Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
RSA. La Toscana approva una legge per avvalorare le norme illegali del Comune di Firenze? 
Le cause e l'emendamento dell'Aduc
26 Novembre 2008
 

Il Tar Toscana, lo scorso 17 novembre, ha dichiarato illegittime le richieste di pagamento delle rette Rsa (Residenze Sanitarie Assistenziali) che i Comuni chiedono ai parenti degli assistiti e non solo al degente; il Comune di Firenze, per questo, dovrebbe restituire 28 milioni di euro agli assistiti. Già oggi 26 novembre, è in corso una udienza, sempre al Tar Toscana, in cui, viene chiesto il rimborso dei 30.000 euro illegittimamente pagati da un degente. Mentre domani 27 novembre, siamo al Tar dell'Emilia Romagna con una richiesta di rimborso di oltre 48.000 euro.

Il prossimo giovedì 27 novembre il Consiglio Regionale della Toscana dovrebbe approvare una legge che, invece, avvallerebbe il Comune di Firenze. Sta cercando di “metterci una pezza” incostituzionale?

La IV Commissione del Consiglio Regionale esaminerà l'articolo 14 della proposta di legge regionale n. 286 “Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza”, che farebbe rientrare dalla finestra ciò che il Tar ha già messo alla porta: i parenti in linea retta entro il primo grado dovrebbero contribuire alle rette per la degenza dei loro cari in Rsa!!

L'approvazione di questo articolo sarebbe contrario alla Costituzione (art. 117), poiché prevede il contrario di quanto disposto dalla legge nazionale: il computo della retta per la degenza in Rsa deve essere invece effettuato tenendo conto del reddito del solo assistito.

Il Consiglio regionale è distratto o sta procedendo in consapevole malafede per arricchire le casse dei Comuni coi soldi illegalmente prelevati dalle tasche dei cittadini?

A conforto della sentenza del Tar Toscana, c'è anche il parere del Difensore civico regionale che ammonisce i consiglieri a non procedere in questo modo perché, alimentando l'illegalità, contribuirebbero ad aumentare i contenziosi giuridici.

Abbiamo perciò chiesto a tutti i consiglieri regionali di presentare un emendamento all'articolo 14.

 

Proposta di emendamento al PDL 286 "Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza"

All'art. 14 comma 2, lett. c): le parole «altresì della situazione reddituale e patrimoniale del coniuge e dei parenti in linea retta entro il primo grado» sono sostituite con «della situazione economica del solo assistito, conformemente a quanto previsto dal d.lgs. n. 109 del 1998 art. 3, comma 2 ter».

L'attuale formulazione dell'art. 14 comma 2 lett. c) del PDL 286 “Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza” viola palesemente e gravemente l'art. 117 della Costituzione della Repubblica italiana poiché in aperto contrasto con la normativa stabilita a livello nazionale. Come ben noto a questo Consiglio, infatti, le prestazioni di degenza in residenze sanitarie assistenziali per soggetti handicappati/disabili gravi non autosufficienti rientrano fra i cosiddetti LEA, livelli essenziali di assistenza (come da combinato disposto degli art. 54 l. 289 del 2002, art. 1 e 3-septies d.lgs. 502 del 1992, D.p.c.m. 29 novembre 2001, allegato 1, lettera H). Si tratta di «prestazioni socio-sanitarie ad elevata integrazione sanitaria [...] caratterizzate da particolare rilevanza terapeutica e intensità della componente sanitaria» (art. 3-septies, comma 4, d.lgs. 502 del 1992). E proprio in ragione della duplice rilevanza sanitaria prima che sociale, il legislatore ha previsto che il pagamento delle rette di permanenza nelle residenze sanitarie assistenziali (RSA) per soggetti ultrasessantacinquenni non autosufficienti è ripartita per il 50% a carico del S.S.N. e per il restante 50% a carico dei Comuni, con l'eventuale compartecipazione dell'utente secondo i regolamenti regionali o comunali (D.p.c.m. 14 febbraio del 2001, richiamato dall'art. 54 della legge 289 del 2002); per soggetti handicappati/disabili gravi non autosufficienti è ripartita per il 70% a carico del S.S.N. e per il restante 30% a carico dei Comuni, con l'eventuale compartecipazione dell'utente secondo i regolamenti regionali o comunali (D.p.c.m. 14 febbraio del 2001, richiamato nell'art. 54 della legge 289 del 2002). Le modalità di tale eventuale compartecipazione dell'assistito ben possono essere disciplinate da legge regionale, che però dovrà comunque rispettare un fondamentale principio sancito dalla legge nazionale.

Nel caso specifico ci riferiamo all'art. 3 comma 2 ter del d.lgs. 109/98, che prevede che la determinazione della situazione economica del richiedente tali prestazioni sociali agevolate debba avvenire tenendo in considerazione «la situazione economica del solo assistito». La materia, del resto, è stata oggetto di numerose pronunce istituzionali, dottrinali e giurisprudenziali. In primo luogo all'interrogazione dell'on. Donatella Poretti del 28 marzo 2007, il sottosegretario Antonio Gaglione ha risposto ammettendo l'inadempimento del Governo e promettendo future determinazioni; esaustivi e completi sulla materia sono inoltre diversi pareri di difensori civici delle Regioni e dei Comuni, di esponenti del mondo accademico nonché pareri dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali. Similmente si è pronunciata la giurisprudenza amministrativa (TAR Toscana, sentenza n. 2535 del 17 novembre 2008; TAR Sicilia – Sez. distaccata di Catania, n. 42 del 11 gennaio 2007; Giudice di Pace di Bologna, sentenza n. 3598 del 12 ottobre 2006; Consiglio di Stato, ordinanza 2594/08 del 16 maggio 2008; TAR Toscana, sez. III, Ordinanza n. 733/07 del 7 settembre 2007; TAR Toscana, sez. II, Ordinanza n. 43/08 del 17 gennaio 2008; TAR Milano, ord 602/08; sent. Trib. Lucca 174/08; Sentenza Tar Lombardia n. 303/08 del 7 febbraio 2008).

 

Aduc

Associazione diritti utenti e consumatori


Articoli correlati

  RSA. Tar Veneto dà ragione agli assistiti contro i Comuni
  Rette Residenze sanitarie assistenziali. Dietrofront del TAR Toscana
  Residenze Sanitarie Assistenziali. Confermata la fattibilità dei rimborsi!!
  RSA. Tar Toscana condanna Asl e Comune di Pistoia a pagamento retta ricovero in struttura scelta da paziente
  Donatella Poretti. Rsa: una realtà da passare ai raggi x
  RSA. Passo importante del Senato, apertura indagine conoscitiva
  Rette residenze sanitarie assistenziali. Consiglio di Stato dà ragione all'Aduc
  L'Asl di Pisa intende estorcere il non-dovuto. Esposto in Procura
  Emmanuela Bertucci. RSA in Toscana: “Dal 2012 si paga anche la quota sanitaria?”
  RSA. Bene sentenza Tar Toscana
  Residenze Sanitarie Assistenziali. Negati ricoveri a Livorno
  Case di riposo. Sentenza Tar Toscana: il Comune di Firenze sbaglia i conti e deve risarcire fino a 28 milioni di euro
  Livorno. RSA: Comune istituisce commissione su violazione diritto cure
  Rette Rsa. Il Tribunale di Firenze: illegittima la pretesa di pagamento a carico dei parenti
  RSA (Residenze sanitarie assistenziali): cosa fanno i comuni per non pagare!
  Residenze sanitarie assistite e illegalità dei comuni. In Rai la battaglia dell'Aduc
  Rsa (residenze sanitarie assistenziali): cosa fanno i Comuni per non pagare! Interrogazione
  Claudia Moretti. Rsa. Dopo i contentini dell'Asl fiorentina, siamo o non siamo in grado di assistere e curare gli anziani?
  RSA. Nuova ordinanza del Tar Toscana contro il Comune di Firenze
  Residenze sanitarie assistenziali, maltrattamenti e strutture lager
  Emmanuela Bertucci. ISEE 2015 e RSA: Quando a fare il 'furbetto' è il Governo
  Rette Residenze Sanitarie Assistenziali. Due nuove sentenze pro-degenti
  Rette RSA. Tar Toscana dà ragione all'Aduc
  Rette RSA. Nuova vittoria al Tar Toscana
  RSA. Il Governo avalla l'illegalità dei comuni e non indica i tempi per la sistemazione normativa
  Annagloria Del Piano. Attvità sociale: nasce a Poggiridenti ALLEGRAmente
  “CLICK … la foresta si risveglia”
  RSA. Il Governo latita sulla incostituzionalità della legge toscana
  RSA. Il Governo si impegna per il rispetto della legge? Ordine del giorno
  Residenze Sanitarie Assistenziali. La Regione Toscana viola Costituzione e legge. Interrogazione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy