Sabato , 11 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Gianluca Moro. In vincoli in libertà 
(appunti per una poetica della parola nello spazio)
(Giulia Ravarotto)
(Giulia Ravarotto) 
23 Ottobre 2019
 

nasce prima il gesto della danza

o il gesto della nota sul pianoforte?

 

o non partono dallo stesso movimento

dallo stesso centro?

 

(e non si tendono e stirano le corde

del pianoforte, e non si tendono e stirano

i tendini, gli arti, le articolazioni?)

 

e la parola? non nasce da un respiro?

inspiro, imprimo un senso una direzione

e poi pronuncio-espiro-esprimo.

 

la lingua la saliva il corpo

la lingua parlata la saliva il corpo

 

apro lo sterno esplodo parole

apro lo sterno esplodo danze.

 

muovo il corpo, esploro lo spazio.

esploro dunque sono.

sono, dunque suono.

suono perché il corpo risuona,

ossia risuono in continuazione,

vibrando, anche per un soffio di vento,

o se alzo gli occhi, in cerca di un’immagine.

 

suono perché muovendomi produco

suoni.

suono perché decido di farlo.

suono nonostante non abbia

deciso di farlo.

mi muovo perché l’ho deciso.

mi muovo anche se voglio stare fermo.

sto in equilibrio sulla gravità

e per farlo, a onde impercettibili,

mi muovo.

mi muovo per aprire la voce.

si muovono le onde sonore

dalle mie corde vocali,

dalle corde del piano, dell’arco di violino.

vibra il tamburo

vibra il pavimento e vibra il piede.

quale pressione digito

e quale ricevo mentre premo una nota

sul tasto del pianoforte?

mi influenza di più l’emozione che mi arriva

o la direzione del movimento?

 

posso scindere l’emozione dall’intenzione

lo sguardo dalla direzione

il suono dal significato?

 

posso amare senza un’intenzione

danzare senza una direzione?

posso danzare senza una motivazione?

 

posso muovermi per il piacere di muovermi,

sì.

 

posso amare per il piacere di non stare fermo.

posso odiare un certo gesto.

 

posso essere neutrale di fronte a un movimento?

 

posso rispondere anziché domandarmi.

la danza è una risposta alle domande dello spazio

la poesia è una risposta alle esigenze

dello spazio sulla pagina

al movimento delle lettere e della voce sul foglio

la poesia è una risposta corporale

alle domande del linguaggio.

la danza danza le sue motivazioni e si chiede

che cos’é il movimento

e risponde fermandosi, nello stare sospesi.

 

la perdita del centro e il disequilibrio

insegnano a vivere.

il ritorno al baricentro non é mai indolore.

il recupero richiede sforzo

l’ispirazione richiede sforzo

la concentrazione è piacere con uno scopo,

visione con un gioco che crea di volta in volta le regole.

 

Senza guardarci ci ascoltiamo danzare luminosi,

al ritmo di una musica parlata, senza sapere più

dove inizia il gesto e dove prosegue la voce,

dove finisce la parola e ricomincia il movimento.

 

Gianluca Moro

(giantropomorfo, 23 ottobre 2019)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy