Mercoledì , 11 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valeria Centorame. Amnistia e pregiudizio
04 Settembre 2012
 

Un'idea giusta nella quale ci si insedia, / al riparo delle contraddizioni, / come al riparo dal vento e dalla pioggia, / per guardare gli altri uomini scalpicciare nella melma, / non è più un'idea giusta, è un pregiudizio. (Georges Bernanos)

Aggiungerei che tenere sequestrati migliaia di individui, per la metà anche innocenti in attesa di giudizio, privandoli delle libertà fondamentali come quello alla salute ed alla stessa vita sfruttando i pregiudizi della “bravagente” è criminale.

Secondo il sociologo Ilvo Diamanti, l'Italia si caratterizza per il rapporto tra i mezzi di informazione (specialmente la televisione) e i fatti di criminalità comune. Diamanti sottolinea come i media italiani puntino alla “serializzazione” e alla “drammatizzazione” dei casi criminali, mentre in altri paesi l'informazione è “puntuale” e “contestuale”. Ciò avviene soprattutto quando si tratta di casi che coinvolgono persone comuni, o che si sviluppano nell'ambito amicale e familiare, specificando l'intento voyeuristico da comunità ristretta. Ulteriori spinte caratteristiche dei media italiani potrebbero venire, sempre secondo Diamanti, dal rapporto con la politica, che tende a sfruttare i media per condizionare la percezione sociale dei fenomeni, e così spostare l'attenzione dell'opinione pubblica, ad esempio, dalla disoccupazione alla criminalità.

E se come sosteneva Charles-Louis de Montesquieu «Gli uomini, in fondo ragionevoli, riducono a regole perfino i loro pregiudizi», sappiamo che purtroppo la politica ha fatto della cosiddetta sicurezza sociale una battaglia propagandistica incutendo paura negli italiani, grazie a media compiacenti e creando non pochi pregiudizi sul mondo carcerario nel suo insieme.

Le nostre carceri lager, abitate solo dagli ultimi e da detenuti in attesa di giudizio provocano sofferenza e morte nell’indifferenza generale, e nell’inconsapevolezza della gente comune, che ignora la realtà.

La realtà è che L'Italia è tra i paesi europei quello dove si espiano le pene quasi per intero e dove le evasioni sono in numero più basso ed è invece il Paese che ha ricevuto la “maglia nera” per la carcerazione preventiva inflitta, collocandosi al primo posto con oltre il 42% di detenuti in attesa di giudizio(di cui la metà sarà statisticamente dichiarata innocente).

La realtà è che L'Italia è il Paese dove secondo il resoconto della situazione carceraria pre e post-indulto pubblicato dal Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria, nei primi 5 mesi il tasso di recidiva (ossia la percentuale di persone che commettono un altro reato e tornano in carcere) è stato del solo l'11,9%, (rispetto a circa il 30% di chi sconta un fine pena). Ed invece nello stesso periodo facevano notizia mediaticamente i pochissimi che tornavano ad essere recidivi dando così la sgradevole “certezza” che il provvedimento fosse errato e creando insicurezza sociale.

La realtà è che le ns. carceri fatiscenti sono ormai divenute veri e propri lager, dove illegalmente sono detenute oltre 20.000 persone in più rispetto alla capienza regolamentare, la realtà è che il nostro paese è pluricondannato per la lentezza dei nostri processi e per trattamenti disumani e degradanti

La realtà è che è purtroppo bastato che il sistema della politica si astenesse dall'utilizzare l'aministia, per opportunità politiche e di consenso, che in un solo decennio dal 1990 ai primi anni del 2000, la popolazione detenuta raddoppiasse e il sistema processuale-penale pericolosamente si avvicinasse ad una stato di assoluta paralisi e che OGGI l'amnistia è un provvedimento urgente, indispensabile, e di Giustizia.

La realtà è che L'Italia è il Paese al penultimo posto per tasso di criminalità (numero di delitti per 100.000 abitanti) da analisi e da fonte Eurostat rispetto a Germania, Francia, Gran Bretagna Spagna ed ha invece il triste primato europeo per il tasso di sovraffollamento carcerario.

In sostanza il problema non sono le poche carceri come ci si vuol fare credere con i vari piani di Governo, infruttuosi e propagandistici, non sono le poche carceri (fatiscenti che andrebbero comunque messe a norma), ma i troppi detenuti! Troppi detenuti ai quali non vengono garantiti i principali diritti umani, quello alla salute ed alla tutela della stessa vita e tutto ciò anche grazie ad un opinione pubblica vittima di falsi luoghi comuni, di troppi pregiudizi e di poca vera informazione.

amnistia amnistia amnistia.

 

Valeria Centorame

(da Notizie Radicali, 31 agosto 2012)


Articoli correlati

  Alessandro Barchiesi. Giustizia lenta
  “Amnistia subito!” Anche a Sondrio davanti al carcere
  Emma Bonino. 25 aprile marcia per una nuova liberazione: dalla partitocrazia
  Emma Bonino. “Napolitano rifiuta il suo ruolo di garante della legalità”
  Marco Pannella. “Dalle nuove catacombe si alzerà la battitura della speranza”
  Valter Vecellio. 25 aprile: la marcia ignota
  Marcia 25 Aprile. “Vi confermo la mia vicinanza nei confronti della vostra meritoria iniziativa”
  Il giorno di Pasqua davanti a Regina Coeli: in fila indiana fino a piazza San Pietro
  Il 25 aprile la 2ª Marcia per l’Amnistia, la Giustizia, la Libertà
  Contro la bancarotta giudiziaria, per Pannella la parola d’ordine è una sola: amnistia
  #iostoconmarco Amnistia Diritto Legalità
  Valentina Ascione. La giustizia a parole
  Carceri/San Vittore: Presidio radicale accoglie Napolitano al grido “Amnistia”
  Valter Vecellio. Complici dei violenti
  Carceri: Iniziative in tutta Italia
  Rita Bernardini. Una lotta che non può fermarsi
  AMNISTIA SUBITO! Flash-mob, a Bologna venerdì sera
  Alessandro Barchiesi. Io voto in carcere
  Partito Radicale NTT. Amnistia: Marcia di Pasqua
  PRNtt. 26 giugno. Manifestazione a Roma nella giornata mondiale contro la tortura
  Valeria Centorame. Amnistia… perché No?
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Bernardini e Pannella: “Davanti alle carceri file silenziose dei parenti dei detenuti”
  Rita Bernardini. Messaggio alle associazioni promotrici della II Marcia per l'Amnistia, la Giustizia e la Libertà
  Valter Vecellio. Giustizia: se è lo Stato a essere in flagranza di reato
  Alessandro Barchiesi. 18-21 luglio 2012
  Valter Vecellio. Le “elementari” verità di Ascanio Celestini mentre la “mattanza” continua…
  Valter Vecellio. Dunque, signor ministro? Dopo la sua “visita” a Regina Coeli, cos’ha fatto, cosa intende fare?
  Claudio M. Radaelli. La nonviolenza a volte “funziona”, a volte no, ma funziona (senza virgolette) sempre
  Carceri: calendarizzata risoluzione sul diritto di voto dei detenuti
  Rino Cammilleri, Vittorio Feltri. “Il Giornale” apre un dibattito sull'amnistia
  Ascanio Celestini. Pro patria. Senza prigioni, senza processi
  AMNISTIA SUBITO! Da mercoledì 18 luglio quattro giorni di nonviolenza, di sciopero della fame e di silenzio
  PRntt. Amnistia per la giustizia e la legalità
  Valter Vecellio. L’“anomala” Basilicata, dove i vescovi aderiscono alle iniziative radicali
  Valter Vecellio. “¿Ministro Severino, por qué no te callas?”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy