Lunedì , 18 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Luciano Luciani. “Se mi porti con te” 
La raccolta poetica di Marisa Cecchetti ispirata al contagio, ai suoi guasti, alle sue opportunità
23 Ottobre 2020
 

Scrittrice navigata Marisa Cecchetti. Con pagine ora in prosa ora in poesia, da almeno due decenni, l’Autrice toscana scandisce il tempo della nostra contemporaneità trasfigurando liricamente situazioni e circostanze, persone e piccole storie, incontri e novità del vissuto quotidiano, quello che tutti conosciamo perché comune a ognuno di noi. Sempre chiari e curiosi i suoi occhi e sempre capaci di cogliere il dettaglio significativo, il particolare che racchiude Dio, la pepita dorata comunque presente anche nelle vite più semplici, nelle condizioni umane più ordinarie. Insomma, Marisa Cecchetti è una raffinata evocatrice che, attraverso le parole, si rivela ogni volta capace di far emergere dal confuso apparato del presente suggestioni di bellezza apparentemente invisibili, inquietudini nascoste, vibrazioni sopite di dati memoriali, rintocchi emotivi appena percettibili ai più…

Anche in questa sua ultima breve silloge poetica, Se mi porti con te, 27 testi datati ai tempi recenti, faticosi e dolorosi del contagio, la poetessa pisano-lucchese mantiene tutte le caratteristiche della sua poetica: le sue riflessioni sono offerte in forme sommesse e in un tono modesto. Se l’arredo dei suoi versi si mostra disadorno e, come sua abitudine, preferisce modi stilistici controllati e disciplinati, pure, nei suoi versi sembrano insinuarsi nuove sfumature che evocano un’apprensione mai provata, una nuova paura, un’inedita angoscia: quella recente del contagio, del morbo subdolo e invasivo, un timore che avevamo per sempre relegato nell’ambito opaco di memorie storiche remotissime. Uno sgomento che mai avrebbe potuto riguardare noi, i figli onnipotenti del secolo scorso che pure con maggiore o minore agilità siamo riusciti a traghettarci nell’attuale. Accade così che i versi di Marisa si riempiano di un lessico per lei, artigiana della parola ordinata e composta, del tutto inusuale. Versi e lessico che raccontano di un tempo sospeso sine die, di tremori e antiche paure, di silenzi che bloccano la socialità, di comportamenti impacciati sino all’affanno, di parole e sorrisi nascosti e quasi vergognosi, di un’esistenza che si fa forzatamente introversa. E se le parole della poesia riescono con compiutezza a esprimere questa nuova condizione negativa toccata in sorte all’umanità, possono, ancora una volta e una volta di più, le parole della poesia contribuire a dare speranza? Sì, se ci aiutano i sogni che sanno dilatare i limiti di un’esistenza forzatamente costretta o se, in questo mare opaco di forzata solitudine a cui siamo stati inopinatamente costretti, ci manteniamo capaci di cogliere comunque una parcella di vita, di bellezza. Sì, se ci aiutano il sole, il vento, la pioggia che croscia, un fiore da curare, una canzone improvvisa che ci sorprende e commuove, una primavera che comunque rivendica i propri diritti, la telefonata di un amico…

Non c’è rabbia nei versi di Marisa, né gridi di rivolta esistenziale: piuttosto una pacata accettazione che non è, però, rassegnazione allo stato di cose presente. Continua a mantenersi vigile e imperterrito l’Io dell’Autrice e il suo esercizio della ragione che sa e vuole darsi conto del dolore proprio e di quello altrui e della presenza, non sempre positiva e benigna, dell’uomo nella natura e nel mondo.

 

Luciano Luciani

 

Marisa Cecchetti, Se mi porti con te

Giovane Holden, Viareggio, 2020, pp. 40, € 9,00


Articoli correlati

  Vetrina/ Marisa Cecchetti. Nella piazzetta lungo il fiume la tempesta...
  In libreria, Spot/ Marisa Cecchetti presenta “Il tavolo antico”
  Daniela Toschi. L’indicibile, la “malattia”: riflessioni su “Come di solo andata” di Marisa Cecchetti
  Conversazione a tre voci: Alba Donati, Sandra Vergamini, Marisa Cecchetti
  In libreria/ Annagloria Del Piano. “Mi rotola il vento” di Marisa Cecchetti
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Il tavolo antico” di Marisa Cecchetti
  In libreria/ Marisa Cecchetti. Come di solo andata
  Marisa Cecchetti. Maschile femminile plurale
  Vetrina/ Marisa Cecchetti. Quando mi chiedono i riti...
  Marisa Cecchetti. Roberto Malini, Dichiarazione
  Barolong Seboni. Nell’aria inquieta del Kalahari
  Spot/ Marisa Cecchetti. Come di solo andata
  Marisa Cecchetti. Hanna Rosin, La fine del maschio...
  Marisa Cecchetti. Guerra chiama guerra: ce lo eravamo dimenticato?
  Spot/ Sabato a Lucca. Marisa Cecchetti presenta “Il tavolo antico”
  Marisa Cecchetti. Come di solo andata
  Marisa Cecchetti. Marino Magliani e Giacomo Sartori: Zoo a due
  Marisa Cecchetti. Il fossato
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy