Mercoledì , 29 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vescovo ortodosso autonomo fermato a Roma da polizia e multato perché indossa la stola. Interrogazione
06 Novembre 2008
 

Secondo un articolo pubblicato dal Secolo XIX di Genova del 14 gennaio 2008, e da altri quotidiani nazionali, il Vescovo della Chiesa Ortodossa Autonoma dell'Europa Occidentale e delle Americhe, Giovanni Climaco Mapelli (foto), è stato fermato a Roma da agenti della Polizia di Stato il 13 gennaio per tre ore ed accompagnato al Commissariato “Borgo” in Piazza Cavour a Roma: gli si contestava di vestire «con abito ecclesiastico», «ad una manifestazione autorizzata», al fine di benedire e pregare in memoria del decennale della morte di Alfredo Ormando, un omosessuale suicidatosi dandosi fuoco in Piazza San Pietro. La Chiesa Ortodossa Autonoma dell'Europa Occidentale e delle Americhe - Metropolia di Milano e Aquileja - è tra i culti elencati dal Cesnur, ed il Vescovo Mapelli è nell'elenco medesimo delle Chiese in Italia (a questa pagina web). Lo stesso è stato regolarmente ordinato il 14 dicembre 2006 a Bergamo come si evince dalla bolla di consacrazione, e indossava propriamente l'abito talare.

Il Vescovo Giovanni Climaco Mapelli ha subito il sequestro della stola vescovile, che gli veniva restituita il 5 aprile 2008 dal Prefetto di Roma, ma la sanzione amministrativa di 154 euro sulla base del codice penale, poi maggiorata ad euro 310, non è stata mai annullata. Si tratta a tutti gli effetti di un atto arbitrario e del tutto illegittimo.

Per queste ragioni, con i senatori Marco Perduca, Emma Bonino, Francesca Maria Marinaro abbiamo rivolto un'interrogazione al Ministro dell'Interno, per sapere se intenda fornire maggiori informazioni rispetto alle circostanze che hanno portato al fermo del Vescovo Mapelli su territorio italiano, dato che il prelato si trovava su Piazza Pio XII che è territorio della Repubblica Italiana, e al ruolo che abbia svolto lo Stato Città del Vaticano nell'intera vicenda, dato che i fax provenienti dalla Gendarmeria Vaticana presso il sunnominato Commissariato, per una serie di equivoci, hanno portato al fermo medesimo del prelato, e come intenda attivarsi il Ministro per arrivare alla conclusione onorevole della vicenda e all'annullamento immediato della sanzione pecuniaria, non sussistendone i presupposti, nonché se non intenda porgere le sue scuse ufficiali al Vescovo Mapelli e alla Chiesa Cristiana Antica Cattolica e Apostolica.

 

Donatella Poretti

 

 

Qui il testo dell'interrogazione


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy