Venerdì , 22 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. “Caro dottor King”
04 Aprile 2008
 

Caro dottor King,

non è la prima volta che le scrivo: la situazione è diversa dal solito perché sto usando una tastiera, ma quando ero bambina le ho già scritto, ricorda? Le ho mandato lettere, dalla mia mente verso le nuvole, e in terza media ho persino composto una tesina sulla lotta per i diritti civili in Usa con la mia compagna di banco. Ho una sua vecchia foto ritagliata da un giornale, in cui lei cammina sottobraccio ad un attivista bianco: state per salire sull'autobus insieme, finalmente insieme, la segregazione è finita. E ho la sua lettera dalla prigione di Birmingham. Con dozzine di altri piccoli pegni, la sua immagine e le sue parole mi aiutano quando sento scemare forza e determinazione.

Come le ho già detto in passato non sono credente, ma so che per lei la fede è stata importante, ed io non disdegno i suggerimenti sensati. Proprio adesso, mi è venuto in mente il profeta Ezechiele. A memoria, credo che abbia detto qualcosa del genere: “Toglierò da voi i vostri cuori di pietra, e vi darò cuori di carne”. Io sto vivendo, dottor King, in un mondo che non mi è mai parso così senza cuore com'è oggi. Povertà, violenza, oppressione ed ingiustizia istituzionalizzata. Ovunque, comunque, senza remissione. Tento di analizzare i fondamenti della situazione, e ossessionante mi si presenta il ritornello del patriarcato, un costrutto che si basa sull'esclusione e si regge su quattro pilastri interconnessi: il dualismo oppositivo, per cui si assume che alcune cose/persone stanno in alto e alcune cose/persone stanno in basso; la gerarchia valoriale che suddivide l'umanità in sottoinsiemi sempre più ristretti; il dominio, che in cima alla piramide della gerarchia pone un piccolo gruppo di persone la cui legittimazione è violenza ad ogni livello e il cui fine è ingordo profitto; l'essenziale disuguaglianza, che considera alcune forme di vita umana un po' “minori” delle altre (quelle di sesso femminile, in primo luogo: il secondo sesso, il bel sesso, il sesso debole...).

Cuori di pietra. Sono necessari alla prosecuzione di questo stato di cose, non c'è dubbio. Se si negano i propri sentimenti, l'empatia, la compassione (quel sentire insieme che è legame umano), il patriarcato promette in cambio potere e autorità: agli uomini, principalmente e per “volere divino” o “legge di natura”, ma alcune donne possono aggregarsi, se riescono a dimostrare una disumanizzazione sufficiente.

Credo che lei sarebbe d'accordo con me, dottor King, se dicessi che chiunque abbia davvero fede e prenda sul serio le Scritture dovrebbe essere conscio della presenza di Dio in ogni altro essere umano che incontra. E credo che non le dispiacerebbe se accostassi il suo lavoro, le sue sofferenze, le sue vittorie e infine il suo assassinio, alla vita di Cristo. Gesù cammina dalla Galilea a Gerusalemme, ascoltando i poveri e i bambini, curando sofferenze, parlando con le donne, cambiando per sempre tutto ciò che incontra. E io penso alla protesta degli autobus ed alla sua gente che cammina, perseverante, coraggiosa, con i piedi stanchi e l'anima riposata.

Lei si sarà chiesto cosa mi leghi alla sua esperienza, oltre ovviamente alla gratitudine, visto che la mia, di esperienza, è così distante e diversa per luogo e per tempo. È che i valori di un predicatore battista, a volte, coincidono con quelli di un'irriducibile ed orgogliosa femminista quale io sono: rispetto per l'altro, eguaglianza, mutualità, interdipendenza, cura.

Il femminismo vede gli ignorati, i dimenticati, gli invisibili. E parla alle donne e agli uomini che sono stanchi del massacro del pianeta, e vorrebbero che la promessa di Ezechiele si avverasse, e avere cuori di carne, sia pure in un mondo di pietra.

Il femminismo non parla dal Sinai, non ha tavole della legge ma solo paziente e costante riflessione, però credo che potrebbe parlare dal Monte delle Beatitudini. Il monte della condivisione del potere, della nonviolenza, della libertà che viene dal conoscere se stessi, e dal riconoscere gli altri. Dove gli individui rifiutano di essere ridotti al silenzio, il femminismo fiorisce. Dove i poveri, i diseredati, le donne, le persone omosessuali, i popoli indigeni, le minoranze, rifiutano di essere pedine sulla scacchiera del patriarcato, e lottano per la propria liberazione, è possibile che il Gesù di cui parlavo cammini con loro. E mi viene naturale pensare, dottor King, che oggi lei farebbe altrettanto.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in commino, 3 aprile 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy