Giovedì , 21 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giancarla Codrignani. Appello per “Fermare la strage”
06 Maggio 2013
 

Qualcosa accade. Finalmente. Sono sorpresa, anche di me stessa. Nella prima Repubblica, quando non esisteva Internet, alle donne elette a rappresentare il paese erano riservati, ma per telefono, gli stessi insulti in termini sessisti e sessuali che riceve oggi Laura Boldrini. Li lasciavano, i dementi, perfino registrati nelle segreterie telefoniche. Li avranno ricevuti anche Iotti, Anselmi, Bonino. Ma non denunciavamo, e non solo perché ritenevamo insensato fare le vittime e perdere tempo per cose non diverse dal “bella figa” che ci sussurrava qualche altro demente (ma quanti sono!) per strada, ma per qualcosa che, nel fastidio, bloccava. Ricordo che volevo far ascoltare a un'amica avvocata (per non si sa quale evenienza: era il tempo del terrorismo) le registrazioni, ma lei rifiutò con un fastidio che oggi mi sembra fuori luogo.

Politica di genere, dunque, come ai tempi del divorzio o dell'aborto, ma non più solo sui fenomeni derivati dall'assenza dei diritti di genere, ma sulle cause. L'uomo è chiamato in causa, non deve erogare benefici, deve ragionare sul proprio “sé”, sulla cultura del suo genere. La Presidente della Camera non è sola: tre ministre pensano alla task force strategica e viene lanciato l'appello per gli Stati Generali contro la violenza sulle donne (avete già firmato, vero? www.feriteamorte.it) nel giorno in cui altre tre donne sono state uccise. Emma Bonino ha offerto il suo contributo “se potrà servire”: forse non tutte pensano che i governi e le istituzioni si scaldano, poi maiora premunt e accantonano. Bisogna che tutte noi diamo sostegno e solidarietà con unità e coraggio, anche se domani dovremo impegnarci per salvare la cassa integrazione che è di tutti.

 

Aggiungo un commento ad una cosa antica recentemente rievocata. Nella Repubblica di ieri Stefano Rodotà ricorda, per come l'ha memorizzata lui, una mia battuta. Anni fa, mentre prendeva la parola Adele Faccio (la grande esponente radicale che ricordo come una delle più belle persone conosciute a Montecitorio), un deputato della sinistra uscì dall'aula borbottando “è così brutta che mi sento male anche ad ascoltarla”. Io ero vicina a Rodotà ed esclamai: “figurarsi come siamo contente noi donne quando guardiamo Sanguineti”. Anche nella prima Repubblica i maschi stavano stravaccati in Transatlantico a commentare le gambe delle colleghe...

 

Giancarla Codrignani

5 maggio 2013


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy