Mercoledì , 29 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Libertà commercio e limitazione orari negozi 
Un desiderio negativo per imprenditori e consumatori
01 Febbraio 2019
 

Firenze – Torna in auge la riforma degli orari di apertura degli esercizi commerciali, cioè la limitazione. Ed è significativo che ciò avvenga proprio quando la Banca d’Italia ci fa sapere che il nostro Paese è in recessione – in politica ed economia contano anche gli aspetti temporali delle decisioni. La proposta è di tenere chiusi i negozi per metà delle domeniche e in dodici festività nazionali, con deroghe di quattro giorni decise dalle specifiche regioni. Sanzioni fino a 60.000 euro per chi non vi si attiene, raddoppiate per i recidivi.

Sarà questo uno dei metodi del governo per cercare di colmare questo gap? Non ci sembra. Non solo, ma crediamo che questo potrebbe essere proprio un buon metodo per fare aumentare la recessione. Ci sembra di capire che al nostro governo non interessino gli investimenti a costo zero, visto che dai negozi aperti a discrezione dei singoli imprenditori (una sorta di atto di fiducia nei confronti dei commercianti) non si potrebbe che avere maggiore movimentazione economica: merci, consumi e posti di lavoro. Non solo. Ci sarebbero anche le ricadute su tutto il sistema di mobilità e la salubrità delle città: quando la mobilità è diluita nei giorni e negli orari, si impediscono le follie del traffico e dell’inquinamento (atmosferico, tempo, rumore, economico, etc): lo spostamento di persone e merci nello stesso tempo è una delle cause del degrado ambientale ed economico dei nostri contesti urbani.

Ma tutto questo sembra che non venga compreso. Con l’aggravante che le risposte che cerchiamo nelle motivazioni per la limitazione, sono poco comprensibili se non, per quanto riguarda l’aspetto lavorativo, legate ad un modo di concepire e organizzare il lavoro che è estraneo al nostro secolo e al nostro mercato. Un solo esempio: in era di affermazione crescente delle vendite online, limitare gli orari dei negozi non fa altro che rendere meno appetibili i negozi fisici.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.1%
NO
 24.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy