativi previsti, anche attraverso sia i laboratori di recupero e approfondimento (chiamati L.A.R.S.A.), sia mediante il recupero individualizzato. E questo è sempre successo da quando esiste un’istituzione chiamata scuola. Aiutiamo i nostri figli: problemi scolastici, didattici, di relazione, familiari, allergie, intolleranze alimentari, casi di bambini dotati di spiccata intelligenza, malattie fisiche vere e proprie, molti sono i fattori che possono portare un bambino ad avere un comportamento non ottimale.
Ripristiniamo il nostro ruolo di insegnanti e genitori e impediamo a viva voce che “la psichiatria” continui a calpestare i nostri diritti, quelli dei nostri figli e la nostra libertà.
 
Antonella Marzaroli

Articoli correlati

  Quando il supporto diventa un handicap. Funzione pedagogica da rivalutare
  Quegli strani interventi di psicologi ed esperti...
  Farmaci che uccidono
  CCDU. No psicofarmaci ai bambini
  Amore, non pillole!
  “Psichiatria - un viaggio senza ritorno”. Grande afflusso di pubblico a Milano per la mostra multimediale
  Droghe da strada o psicofarmaci: quali sono più pericolosi?
  Aiutiamo i nostri figli, ma non con la psichiatria
  Psichiatria, antidepressivi e responsabilità della medicina
  “Psichiatria: un viaggio senza ritorno”. La mostra CCDU arriva a Padova
  Prozac a “Unomattina estate”
  No alla prescrizione degli psicofarmaci ai bambini!
  Giorgio Antonucci. L’importanza di Dante
  Dresda. Falsificazione della storia all’Hygiene Museum
  “Si possono fare montagne di soldi convincendo la gente sana che è malata”
  Psicofarmaci. “Colpiti” anche gli anziani oltre ai bambini
  Nuova proposta di legge, Italia a rischio: il labile confine tra scuole e ospedali
  “Psichiatria: un viaggio senza ritorno”
  La vera malattia è la psichiatria
  Pubblici i legami finanziari tra psichiatria e aziende farmaceutiche
  DA RÜDIN AI NOSTRI GIORNI
  “No agli psicofarmaci ai bambini”
  Peter Brun: Malattie mentali, farmaci e morte
  Screening psicopatologici bambini. Proposta di legge bipartisan in Senato e iniziative legislative di Piemonte e Veneto
  ADHD, LA MALATTIA INVENTATA
  Ritalin e altre pillole
  CCDU. Da oggi a Milano. Congresso internazionale per la malattia che non esiste
  “Giù le mani dai bambini®”
  L'illusione chiamata psichiatria
  Psichiatria: le incongruenze di una pseudoscienza
  Contro gli screening psicopatologici dei bambini
  ADHD. Malattia o invenzione?
  La difficoltà non è una malattia
  Stop ai test ADHD nelle scuole
  E se i cattivi o mancati risultati fossero dovuti a carenze dei metodi didattici?
  CCDU Milano. No alle scuole come bacini per rilevare disturbi mentali nei bambini
  In mille a Verona. Manifestazione per dire ''NO agli psicofarmaci ai bambini''
  Psichiatria e scuola
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy