Sabato , 13 Luglio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Pianeta jazz e satelliti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un festival dedicato a Cecil Taylor
16 Ottobre 2007
 

La quarta edizione di “Concerti Contemporanei”, emanazione di “Angelica Festival”, è stata dedicata alla figura innovativa e sperimentale di Cecil Taylor in diversi contesti e proposte. Tre serate tra Modena, Bologna e Reggio Emilia, di cui due previste in duo e l'ultima con l'Historical Quartet.

Ho scritto “previste” perché in realtà l'unica serata che ha rispettato il programma è stata la prima, l'incontro tra il pianista e il batterista inglese Tony Oxley. Una serata di grande livello, con un incontro tra due musicisti che già avevano sperimentato la formula in album e concerti. Oxley si è messo al servizio di Taylor, rinunciando ad un confronto, ma piuttosto assecondando il fiume in piena che ha inondato la platea con grappoli di note (cluster), invenzioni ritmiche e perfino momenti di pensoso lirismo.

La seconda serata prevedeva il duo con Anthony Braxton, ma, al riscontro dei fatti tutto è successo ma del duo non s'è vista traccia. Dopo una iniziale performance di liriche lette da Taylor è seguito un duo pianoforte-contrabbasso, infine si è aggiunto il sassofonista, ma dopo quindici minuti Taylor è uscito inspiegabilmente di scena.

L'ultima serata prevedeva il quartetto ma per almeno un'ora si è visto tutt'altro. Un iniziale duo per voce e percussioni, con Taylor impegnato in vocalizzi e liriche in un inglese (ammesso che lo fosse) incomprensibile. Un solo prima al flauto diritto poi al contrabbasso di William Parker che niente ha aggiunto a quello che di positivo già si sa di lui, e che in fondo sembrava più un riempitivo che non un discorso pertinente. Una performance solistica di Braxton con uso di sopranino, soprano e alto. Un momento artisticamente riuscito, propulsivo e dall'andamento circolare, come le strane giravolte che il musicista eseguiva mentre suonava. Nulla di nuovo ma certo la conferma della strabiliante abilità strumentale e dell'unicità dell'universo musicale braxtoniano.

Poi il momento più alto della serata: quindici minuti di solo pianoforte con una musica scintillante per inventiva, freschezza ed originalità. L'intero universo tayloriano condensato: ottave insistite sulla parte grave della tastiera, rapidi cluster ed una ormai non inusuale vena lirica di assoluta bellezza ed originalità. Una musica da camera contemporanea, colta, ricca di riferimenti e colma di mistero. A seguire, e finalmente, il quartetto. Da subito appare chiaro come la personalità musicale di Taylor sia preponderante e totalizzante. Braxton cerca di insinuarsi negli spazi e nelle pieghe del tessuto musicale con un lungo passaggio in respirazione circolare. Ma è evidente che non si tratta tanto di un quartetto bensì di un trio più un ospite. Non c'è coagulo, non c'è dialogo, non è possibile per il sassofonista che ricoprire una parte marginale e da comprimario. L'assalto al pianoforte da parte di Taylor produce note strappate, ritmicamente tachicardiche e convulse: la sezione ritmica lo segue e, manifestamente, si rivolge apertamente solo a lui. La musica è una cavalcata senza attimi di ripensamento, un lungo travolgente assolo del pianoforte sorretto da contrabbasso e batteria e sempre più raramente intersecato dai fiati. Molto bello, ma rimane il rammarico di un incontro a metà, parzialmente fruttuoso e, quasi certamente, senza futuro.

 

Aggiornamenti, recensioni, novità, suoni e immagini sul blog MondoJazz

 

Roberto Dell'Ava


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.4%
NO
 30.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy