Giovedì , 28 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Milano. Approvata la riforma del sistema delle autonomie in Lombardia 
I commenti di Ambrosi (PD Sondrio) e Parolo (sottosegretario Presidenza Regione)
01 Luglio 2015
   

Parere PD Sondrio

 

Con l’approvazione da parte della maggioranza nel Consiglio regionale (Lega Nord, Forza Italia e NCD) della Legge di Riforma del Sistema delle Autonomie Locali si è dissolta oggi, come una bolla di sapone, l’illusione della Provincia Autonoma di Sondrio, come Trento e Bolzano, che era stata alimentata a piene mani sul nostro territorio da parte della Lega Nord.

Non è bastato nemmeno l’appello finale, lanciato alla vigilia del dibattito consigliare da parte di molti Sindaci del nostro territorio i quali, con un documento trasmesso al Presidente Della Bitta e al Presidente Maroni, avevano chiesto di rivedere il testo della Legge inserendo le proposte elaborate dal territorio con la “Carta di Chiavenna”, votata all’unanimità da parte dei Sindaci e consegnata direttamente nelle mani del Presidente Maroni.

Con l’approvazione di questa legge non è stata sfruttata l’opportunità che la legge Delrio ha dato alla provincia di Sondrio con il riconoscimento della “specificità montana": la gestione del Demanio idrico e la determinazione dei relativi canoni idrici, che continueranno ad essere incassati dalla Regione stessa, al contrario di altri territori montani, come la provincia di Belluno. Per non parlare del Federalismo Fiscale che resta solo una pia illusione.

Con questo provvedimento vengono tradite le richieste e le aspettative della nostra gente e di tanti amministratori che ci avevano creduto. (Salvatore Ambrosi, 30/06/2015)

 

 

Parere Ugo Parolo

Sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia

 

Oggi il Consiglio regionale della Lombardia approva una legge coraggiosa, con la lungimiranza di affermare che il sistema delle autonomie è un punto di forza del nostro sistema democratico e non la causa di tutti i mali e gli sprechi. Oggi confermiamo in capo alle Province lombarde le stesse risorse da sempre assicurate dalla Regione per le importanti funzioni delegate, consci che si tratta comunque di un salto nel buio, perché i tagli insostenibili praticati dal Governo e, soprattutto, i tagli programmati per il 2016 e 2017 di fatto cancelleranno il sistema provinciale delle autonomie e quindi paralizzeranno l'erogazione dei servizi ai cittadini.

La legge regionale concretizza, non solo nei principi ma anche nei fatti, la scelta di dare riconoscimento alla specificità dei territori montani: tutti i territori montani, e non solo la Provincia di Sondrio, per la quale vengono certamente disposte misure speciali e assolutamente rivoluzionarie. Si parte da Sondrio per estendere gradualmente a tutta la montagna lombarda le stesse prerogative; Sondrio, perché, come riconosce, la Legge Delrio, si tratta di un territorio interamente montano con prerogative specifiche.

E questo nonostante la specificità di Sondrio sia prevista, nella Legge Delrio, solo formalmente, salvo poi vedersi imporre dal Governo lo stesso trattamento riservato alle altre province lombarde: tagli al Bilancio (circa il 50% nel 2015 rispetto al 2014 - da 24 milioni a circa 12 milioni di euro) e taglio obbligatorio del personale. Grazie al lavoro svolto anche da Regione Lombardia, tuttavia, da Sondrio si può comunque partire, per poi estendere gradualmente il modello a tutti i territori. In questi mesi la mia preoccupazione, ma anche quella del sottosegretario Nava, e, soprattutto, del presidente Maroni, è stata quella di giungere all'elaborazione di un testo che, pur riconoscendo a Valtellina e Valchiavenna forme particolari di specificità, fosse il più possibile equo nei confronti di tutti i territori montani.

Grazie a questa Legge la Provincia non muore e, a partire dal 2016, potrà tenersi tutti i soldi dei cittadini pagati sul territorio. Naturalmente parliamo di tasse regionali, circa 10 milioni in più di canoni idroelettrici, cioè quei canoni che derivano dalle grandi dighe, oltre ai 10 che già erano garantiti precedentemente e dell'intero Bollo auto, che vale circa 18 milioni di euro.

Per la provincia di Sondrio questa è una grande opportunità per avviare un serio percorso di autonomia che naturalmente richiederà tempo, lavoro e costanza, come è avvenuto per le altre Province autonome. Per la Valtellina si aprirà con la Svizzera una prospettiva del tutto nuova, perché la Provincia di Sondrio viene legittimata ad avere rapporti diretti con la Confederazione Elvetica, rafforzando così di fatto il proprio ruolo anche nei progetti Interreg. (Ugo Parolo, 30/06/2015)


Articoli correlati

  “Libero”, campagna per l'abolizione delle Province. Aderiamo all'appello
  Periscopio valtellinese: “Vale la pena salvare questa Provincia?”
  Tre iniziative di Angelo Costanzo e del gruppo consiliare PD in Regione Lombardia
  PierVincenzo Uleri. Abolire le Province? Come e perché?
  Luca Vitali. Salviamo la Provincia... E dopo?
  Province. Bossi: se toccano Bergamo scoppia la guerra civile
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Francesco Pullia. Province: abolirle, mantenerle o rivedere l’intero assetto amministrativo statale? Discutiamone
  “Province, preparatevi a far fagotto!” Intervista del Gazetin a Mauro Del Barba
  Alberto Frizziero. La questione Province: Muoiono o no?
  Primo Mastrantoni. Penati, ovvero dell'inutilità delle Province
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Gaspare Serra. Aboliamo le province!
  Luca Vitali. Il tempo sta per scadere
  Luca Vitali. Abolizione province: l'appuntamento del 31 gennaio
  L'abolizione delle Province (Joshua Held, www.aduc.it)
  Guido Viale. Quanto sono utili le Province
  Giorgio Gemmi. Sondrio provincia autonoma, governata con logiche diverse
  Pd Sondrio. Domani in Consiglio Regionale la Riforma delle Autonomie
  Luca Vitali. Quale autonomia?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy