Mercoledì , 29 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Partorirai con dolore o col cesareo! 
L'introvabile anestesia epidurale. Interrogazione
27 Giugno 2008
 

Oggi ho depositato un'interrogazione per sapere quali iniziative il Ministro intenda adottare affinché le tecniche di anestesia durante il parto vengano incluse fra le prestazioni garantite e gratuite nei livelli essenziali di assistenza (LEA) del Servizio Sanitario Nazionale.

In Gran Bretagna e Francia l'anestesia epidurale viene utilizzata dal 70% delle partorienti, dal 90% negli Usa, mentre in Italia, da stime dell'Istat risalenti al 2001 (altro non c'è!!), si rileva che solo per l'11,2% dei parti spontanei è stata utilizzata l'anestesia (per il 7,2% locale, per il 3,7% epidurale).

Questo avviene soprattutto perché, non essendo tuttora previsto il controllo del dolore nel travaglio e nel parto tra i livelli essenziali di assistenza del SSN, la decisione se offrire questo servizio è lasciata alla buona volontà delle ASL e delle Regioni, con questi risultati disastrosi.

Nella prospettiva di evitare il dolore, in Italia sempre più partorienti chiedono il taglio cesareo, per cui questi parti sono il 38% sul totale (dati 2007, con un picco del 60% in Campania): il dato più alto tra i Paesi europei e ben oltre il doppio di quello del 15% raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, considerato che la mortalità per la madre è da 2 a 4 volte superiore rispetto al parto naturale.

Questa situazione diventa ancor più incomprensibile se consideriamo i costi: la degenza di 2-3 giorni del parto naturale -anche con analgesia epidurale- passa a 5-7 col cesareo.

Ma ciò che è ancora più incomprensibile è che la revisione dei LEA è già stata affrontata con il DPCM del 23 aprile 2008, che stabilisce (art. 37, comma 3): «Il Servizio sanitario nazionale garantisce le procedure analgesiche nel corso del travaglio e del parto vaginale […]». Ma lo scorso 25 giugno, il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, in audizione in Commissione Affari Sociali alla Camera, ha riferito che i nuovi Lea voluti dall'ex Ministro della Salute Livia Turco non esisterebbero perché la Corte dei Conti non li ha registrati.

Fino a quando il decreto sui LEA rimarrà bloccato, saranno molte le donne che continueranno a partorire con dolore loro malgrado, o a ricorrere, anche quando sarebbe evitabile, al parto cesareo. Insomma, tanto vale a questo punto rettificare il testo biblico: “Donna italiana, partorirai con dolore, o con grande spesa da parte del SSN”. Ma chi ci guadagna da questa situazione?

 

Donatella Poretti

 

 

Qui il testo dell'interrogazione


Articoli correlati

  Parto cesareo e analgesia
  Parto con anestesia epidurale a carico del Servizio sanitario. Era ora!
  Manovra economica. Diffondere e promuovere il diritto al parto naturale e senza dolore
  Parto senza dolore. Epidurale o Oppio, l'importante è che la donna possa scegliere!
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Analgesia per il parto? Sempre un miraggio in Italia
  Parto: primato del cesareo. L'assenza dell'anestesista in sala parto rende impossibile l'analgesia epidurale
  Oppio all'ospedale Careggi di Firenze
  Oppio per partorire all'ospedale Careggi di Firenze
  Vincenzo Donvito. “Abortirai nel dolore”
  Contro la libertà della donna di scegliere come partorire! Osteriche in piazza per la difesa della corporazione
  Parto indolore a pagamento? Incivile, pericoloso e stupidamente costoso per lo Stato
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy