Domenica , 12 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Lombardi. Allibiti (attori) di fronte al male
02 Febbraio 2009
 

Le sevizie di Nettuno e Dario Argento. Non è solo la romanità e la dimensione dell’orrore a stimolarmi l’associazione fra il noto regista e le violenze subite dal senza tetto indiano la scorsa notte. Le dichiarazioni rese dai tre giovani italiani in stato di fermo, quelle sevizie inferte “per noia”, per vedere “quanto dura” un essere umano, le ho trovate terribilmente conformi ad una scena del film Profondo Rosso: una bambina trafigge, uccidendola, una lucertola e per questo viene aspramente rimproverata dal padre allibito dall’ingiustificato sadismo della figlia.

La cattiveria che la bambina esprime è lo sfogo di un’insana voglia che non trova, complice l’immaturità, un confine, un limite di coscienza contro cui urtare. Questo non significa che in lei non ci sia un’educazione morale - il genitore è anzi ben presente -, solo non percepisce quell’animale come un qualcosa la cui esistenza abbia valore in sé.

Credo che i tre giovani di Nettuno non siano artefici di una banalità del male dovuta alla mancanza di valori, bensì, al contrario, ad una confusione in eccedenza dei medesimi, tale da indurli a sentire il senza tetto come una “cosa” della cui esistenza o meno la società rimane indifferente. Per fortuna non sono il riflesso di un’intera generazione, ma loro notte brava è assai distante dalla vita violenta dei ragazzi delle borgate pasoliniane che brutalizzavano per odio e non per indifferenza.

Nettuno non è lo specchio della società, come non lo è il ragazzo “eroe” che, proprio a Roma solo qualche giorno prima, si prende una coltellata per difendere l’amico. Le ritengo altresì espressioni individuali di un clima emotivo e culturale che soggiace tutti noi, un clima che definisce i limiti del valore della vita. Chi stabilisce che è eroico battersi per un compagno, fino a rischiare la morte, a prescindere dalle ragioni dello scontro? Chi spinge a sentire il “barbone”, la “checca”, lo “straniero”, il “vecchio”, il “down”, come essere inutili? Chi stabilisce che la sessualità della donna o si compra o si ruba?

Quando da adulti ci troviamo allibiti spettatori ed irati punitori delle brutalità dei nostri figli e nipoti, ci interroghiamo mai sulle nostre responsabilità quotidiane nel definire questi limiti? Responsabilità che iniziano spesso nelle reazioni scomposte alle frustrazioni del vivere, fra le mura domestiche e delle aule scolastiche, fino allo spazio della comunicazione pubblica, dei mass media e dei loro opinion leader. Quanto la crisi economica cui andiamo incontro accentuerà le nostre frustrazioni di adulti spettatori e quanto esaspereremo i toni delle nostre reazioni?

Non cerco assoluzioni. Per nessuno, a partire dal sottoscritto.

Marco Lombardi


Articoli correlati

  Michelangelo Tumini. Alemanno il sindaco più creativo
  Novara. Corsi e ricorsi... Nulla di nuovo sotto il sole!
  Il razzismo ci rende insicuri. Assemblea pubblica a Roma, martedì 17 giugno
  Roma e sicurezza. L'Aduc scrive ad Alemanno
  Carceri. Radicali su detenuto iracheno morto per sciopero della fame a L'Aquila
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Valter Vecellio. Allarme sicurezza, denuncia Manganelli. Ipocriti
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Sicurezza. Con Bossi-Fini clandestinità è necessità, non reato
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
  Stato di emergenza nazionale? Una trovata autopromozionale che decreta il fallimento della legge Bossi-Fini
  Rita Bernardini. Sicurezza non vuol dire strage di diritto e democrazia
  Gianluca Carmosino. Questa è divenuta l'Italia?
  Antonio Stango. Di luce, gioia, diritto e cittadinanza
  Flavia Perina e il “Secolo d’Italia” parlano bene di Pannella e dei radicali? Censurati anche loro
  Roma città sicura? Io aggredita in centro e forze dell'ordine disarmanti
  Mao Valpiana. Verona. Militari e mendicanti
  Valter Vecellio. I tg e l'uso politico della paura
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Maria G. Di Rienzo. Sondaggi
  Gruppo EveryOne. Brutalmente aggrediti due ragazzi romeni e l'intera famiglia
  Sulla guerra di camorra
  Niccolò Bulanti. E ancora ci dividiamo...
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Maria G. Di Rienzo. Come esseri umani
  A Parma fotografata seminuda prostituta in cella: ma quanto sono bravi i nostri amministratori - sceriffi!
  Maria G. Di Rienzo. Telefonini
  Le parole sono pietre
  Maria G. Di Rienzo. Sicurezza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy