Sabato , 27 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lista Bonino-Pannella: sintesi delle proposte per l'immediato
31 Maggio 2009
 

Nel corso della conferenza stampa della Lista Bonino-Pannella tenutasi il 27 maggio presso la Sala del Mappamondo della Camera dei Deputati, Emma Bonino e Marco Pannella hanno illustrato le seguenti proposte radicali:

 

- RIFORME ISTITUZIONALI. Sistema maggioritario anglosassone, con collegi uninominali che comprendano ciascuno, al massimo, centomila elettori, come in Gran Bretagna, per restituire al Parlamento effettive funzioni di indirizzo e controllo che devono essergli proprie. Oggi abbiamo, grazie alla legge elettorale in vigore, un Parlamento di nominati e cooptati, non di eletti. È una proposta totalmente alternativa a quella della semplice riduzione del numero dei nominati

 

- RIFORME ECONOMICHE:

1) Riforma delle pensioni. Equiparare l’età pensionabile delle donne a quella degli uomini, ed innalzarla per tutti, gradualmente, a 65 anni entro il 2018. Si tratta di una misura di pura ragionevolezza – abbiamo l’età pensionabile più bassa d’Europa, mentre l’aspettativa di vita è sempre maggiore – che consentirebbe, a regime, di liberare risorse fino a 7 miliardi di euro ogni anno, da destinare ad una riforma degli ammortizzatori sociali di tipo universalistico e all’aumento delle pensioni più basse, in nome di un patto – e non di un conflitto – tra generazioni. Oggi le pensioni assorbono i 2/3 della spesa sociale. I radicali hanno depositato una proposta di legge in questo senso sia nella XV che nella XVI Legislatura.

2) Riforma degli ammortizzatori sociali. In Italia si è affermato e vige ancora oggi un welfare “partitocratico”, particolaristico, che tutela appena il 30% dei disoccupati. La proposta radicale è di passare ad un unico sistema universale di integrazione al reddito per le persone che passano dallo stato di occupazione allo stato di disoccupazione involontaria, nel pieno rispetto dei principi stabiliti dalla delega – lasciata scadere il 1° gennaio scorso e in seguito rinnovata con scadenza al 1° luglio 2009 – senza distinzione di qualifica, appartenenza settoriale, dimensione di impresa e tipologia di contratti di lavoro.

3) Possibilità di riscattare i contributi “silenti”. Secondo alcune stime diffuse dagli organi di stampa, i lavoratori parasubordinati versano ogni anno all’Inps contributi pari a 9 miliardi di euro, ma in cambio ottengono prestazioni per 300 milioni di euro. Il dato contribuisce a svelare il fenomeno dei contributi “silenti” (quei contributi che il cittadino versa, anche per molti anni, senza tuttavia riuscire a conseguire i requisiti minimi stabiliti dalla normativa vigente per poter accedere agli istituiti all’erogazione dei quali i contributi stessi sono finalizzati). I radicali hanno presentato una proposta di legge per introdurre nel nostro ordinamento il principio per la restituzione dei contributi previdenziali quando questi non siano sufficienti a dar luogo alla maturazione di un corrispondente trattamento pensionistico.

4) Regolarizzazione immediata dei circa 500mila immigrati che lavorano per le nostre famiglie ma in “nero”, perché privi del permesso di soggiorno, vittime di una imposta illegalità.

5) Stabilizzazione del lavoro femminile. Molte donne stanno tornando al lavoro per necessità, perché le famiglie, specie se monoreddito non ce la fanno più, ma anche in questo caso si tratta quasi sempre di lavoro nero. In Francia sta dando ottimi risultati l’esperimento del voucher (pagamento dei contributi fatto in parte dai datori di lavoro, in parte dallo Stato), che proponiamo al Governo di adottare in Italia.

 

- EUROPA. La proposta politica radicale è spinelliana, per gli Stati Uniti d’Europa, non burocratica, per una Europa davvero e pienamente politica. Per la “Patria europea” come alternativa al degrado della “Europa delle patrie”, per la riforma “americana”, federalista, laica e liberale in Italia e in Europa. È necessaria una politica rigorosamente laica, come unica via possibile per una società multietnica.

 

(da Notizie radicali, 28 maggio 2009)


Articoli correlati

  I radicali presentano il documento su “La peste italiana”
  Il succo di frutta di Pannella
  Rita Bernardini. “Con questo voto si onora il Parlamento”
  Primo Mastrantoni. Europa. Che fare?
  Calendarizzato voto agli intrasportabili
  Aldo Loris Rossi. Un decalogo per l’Europa
  Enrico Peyretti. Che fare col Caimano?
  Emma Bonino inizia l'occupazione degli studi Rai
  Pier Paolo Segneri. Pannella vuole radunare ciò che è sparso e spartire ciò che è stato radunato
  Europee. 4 liste chiedono la moltiplicazione degli spazi di informazione politica
  Chiusura della campagna elettorale della Lista Bonino-Pannella a Milano
  Tre appuntamenti per un giorno. Prossime iniziative radicali a Milano
  Valter Vecellio. Lettera aperta al direttore de “L’Espresso” Hamaui
  Lista Bonino-Pannella. Un appello (impegnativo) per la partecipazione alla campagna elettorale
  Valter Vecellio. Più che la festa di Casoria a inquietare è che “papi” dilaghi in Europa
  Valter Vecellio. La “resistenza” non è una metafora
  Tino Vittorio. Satyagraha 2009. Aderisco
  Valter Vecellio. Indovina chi non c’è, tra i candidati impresentabili e invotabili di “Micromega”?
  Stati Uniti d’Europa subito!
  Lidia Menapace. Mi spiace che non ce l'abbiamo fatta
  Rosangela Pesenti. Stare dentro o chiamarsi fuori: perché ho scelto di candidarmi nel PRC
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Per un’Europa senza nazionalismi
  Valter Vecellio. Regime: Berlusconi è il prodotto ultimo di un processo che viene da lontano
  “Per una nuova Liberazione: dal sessantennio partitocratico ora, come dal ventennio fascista allora!”
  Decine i personaggi che annunciano il loro voto radicale e, dei radicali, puntualmente subiscono la sorte: silenziati
  Lotta di Liberazione per restaurare la legalità democratica
  Giuseppe Candido. Europa dei Governi Nazionali o Patria europea?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy