Mercoledì , 20 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò africano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Uganda. Il decreto anti-gay non contemplerà la pena di morte
23 Dicembre 2012
 

Il Gruppo EveryOne, Gays Without Borders, i 100 Thousand Poets for Change e la rete di ong che si impegna per i diritti delle persone omosessuali in Uganda accolgono con soddisfazione le parole del presidente ugandese Yoweri Museveni (foto), del Ministro della Morale Pubblica Simon Lokodo e del parlamentare M. Srukundo, che hanno annunciato che la pena di morte non sarà inserita nel decreto legge che inasprirà le pene contro gli omosessuali in Uganda. «Parlamento e governo ugandesi hanno avvertito la pressione della società civile internazionale», ha detto il deputato a un attivista di EveryOne, «l'Uganda inoltre è in procinto di ratificare un protocollo delle Nazioni Unite contro le esecuzioni». Il presidente Museveni, tuttavia, ha dichiarato che, seppure non si prevederanno pene più gravi per l'omosessualità in sé, saranno invece aumentate le pene per coloro che «faranno propaganda dell'omosessualità».

«Ho spiegato alle associazioni LGBT», ha detto Museveni, «che nessuno le reprimerà o ucciderà i loro rappresentanti, purché non facciano la promozione dell'omosessualità. Io stesso non ho mai tenuto comizi per promuovere l'eterosessualità. Quando ho incontrato l'ambasciatore degli Stati Uniti, che mi ha chiesto il perché delle nostre posizioni, gli ho detto che sono sposato da 39 anni, ma non ho mai baciato mia moglie in pubblico né in casa mia davanti ai bambini. Se l'avessi fatto avrei perso le elezioni».

Se i politici manterranno quanto promesso, si tratterà di un primo successo delle azioni civili internazionali contro la legge anti-gay. «Tuttavia le ideologie omofobe sono molto forti nel paese», commenta il Gruppo EveryOne, «ed è forte il rischio che le persone gay, anche se non verranno messe a morte, subiscano di fatto una sorta di morte sociale: costrette a nascondersi, allontanate dalla vita civile, oggetto di sermoni intolleranti da parte dei religiosi e di aggressioni da parte dei violenti. È necessario vigilare: l'azione continua». (r.m.)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy