Domenica , 17 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pippo Magnaguagno. Il 5 ottobre a Vicenza per ripudiare la guerra
26 Settembre 2008
 

[Ringraziamo Pippo Magnaguagno (per contatti: pippomagna@lillinet.org) per questo intervento.

Filippo (Pippo) Magnaguagno, amico della nonviolenza, è tra gli animatori della Rete Lilliput, del “Comitato più democrazia e partecipazione”, di varie altre esperienze di pace e di solidarietà, e del movimento che a Vicenza si oppone alla nuova base militare straniera “Dal Molin”.]

 

Si svolgerà il 5 ottobre a Vicenza il referendum per impedire la realizzazione della nuova base di guerra “Dal Molin”. Per informazioni e contatti: www.dalmolin5ottobre.it

 

 

La consultazione del 5 ottobre a Vicenza sulla base “Dal Molin” è la parte più importante e innovativa di questa vicenda.

Gli stessi militari Usa danno estrema attenzione nei confronti di questo strumento, che ha già prodotto risultati (negativi per i militari, positivi per l'umanità) in Giappone e a Portorico.

*

Come sostenuto dal sindaco di Vicenza, un Paese amico dovrebbe tenere in considerazione l'opinione della città che lo ospita nonché quella degli organi istituzionali. Naturalmente è bene ricordare la differenza tra “espressione” e “decisione”, in quanto i detrattori locali e nazionali della consultazione stanno cercando di confondere le acque: in termini procedurali ovviamente la decisione ultima su questi temi spetta (qualora l'iter legislativo fosse stato corretto) ai competenti organi istituzionali in base alla legge 898/76; ma l'espressione della cittadinanza vicentina, in quanto espressione della volontà della popolazione, è tutelata dall'articolo 21 della Costituzione (e nella gerarchia delle fonti di diritto nel nostro ordinamento giuridico la Costituzione come è noto ha la primazia) ed è quindi sempre legittima. Con la consultazione del 5 ottobre, i vicentini si esprimeranno: tutto qui, ed è significativo che proprio questo fatto di democrazia - l'espressione della volontà popolare - costituisca la più grande preoccupazione dei sostenitori della base Setaf.

*

La consultazione si terrà il 5 di ottobre e, nonostante le resistenze di settori politici filogovernativi che hanno tentato di annullarne l'attuazione, si tratta di un momento storico in cui i cittadini saranno chiamati ad esprimere un'opinione sull'utilizzo dell'area in questione: il quesito del referendum consultivo infatti recita: «È Lei favorevole alla adozione da parte del consiglio comunale di Vicenza, nella sua funzione di organo di indirizzo politico-amministrativo, di una deliberazione per l'avvio del procedimento di acquisizione al patrimonio comunale, previa sdemanializzazione, dell'area aeroportuale 'Dal Molin' - ove è prevista la realizzazione di una base militare statunitense - da destinare ad usi di interesse collettivo salvaguardando l'integrità ambientale del sito?».

I detrattori di tale momento di democrazia adducono obiezioni speciose e mistificanti; è invece del tutto evidente che si dovrà conto della volontà che verrà espressa dai cittadini (quale che essa sia).

Se questa volontà sarà positiva si aggiungerà agli altri risultati ottenuti in altre parti del mondo che testimoniano come le popolazioni non vogliano le basi militari.

*

Ribadiamo che ciò che conta è l'espressione popolare, dato anche che, da un recente sondaggio apparso sul Corriere veneto, l'80% dei cittadini di Vicenza vuole la consultazione.

Comunque vada si tratta di un importantissimo precedente: la gente può esprimersi (e lo fa) sulla presenza militare Usa sul suolo italiano; un altro tassello di un intricatissimo percorso che dovrebbe anche portare alla desecretazione degli accordi militari segreti del '48 e '54 dimostrandone quindi l'intrinseca, se non palese, incostituzionalità. Da quel momento in poi il percorso dovrebbe essere più snello, ammesso che per quel giorno la nostra Costituzione esista ancora o abbia conservato la maggior parte del suo alto contenuto di ripudio alla guerra.

 

Pippo Magnaguagno

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 25 settembre 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy