Domenica , 22 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Riformismo
01 Gennaio 2017
 

Il riformismo è stato la più importante politica di sinistra per tutto il periodo detto “tra le due guerre” mondiali, ma da quando si ripresentò, per la seconda volta nella sua plurisecolare esistenza, una crisi strutturale del capitalismo (dopo quella del 1929, cui si rimediò riformisticamente col Keynesismo) siamo finora senza una ipotesi di uscita da data crisi: chi pensa che se ne può uscire per via riformistica e/o riformatrice, per dire con grandi riforme, deve spiegare come; e chi pensa che non si può uscire per via né piccoloriformista, né riformatrice da essa, deve dire che cosa si può fare invece delle riforme. Già a Rosa Luxemburg che si accorse ben presto dei limiti della rivoluzione d'ottobre, la domanda si presentò, ma non fece a tempo ad approfondire la risposta, perché fu uccisa nel 1918 da un Kommando di ufficiali prussiani, in carcere, dove si trovava reclusa: abbiamo solo un rapido appunto su che cosa sarà la rivoluzione, che dice: la rivoluzione sarà uno sciopero generale ad oltranza nel corso del quale le masse costruiscono la nuova società. Bisogna cercar di capire che cosa intendesse quella straordinaria teorica di economia e di politica. Nel mio piccolo ho da tempo cercato di capire e vi rifilo i miei pensamenti perché possibilmente non diciate sciocchezze sulle donne più brave, intelligenti, generose, ma semplicemente maggioritarie.

Per tornare a Rosa, ricordo che era convinta che il massimo di agibilità politica che la classe operaia poteva raggiungere entro un sistema capitalistico era il contratto nazionale di lavoro e il diritto di sciopero. Queste modeste informazioni fanno capire che cosa volesse dire nel citato appunto. Preparare scioperi su tutto, riprenderli ad oltranza e intanto (qui è la massima portata teorica dello scarno appunto) cominciare a costruire da parte delle masse la “nuova società”, non il nuovo stato. Infatti Rosa, come del resto Marx, pensava che lo Stato fosse la massima forma di violenza legittimata (la violenza legittima dello stato si chiama forza: “Forze dell'ordine, Forze armate”) e che lo stato dovesse “deperire” se si vuole poter fare il salto rivoluzionario, cioè “mutare” lo stato di cose presenti.

Sono convinta che ci troviamo qui e non intendo lasciarmi coinvolgere in pettegolezzi su particolari miopi, ciao grazie, il seguito alla prossima: sulla rivoluzione culturale.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy