Giovedì , 09 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paola Mara De Maestri. Alda Merini ha lasciato questo mondo
02 Novembre 2009
 

Di poesia non si vive, anche se per la poesia si può vivere. È quello che ha fatto la grande poetessa Alda Merini , scomparsa il giorno di Tutti i Santi, nella sua Milano, all'età di 78 anni a causa di una grave malattia. Lei ha scelto la poesia come unica fonte di ispirazione e di sostentamento e ha lasciato questo mondo nella più completa povertà. Lo stesso crudele destino è capitato (e rischia di capitare ancora) a tanti altri importanti artisti passati alla storia, che hanno scelto l'arte e solo quella, pur sapendo che si tratta di una strada in salita, rinunciando agli agi della vita per immolarsi ad una causa sublime e finendo il loro viaggio terreno nell'indigenza, dimenticati da tutti, per poi magari venire riconosciuti, rivalutati ed inneggiati dalla società quando ormai era troppo tardi.

Altri artisti invece, in particolare parliamo degli scrittori, conducono una “doppia vita”:da una parte svolgono lavori comuni per potersi mantenere e dall'altra continuano a coltivare la propria arte. Come ci ha insegnato Alda Merini, considerata una delle più grandi poetesse del Novecento, in una sua splendida poesia: «I poeti lavorano di notte/ quando il tempo non urge su di loro,/ quando tace il rumore della folla/ e termina il linciaggio delle ore./ I poeti lavorano nel buio/ come falchi notturni od usignoli/ dal dolcissimo canto/ e temono di offendere iddio/ ma i poeti nel loro silenzio/ fanno ben più rumore/ di una dorata cupola di stelle».

Alda Merini ha vissuto intensamente le passioni umane, pagando a caro prezzo tutte le sue scelte. Abbiamo già parlato di lei nell'autunno 2001 su uno dei primi numeri della “Bottega etteraria”, quando la poetessa è stata ospite a Madesimo in occasione del Centenario di Giosuè Carducci. In quell'occasione ho avuto modo di notare la particolarità del suo carattere, la sua umanità, la grande genialità artistica. In quell'occasione aveva parlato dei poeti e della poesia: «I poeti tentano di ammazzarli, vogliono portarli via, come le piante, come le radici buone, in una società dove c'è solo il commercio, dove c'è soltanto l'utile, quello che torno in conto, la radice del poeta dà fastidio, il poeta è ancora puro».

C'è davvero da chiedersi come sia possibile che scrittori e scrittrici dal valore indiscusso possano morire abbandonate a se stesse, nella più completa e desolante povertà. È questo il valore dell'arte? È forse ora di alzare la voce perché alla poesia e ai poeti venga riconosciuta la dignità che si meritano.

Vorrei concludere riportando uno stralcio di una delle poesia recitate a Madesimo nel 2001: «Ma vicino alle piante di Madesimo, perché le montagne non sono che immensi alberi che diventano rocce, io ho capito il mio vero carattere e che da umile arboscello è cresciuta la mia poesia, contro cui gli uomini battono i denti dal freddo, pensando che le la mia neve potrebbe sciogliersi e diventare una valanga d'amore».


Paola Mara De Maestri




Alda Merini è nata a Milano il 21 marzo 1931. Ha esordito giovanissima, a soli sedici anni, sotto l'attenta guida di Angelo Romanò e Giacinto Spagnoletti. La sua prima raccolta di poesie, La presenza di Orfeo, uscita da Schwarz nel 1953 con una presentazione di Spagnoletti, ebbe un grande successo di critica. Si sono occupati di lei, fra gli altri, Oreste Macrì, David Maria Turoldo, Salvatore Quasimodo, Pier Paolo Pasolini, Carlo Batocchi, Maria Corti, Giovanni Raboni. Successivamente furono pubblicati: Paura di Dio (Scheiwiller 1955), Nozze romane (Schwarz 1955), Tu sei Pietro (Scheiwiller 1962). Le quattro raccolte di versi sono state riunite con il titolo La presenza di Orfeo da Secheiwiller nel 1993. Dopo vent'anni di silenzio, dovuto alla malattia, sono apparse: La Terra Santa (Scheiwiller 1984), Testamento (Crocetti 1988), per Einaudi Vuoto d'amore (1991), Ballate non pagate (1995), Fiore di poesia (1951-1997) (1998), Superba è la notte (2000), Più bella della poesia è stata la mia vita (2003 con videocassetta), Clinica dell'abbandono (2004), per Frassinelli L'anima innamorata (2000), Corpo d'amore. Un incontro con Gesù (2001), Magnificat. Un incontro con Maria (2002), La carne degli Angeli (2003). Nel 1996 Scheiwiller ha raccolto alcune plaquette ne La Terra Santa: Destinati a morire (1980), La Terra Santa (1983), Le satire della Ripa (1983), Le rime impetuose (1983), Fogli bianchi (1987). Con L'altra verità. Diario di una diversa (prima edizione Scheiwiller 1986, nuova edizione Rizzoli 1997) inizia la sua produzione in prosa, a cui sono seguiti Delirio amoroso (il Melangolo 1989 e 1993), Il tormento delle figure (il Melangolo 1990), Le parole di Alda Merini (Stampa alternativa 1991), La pazza della porta accanto (Bompiani 1995, Premio Latina 1995, finalista Premio Rapallo 1996), La vita facile (Bompiani 1996), Lettere a un racconto. Prose lunghe e brevi (Rizzoli 1998) e Il ladro Giuseppe. Racconti degli anni Sessanta (Scheiwiller 1999). Vi si aggiungono Aforismi e magie (Rizzoli 1999, BUR 2003), raccolta di aforismi, e l'antologia di poesie Folle, folle, folle d'amore per te. Poesie per giovani innamorati (Salani 2002). Nel 1993 ha ricevuto il Premio Librex-Guggenheim “Eugenio Montale” per la Poesia, nel 1996 il Premio Viareggio, nel 1997 il Premio Procida-Elsa Morante e nel 1999 il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Settore Poesia.


Articoli correlati

  Alberto Figliolia. Nuovi incontri/ Sui Navigli con Alda Merini
  Patrizia Garofalo incontra Giuliano Grittini: Alda Merini, Marilyn Monroe e le altre...
  Tutta la forza della poesia 2007
  Vincenzo Mastropirro: In ricordo di Alda Merini
  Pillole di Alda Merini in blister di Giuliano Grittini
  La passione per... un poetico risveglio
  Milano. Premiazione del 6° Concorso Nazionale Poetico dedicato ad Alda Merini
  Poesia d’autore/ Alda Merini. La semplicità
  Morbegno. In Biblioteca con Giacomo Romano Davare, Alda Merini interpretata da Manuela Tadini, i ragazzi della “Damiani”, Janù...
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ad Alda Merini
  21 marzo, primo giorno di primavera. Giornata mondiale della poesia e 'compleanno' della poetessa Alda Merini
  La poesia che non muore. Ricordando Alda Merini
  Giuliano Grittini. 15 Agosto un anno fa...
  Milano non ha dedicato monumenti alle sue grandi donne
  Alda Merini, Marilyn Monroe, Mimmo Rotella e Giuliano Grittini. Ultimo atto d'amore
  “Le madri non cercano il paradiso”, poesie postume di Alda Merini edite da Albatros
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy