Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Stefania Roncari. Movimento in quiete. Recensione di Giorgio Bonacini
Stefania Roncari
Stefania Roncari 
27 Giugno 2009
 

Per iniziare a parlare di questo libro di Stefania Roncari sono illuminanti le parole della poesia finale: «spargimenti», «sparizioni», «partizioni», «mutazioni», «collutazioni»: parole che sono veramente lo strato superficiale e profondo da cui nasce e su cui si sviluppa la poesia (e questa in particolare) nel suo farsi reale, sia in chi la fa sia in chi la legge. Infatti, qualche pagina prima della fine, Roncari scrive che nei nomi e nelle cose «irrompe la lingua/corpo indiviso/inarrestabile inizio» dove tutto può implodere o esplodere in un «fondo oscuro di bellezza».

Ed è proprio questo che fa la poesia, quando si nutre, oltre che di vita materiale, anche di pensiero e sapienza: cercare nelle più ampie aperture e direzioni il suo movimento e la sua quiete, la sua necessità di essere per dirsi poesia: sostanza di scrittura e di conoscenza. A quale tipo di sapienza poi attinga nel suo andamento, questo dipende naturalmente dal poeta e dai suoi paradigmi culturali. Nel caso di Stefania Roncari la sapienza che informa e conforma il suo pensiero poetico è di tipo esoterico, e più precisamente alchemico. Ma ciò non significa che i versi si nutrano di inattualità prescientifiche, piuttosto è nel tono evocativo che si manifesta l’oscurità e «la materia si fa densa».

Già il titolo della raccolta “Movimento in quiete” è un evidente ossimoro che rimanda all’ambiguità del discorso poetico, che qui si traduce in un andamento di lenta turbolenza, di oscillazione tra il buio e la luce. E infatti in molte poesie troviamo termini quali: luce, buio, bianco, nero, ombra, fuoco, in un’apparente assenza di un soggetto portante principale fra luce e buio. Significativi a tal proposito i versi: «la luce vuole essere/ intensamente rarefat-ta/ chiara oscurata». Dove, leggendo più in profondità, si ha l’impressione che la sapienza raccolta nel testo riguardi metaforicamente la poesia stessa, quando «la parola intatta/ attraversa il silenzio/ acque sorgenti/ nella voce tutte le lingue/ desiderate immaginate/ cadute instancabili/ nella notte innominata». E non può essere altrimenti, perché in poesia le direzioni sono tante, e indeterminati i sensi che ne sorreggono la parola e la voce, la scrittura e il suono come «strade senza fondo» in cui «il pensiero si fa spazio». E questa ricerca di apertura non dimentica che la poesia, nel mondo in cui respira, sprofonda nel mutismo di un abisso che fa paura e, nello stesso tempo, invita a provare con determinazione la materia cruda, il grumo pensante, la deflagrazione sorda, l’istante sofferto in cui «scrivere è resistere/ dopo il disastro». E questo attraverso una lingua che è un vortice, senza furia, un sommovimen-to di pause e di aperture dentro il quale non si riconosce la direzione di elevazione o di caduta, ma si sa che «capovolta la luce sparisce/ .../ è curva gioiosa/ che non finisce/ .../» e, proprio come la poesia e la vita nel suo scriversi e dirsi in poesia, alla fine è una voce «.../ gonfia/ di tutto l’indicibile».

 

Giorgio Bonacini, maggio 2009

 

 

PICCOLA ANTOLOGIA PER I LETTORI DI TELLUSFOLIO

 

*

 

Per sbalzo improvviso

per spavento per stupore

dell’essente lascia

l’ordine precedente

muta trasmuta

si lega in altra forma

nel tempo ritorna

resta lo stesso

atomo incandescente

fuoco latente

 

*

 

Capovolta la luce sparisce

nello spazio non vede

è curva gioiosa

che non finisce terra

muta dispersa

culmine oscurato

l’abbaglio di nomi

presenze furiose

nascite superiori

incorruttibili fondazioni

 

*

 

L’ombra di tutti i corpi

quelli che vivono

che restano

oscuro movimento

nello slancio ultimo

la materia si dissolve

si fa arco freccia

cuneo vortice

di tutti i mondi

 

*

 

Lembi di terra

deserti luoghi

nell’unico altro

antro ancestrale

l’anima si fa verso

implode l’origine

 

*

 

Confluito sguardo

rivelato al nulla

a questo Io straniero

a questo corpo

trapassato

all’irrompere

dell’ombra

 

*

 

Irrompe la lingua

imprevedibile

senza scopo

terra esiliata

cesura del tempo

verso inabissato

 

*

 

La luce superata

dall’ombra

non resiste

all’impatto del vuoto

nasce ogni volta

precipita nel nulla

 

*

 

Mondi visioni

spargimenti

sparizioni

partizioni

dell’Essente

mutazioni

collutazioni

 

 

da Movimento in quiete di Stefania Roncari

(Manni editore, Lecce)


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
Immagini correlate

  Bernard Noël - Ritratto
  Mariangela Gualtieri
  Langhe
  Amore alchemico
  Cielo e terra
  Lettura poetica
  Luce e Ombra
  De Profundis - Catherine Pozzi
  Mutazioni infinite recitazioni
  Ciarforon - Valsavarenche
  Dama e ombra
  Verde dei prati nera zolla
  Stefania Roncari - Alchimia vista mia 1
  Pioggia e parola
  Ci aspetta un ballo...
  La strategia del ballo
  L'ala ritrovata
  Sotto la Torre Eiffel
  Stefania Roncari - Valpelline 1
  Stefania Roncari - Abbazia di Valmagne
  Queyras 3 Parco Naturale - Francia
  Stefania Roncari - Poeti sotto la neve 3
  Stefania Roncari in Occitania
  Stefania Roncari - la moto
  Stefania Roncari - Agues Tortes 2
  Queyras 4 - Verso Col d'Agnel
  Stefania Roncari - Agues Tortes 5
  Stefania Roncari - Agues Tortes 6
  Stefania Roncari - Stemma templare
  Stefania Roncari - Agues Tortes 7
  Stefania Roncari - Dialogo (partitura per più voci)
  Stefania Roncari - Valpelline 2
  Stefania Roncari - Agues Tortes 4
  Queyras 1 Parco Naturale - Francia
  Stefania Roncari - Croce Occitana
  Stefania Roncari - Abbazia di Valmagne/Occitania
  Monviso
  Stefania Roncari - Chiostro di Valmagne
  Val di Fex - Engadina
  Stefania Roncari - Paesaggio pirenaico
  I Navigli di Milano 2
  Navigli di Milano
  Stefania Roncari - Illimitato dissipato
  Stefania Roncari - Nella piazzetta
  Queyras 5 - Parco naturale - Francia
  Stefania Roncari - Cirque de Navacelles
  Juliette Gréco - Gli amori perduti
  Juliette Gréco - Déshabillez-moi
  Stefania Roncari - Pallido sole e neve
  Becca di Monchair
  Stefania Roncari - Agues Tortes 1
  Stefania Roncari - "Le incantate", Pirenei
  Queyras 2 Parco Naturale - Francia
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy