Mercoledì , 17 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Iva sui rifiuti. Le cattive e sbagliate informazioni del gestore fiorentino 
I ricorsi per i rimborsi sono legittimi
05 Luglio 2010
 

Il gestore della raccolta dei rifiuti nell'area fiorentina, Quadrifoglio, fa opera di cattiva e sbagliata informazione. Il presidente dell'azienda, Giorgio Moretti (foto), interpellato oggi dal quotidiano La Nazione canta vittoria contro rimborsi e applicazione dell'Iva grazie ad una disposizione approvata nel recente decreto-legge n. 78/2010 che qualifica la Tia come corrispettivo e non tributo. Quindi, dice il nostro: «a differenza di altri abbiano fatto bene a tenere duro», continuando a far pagare l'Iva nonostante una sentenza della Corte Costituzionale abbia qualificato il pagamento delle bollette dei rifiuti come un tributo e non un corrispettivo per un servizio.

Vediamo perché sbaglia.

La Tia (tariffa igiene ambientale) che viene applicata da Quadrifoglio non è quella a cui fa riferimento il decreto-legge n. 78/2010. Che invece riguarda la Tia del Codice ambientale (d.lgs. n. 152/2006), non ancora in vigore perché mancano i decreti attuativi. La Tia fiorentina è quella del Decreto Ronchi (d.lgs. n. 22/97), poi abrogato dal Decreto ambientale.

La questione, quindi è tutt'altro che risolta, perché è nel marasma totale: la Tia applicata è quella di una legge abrogata e sostituita da una nuova che non è entrata in vigore per assenza degli specifici decreti, decreti che dovevano essere emanati entro il 30 giugno 2010...

In questo marasma è bene non cantar vittoria e dedicarsi ad autoelogi, perché una sola è la certezza: la sentenza della Corte Costituzionale che stabilisce che le bollette per i rifiuti sono il pagamento di un tributo e non il corrispettivo per un servizio (quindi niente Iva). Non solo, per i rifiuti oggi si paga:

- rispetto al metraggio della propria abitazione e non alla produzione specifica di rifiuti;

- e, per esempio, per il lavaggio strade, la raccolta dei cani morti, la pulizia delle scritte sui muri, etc.

sono forse questi corrispettivi che il cittadino paga per un servizio preciso e non un tributo per un servizio generico di igiene ambientale?

 

Infine, il decreto-legge n. 78/2010 è solo entrato in vigore, ma non ha concluso il proprio iter, tant'è che al Senato abbiamo fatto presentare emendamenti soppressivi proprio della norma che fa cantare vittoria al presidente di Quadrifoglio.

Al momento, quindi, è legittimata da parte dei contribuenti la richiesta di rimborso dell'Iva pagata illecitamente negli ultimi cinque anni e la pretesa che l'Iva non sia applicata... pretesa non tanto campata in aria visto che, per esempio, il gestore della capitale, Ama, non la fa pagare da tempo.

 

Qui tutte le nostre iniziative in merito

Qui un scheda pratica per cercare di capire il groviglio dell'attuale legislazione:

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy