Venerdì , 20 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’INCHIOSTRO E L’ASFALTO 
La tangenziale di Tirano tra finanziamenti e priorità
La statale 38 alle porte di Tirano
La statale 38 alle porte di Tirano 
04 Dicembre 2005
 
   Se l’inchiostro speso per parlare della nuove Strade Statali per Valtellina e Val Chiavenna si fosse trasformato in asfalto, probabilmente saremmo già a buon punto. Approfittando delle facilitazioni del post-alluvione si è costruito il tratto Lovero-Bormio: con la “Strada della Rinascita” si è chiuso il periodo della spesa pubblica spensierata. Poi si è parlato molto: di traforo del Mortirolo, stradale e poi ferroviario, del numero di corsie delle nuove strade, del tracciato ....
   Intanto il traffico aumenta e non si vedono né le nuove strade né una nuova politica dei trasporti. Il motivo dei ritardi nell’apertura dei cantieri è chiaro: al di là delle periodiche promesse, mancano i soldi necessari.
   La memoria va al gennaio di quest’anno, a Delebio, dove i Sindaci si sono riuniti a formare una catena umana ai lati della strada: approfittando della visibilità data dai Mondiali di sci si diceva al Governo che la valle ha bisogno dei finanziamenti. L’iniziativa era del Presidente della Provincia, On. Provera, che aveva formato un “Comitato di mobilitazione per le strade statali 38 e 36”.
   Legambiente, invitata nel Comitato assieme ad altre associazioni (artigiani, industriali, trasportatori...), aveva deciso di partecipare ai lavori che dovevano dare innanzi tutto unità nella richiesta di stanziamenti (per questo l'abbiamo soprannominato il comitato proverà...). Solo in seguito si sarebbero definite le priorità di intervento. Nel Comitato, in subbuglio ma tuttora attivo, Legambiente rappresenta un pezzo di ambientalismo che da almeno un decennio ha seguito le vicende delle nuove strade. Nel ‘94 l’associazione aveva organizzato a Tirano un convegno ("Infrastrutture per quale Valtellina)" nel quale aveva proposto il tema del legame tra infrastrutture e modello di sviluppo, malamente riassunto nell’antagonismo tra due e quattro corsie. Il dilemma due/quatto è di nuovo salito alla ribalta della cronaca negli ultimi giorni. I dubbi sono già stati risolti con l’approvazione del progetto, nel 2003: la nuova S. S. 38 avrà quattro corsie nel tratto Colico- Sondrio e due corsie nel tratto Sondrio-Lovero.
   Il polverone di questi giorni, ingigantito dalla stampa, è legato all’annuncio fatto dall’On. Provera della disponibilità di finanziamenti per 140 milioni di € ai quali si aggiungono 150 milioni di € residui della legge Valtellina che la politica non è riuscita a spendere in più di dieci anni!). La somma ipotizzata è di molto inferiore a quello che servirebbe per l’intera Nuova 38 da Colico a Lovero (costo stimato a circa 1.800 milioni di €, che nessuno ha mai spiegato dove reperire ed in quale arco di tempo). È necessario e logico intervenire sul progetto approvato ritagliando un pezzo, uno stralcio, che si possa realizzare con i soldi disponibili. Il progetto non si cambia, pena l’annullamento della procedura, il che vorrebbe dire passare altri dieci anni a discutere di strada.
   Si deve dare per scontato che la priorità sia del Morbegnese, la zona più urbanizzata della provincia, con i carichi di traffico più consistente, che deve essere attraversata da tutti, anche da chi va a Livigno o allo Stelvio. La discussione è stata portata al di fuori del Comitato e per adesso è sulle pagine dei giornali. Una prima ipotesi, lanciata da Legambiente, immagina uno “stralcio longitudinale” del tratto Colico-Tartano. Dopo l’appalto dei lavori, la terza fase di progettazione dovrebbe adeguare il progetto che provvisoriamente dimagrirebbe (da quattro a due corsie) nel tratto che supera i nodi di Delebio e Morbegno. Questo stralcio costa un po’ più della metà dell’intero tratto, ma probabilmente si può fare con meno dei 290 milioni di € ipoteticamente disponibili. Si potrebbe utilizzare l’avanzo per costruire almeno un pezzo della tangenziale di Tirano.
   Una seconda ipotesi prevede la realizzazione del progetto, così come approvato, fino a Cosio. Si risolverebbero i problemi della viabilità per Delebio. Si dovrebbe aspettare un ulteriore finanziamento per superare il nodo di Morbegno, che non vuole tangenzialine, e poi di Tirano. Ma in lizza ci sarebbero la SS 36, il completamento di Sondrio, la SS 39 per Aprica...
Per togliere il traffico di transito dal centro della città Tirano non ci si deve lasciar tentare da soluzioni tampone: una minitangenzialina rischia di avere un bilancio costi/benefici molto problematico. Meglio agganciarsi al progetto ufficiale presentato dall’ANAS ed approvato dalle amministrazioni locali. Nelle ristrettezze economiche dei bilanci dello Stato e nella difficoltà di conoscere con certezza tempi e modi di esecuzione della tangenziale bisogna lottare per evitare gli sprechi, come quello di avviare a Colico i cantieri di un’opera costosa che porterebbe un traffico veloce fino all’imbuto di Cosio.
   Nell'interesse dei cittadini (...e di tutto il mandamento, nonché dei camionisti e dei turisti in coda) l'Amministrazione di Tirano deve chiedere la cantierizzazione di un 1° stralcio del progetto, corrispondente alla galleria del Dosso. Con una lunghezza di circa 2 Km può costare 40-50 milioni di €, con tanto di connessioni alla viabilità ordinaria a monte e a valle.
La somma è alla portata del finanziamento prospettato e la soluzione sembra la migliore in un’ottica di razionalizzazione delle scelte e efficacia della spesa, che dovrebbe interessare anche al Governo e alla Politica.
   L’On. Provera non ha ancora detto che le decisioni sono già state prese a Roma: per questo il lavoro di questi giorni deve essere intenso, tenendo il fiato sospeso in attesa dell’approvazione della legge Finanziaria che può dare certezze sul finanziamento. I giochi sono aperti su più tavoli: su quello provinciale l’Amministrazioni di Tirano è chiamata a mettere in campo tutto il suo peso; sul piano politico sarà bene che i partiti evitino di concentrarsi troppo sulla campagna elettorale, perdendo di vista i problemi.
   A fianco alle iniziative per "portare a casa un pezzo di strada" e liberare la città dalla morsa del traffico in transito Tirano deve spingere anche l’idea dello scalo ferroviario. Fondamentale per Tirano e per il suo rilancio economico, lo scalo consentirebbe di togliere quantità consistenti di merci dall’asfalto. Quest’opera, considerata da tutti strategica, rilancia l’idea della riorganizzazione della mobilità della Valtellina.
   Rimane aperto il tema della mobilità interna, che con molti piccoli interventi può essere indirizzata verso modelli virtuosi, a misura di bambini ed anziani, con un traffico “moderato” e più piacevole per tutti.

 Legambiente Media Valtellina
(da Tirano & dintorni, dicembre 2005)

Foto allegate

Panoramica su Tirano
Articoli correlati

  Il presidente Provera all’incontro pubblico di domani a Delebio sulla statale 38
  I DS denunciano il rischio di SCELTE SBAGLIATE per l’avvio della realizzazione della S.S. 38
  Mercoledì assemblea a Morbegno sulla S.S. 38
  S.S. 38. La lettera di Ciapponi a Provera
  SS 38. Ds e Margherita sulla manifestazione di sabato
  Antonio Balbiani. Sulla 'tangenziale' di Morbegno
  SS 38. Via libera del Cipe
  SS 38. Al via l'appalto per il 2° stralcio
  SS 38. Giunge anche l'appoggio dei Comuni alla manifestazione di sabato
  SS. 38 e tangenziali, avanti tutta
  Il Cipe dà il via libera alla nuova statale 38
  SS 38. Aggiornamenti e discussioni sulla vicenda della nuova statale su “ilBitto”, Blog di “Cittadini Arrabbiati”
  «È un sogno che si avvera!»
  Mercoledì 14 assemblea a Tirano sulla S.S. 38
  Nuova statale 38: via libera alla realizzazione
  Cipe: vincolati i fondi stanziati al 1° lotto statale 38
  SS38. Messi alla porta proprio i sindaci nei cui comuni l’opera avrà le maggiori conseguenze
  Statale 38: bugie, fatti, prospettive. Incontro con l’on. Lucia Codurelli
  SS 38. Punti irrinunciabili e quesiti rimasti senza risposta
  SS 38. Eccoci al dunque: si parte (male) con gli espropri
  Cipe: 8 milioni di euro per la tangenziale di Tirano
  SS 38. Cosio Valtellino: così il Comune a fianco dei manifestanti
  Statale 38. Appello agli automobilisti
  Nuova statale 38: incontro tra Di Pietro e Provera
  SS 38. Il presidente Provera dal direttore generale dell’Anas
  SS 38. Pressing di Provera su Morbegno e Cosio Valtellino
  SS 38. Lettera aperta al Ministro Di Pietro
  Ennesima promessa da campagna elettorale
  Nuovo sondaggio - SS 38. Quattro corsie, dal Trivio a Cosio: soluzione accettabile?
  SS 38. Espropri: si comincia con Cosio. Convocati per il 4, il 3 sono in Assemblea
  SS 38: Aggirando l’ostacolo il problema rimane
  SS 38. Spendiamo bene le poche risorse disponibili
  Statale 38. Così la Lega risponde ai Ds
  SS 38. Lettera aperta del Comune di Morbegno al Presidente della Provincia Provera
  SS 38. Insediato stamane in Regione il Collegio di Vigilanza dell’Accordo di Programma
  Mi si è ristretta la tangenziale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy