Martedì , 24 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Georgia. Ma l'Italia con chi sta, con Putin o con l'Ue? 
La politica estera da spiaggia è suicida ed omicida
17 Agosto 2008
 

Sono scoraggiata dal silenzio del Governo italiano sulla situazione in Georgia. Dopo essersi preso il merito del piano di pace, il Governo oggi non spende una sola parola sulla totale indifferenza dimostrata dalla Russia sugli accordi presi. Ogni giorno la Russia rimanda il ritiro delle proprie truppe, che continuano ad essere impiegate col chiaro intento di minacciare Tbilisi e l'Europa.

Temo che la Russia oggi possa agire così, senza timore di ripercussioni, anche grazie all'atteggiamento passivo e vacanziero del Governo italiano, simbolo di un'Europa divisa e timorosa, e quindi senza potere contrattuale alcuno. Da una parte Sarkozy e Merkel cercano di fare la loro, annunciando gravi conseguenze diplomatiche e l'accesso alla Nato della Georgia e dell'Ucraina. Dall'altra, l'Italia tace.

Forse non si è ancora capito che ciò di cui siamo testimoni oggi è la conferma delle mire espansionistiche di una potenza dispotica alle porte dell'Unione Europea. Non si può sperare di difendersi da questa minaccia con un ombrellone da spiaggia. Dobbiamo anche noi dire inequivocabilmente all'“amico” Putin che il mancato ritiro immediato dalla Georgia significa mettere in discussione qualsiasi tipo di alleanza, partnership, collaborazione fra i nostri Paesi. L'Italia sta con l'Europa, con la Nato, con la Georgia.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  Marco Perduca. Georgia. Frattini chieda a Kouchner un vertice UE a Tblisi
  Roma. I Radicali presentano oggi il dossier UNPO su possibili ulteriori focolai transcaucasici
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
  Leonardo Mesa. Georgia: un contributo per una lettura disincantata
  Il reportage di Iacona sul Kosovo (Rai 3)
  “Etnia”, la parolaccia che avvelena il mondo
  Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
  Mao Valpiana. Contro la guerra, la nonviolenza
  Georgia e dintorni. Riflessioni
  Giulio Manfredi, Igor Boni. Crisi Georgia: Mosca scherza con il fuoco
  Marco Cappato. Georgia: il PE approva Conferenza di pace transcaucasica aperta ai popoli non rappresentati
  Marco Perduca. «La Goergia non è dall'altra parte del mondo, ma nel cuore d'Europa e come tale va trattata»
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy