Mercoledì , 10 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ugo Cornia: "Sulla felicità a oltranza". Recensione di Alice Suella
27 Luglio 2008
 

Ci sono cose di cui non è possibile parlare perché solo ad osservarle si ha l'impressione di rovinarle, di non dare loro la giusta attenzione. Ogni parola è di troppo, ogni sguardo in superficie rende vano il tentativo di incasellare le intenzioni dell'autore per descrivere la bellezza sublime dell'opera dell'autore. È una di quelle sensazioni sempre meno riconoscibili, una di quelle sensazioni che lascia muti, estasiati, quasi innamorati. Ugo Cornia, col suo Sulla felicità a oltranza mi ha regalato questa serenità attonita. Leggendolo mi sono scoperta ad osservare il mondo intorno a me con occhi diversi, con una buona dose di stupore e dolcezza in più, come se ogni oggetto dentro di me e al di fuori di me fosse uno spettacolo potente, potentissimo, quasi insostenibile.

Mi ritrovo quindi a volervi trasmettere queste mie emozioni senza esserne capace, basterebbe solo affermare Questo libro è di uno splendore disarmante e poi richiudere le pagine, consigliarvi solo di leggerlo mentre riapro il mio volumetto, cercando di riassaporare quelle atmosfere, quell'essere presente ma invisibile nello stesso tempo.

Tutto ha inizio con una data, il 23 gennaio del 1993, giorno in cui la zia del protagonista muore, in un momento inatteso ma atteso, un avvenimento che lo farà cambiare, riflettere e il lettore non diventa altro che uno spettatore concentrato negli sbalzi di avvenimenti quotidiani che Cornia ci racconta. Dall'età fanciullesca ad oggi, come si può non limitarsi solo a fare un cenno con la testa, ad ascoltare pensieri tanto nitidi, come «In quelle ore del pomeriggio io una volta dovevo fare qualcosa, facevo di sicuro qualcosa. Forse una volta, doveva succedere quando ero nell'infanzia, io al pomeriggio dovevo essere addirittura felice».

Parole semplici eppure che riescono a scavare nell'animo. Chiunque abbia un minimo di tridimensionalità interiore, quella tridimensionalità che a volte uccide e a volte innalza fino al cielo, si ritrova nelle parole dell'autore, pur avendo vissuto in modo diversamente, pur non avendo conosciuto mai quella madre, quel padre, quelle zie, ma ha conosciuto un'altra madre, un altro padre, altre zie. La casa era diversa, le vacanze anche, ma il senso di disagio, il senso di serenità, i momenti trascinati per non dover ammettere che è ora di cambiare, quell'immutabilità del mutabile sono comuni a tutti noi, in modo naturale e semplice. Ciò che non è né naturale né tanto meno semplice è descrivere quest'essenza, per questo Cornia mi ha lasciata – e vi lascerà – sopraffatta dalle emozioni.

Non c'è una trama, come avete ben capito. Solo la voglia di raccontarsi, di raccontare, di ricordare e di farvi ricordare. Persone che convivono con altre persone, che poi muoiono ed altre che continuano a vivere, per poi morire a loro volta, quando verrà il tempo, quando sarà l'ora, nel frattempo vivendo con le voci dei morti nella testa, pronunciando frasi che si ereditano senza nemmeno saperlo.

Sulla felicità a oltranza è la prima opera dell'autore, oggi in libreria con Le pratiche del disgusto.

 

Alice Suella


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy