Giovedì , 28 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. La lotta di Mayara, i media del potere
Mayara Alves, col presidente brasiliano Lula, in una meno nota foto al G8 dell
Mayara Alves, col presidente brasiliano Lula, in una meno nota foto al G8 dell'Aquila 
18 Luglio 2009
 

Se si giudica l'importanza di un fatto dalla copertura che ad esso danno i media, una delle cose più rilevanti accadute al recente summit dei G8 a L'Aquila è lo sguardo di Obama e Sarkozy sul fondoschiena di una ragazza.

Il secondo fatto in ordine di importanza è il menu di sei portate, preparato dal cuoco “personale” del nostro capo di governo, che è stato descritto con dovizia di particolari.

Tornando all'evento principale, come per ogni fotografia l'angolatura da cui è scattata mostra solo parte della scena, e in effetti il presidente Barack Obama non sta guardando la ragazza, sta aiutando un'altra donna (che è più in basso rispetto al piano camera) a scendere le scale. Se voleste sincerarvene c'è il filmato su You Tube con i ghignetti del presidente francese dopo che il fondoschiena scompare dall'obiettivo.

I giornali hanno titolato festosi sul bel didietro che fa girare la testa ai potenti del mondo, e qualcuno si è spinto sino ad informarci che tale didietro era brasiliano. Alcuni media brasiliani, con comprensibile orgoglio nazionale, hanno sottolineato questa appartenenza e su Veja, il più diffuso settimanale del paese, il cantante Tony Belotto ha dichiarato che «fa bene avere un bel fondoschiena da guardare durante una fase economica così turbolenta».

*

Nessuno ha riportato il nome della giovane donna, né i motivi per cui ella presenziava al summit. Se non vi dispiace, questo vorrei raccontarlo io.

Il suo nome è Mayara Alves. Ha diciassette anni ed è la leader di un movimento giovanile che combatte la povertà e la violenza nel quartiere di Santa Cruz, a Rio de Janeiro. Dopo aver partecipato ad una ricerca delle Nazioni Unite su bambini e adolescenti, Mayara Alves è stata invitata dall'Unicef a partecipare al summit dei G8.

Poiché è una persona intera, e non un assemblaggio di parti godibili o meno allo sguardo maschile, ovviamente ci è andata intera, non ha potuto lasciare il didietro a casa. Peccato.

Ah, naturalmente qualcuno ha detto che è colpa sua, e cioè che il vestito da lei indossato, un completo con gonna sotto il ginocchio, era “provocante”. Altri hanno commentato che dovrebbe essere contenta di aver ricevuto l'attenzione dei media.

Il tipo di attenzione non è in discussione, chi se ne frega se da domani Mayara avrà più difficoltà ad essere presa sul serio per quel che fa e quel che dice. Chi se ne frega dei bambini e dei ragazzi di Santa Cruz. Come la vicenda ha dimostrato, c'erano cose ben più importanti da mostrare al mondo.


Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 18 luglio 2009)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy